Post

Visualizzazione dei post da Ottobre, 2019

Perchè il mondo non mi fa felice?

Immagine
Avevo perso di vista una semplice verità buddista, che ogni cosa che succede nella mia vita è per aiutarmi a diventare più forte, saggia e felice. Avevo lasciato che l'ipocrisia, il risentimento e la lamentela offuscassero il mio senso di gratitudine. [...]
L'anno scorso, in un messaggio alle donne della SGI-USA, la responsabile onoraria della Divisione donne della SGI, Kaneko Ikeda, parlando della sua esperienza di pratica ha detto: «"Il lamento cancella la fortuna. Una preghiera piena di gratitudine crea felicità per tutta l'eternità". Una volta mio marito mi ha detto queste parole e io le ho profondamente impresse nel cuore come una guida per la vita». Molti di noi vivono un'esistenza fatta di lamenti quotidiani, come se dovessero sopportare una ferita che non guarirà mai. Ma, in quanto seguaci di Nichiren portiamo avanti una pratica positiva: recitiamo Nam-myoho-renge-kyo mattina e sera; decidiamo di tirare fuori la sostanziale bontà o Buddità che è dent…
stampa la pagina

Frase dal Gosho - 31 ottobre 2019

Immagine
"Le sfortune di Kyo’o Gozen si trasformeranno in fortuna. Raccogli tutta la tua fede e prega questo Gohonzon. Allora, che cosa non può essere realizzato? Credi nel Sutra del Loto quando dice: «Questo sutra può [...] esaudirne i desideri, proprio come una fresca e limpida fonte può soddisfare tutti coloro che sono assetati» e: «Godranno di pace e sicurezza nell’esistenza presente e nasceranno in circostanze favorevoli nelle successive»."

Dal Gosho "Risposta a Kyo’o" (Raccolta degli scritti di Nichiren Daishonin, volume I, pag. 366)
stampa la pagina

Mappa della felicità del 31 ottobre

Immagine
Qual è la cosa più importante? Non è la vittoria o la sconfitta momentanea. La cosa più importante è continuare ad ardere di passione e mantenere lo spirito di impegnarsi fino in fondo.
stampa la pagina

Giorno per giorno - 31 ottobre

Immagine
È naturale che a volte ci ammaliamo. Ma dobbiamo considerare la malattia come malattia della nostra vita, basandoci sul principio della Legge mistica. In altre parole, non permettete alla malattia di dominarvi, provocandovi sofferenza e angoscia. Nella prospettiva della vita eterna, il vostro vero io, basato sulla felicità, esiste senza ombra di dubbio.
stampa la pagina

La galassia sul monte Sumeru

Immagine
«Credere nell’esistenza di altre forme di vita o in civiltà extraterrestri nell’universo che ci circonda è compatibile con l’insegnamento buddista?»
Siamo soli nell’universo? Questa domanda risale forse agli albori della storia. Abbiamo sempre saputo che esiste almeno un altro mondo oltre al nostro, la Luna: e una volta ammessa l’esistenza di altri mondi, viene spontaneo immaginare che abbiano mari, montagne, flora, fauna e abitanti più o meno simili a noi. Si favoleggia di alieni e guerre stellari già nella Storia vera di Luciano di Samosata, scritta più di diciotto secoli fa. Oggi si ha la sensazione che la scoperta di un’altra civiltà tecnologica sia imminente. Sono stati avviati diversi progetti raccolti sotto la sigla SETI (Search for Extra-Terrestrial Intelligence, Ricerca dell’intelligenza extraterrestre), che prevedono lo scandaglio sistematico delle emissioni radio provenienti dallo spazio, per individuarvi un segnale di evidente origine artificiale: qualcosa come un sibilo c…
stampa la pagina

Frase dal Gosho - 30 ottobre 2019

Immagine
"Non devono esserci discriminazioni fra coloro che propagano i cinque caratteri di Myoho-renge-kyo nell’Ultimo giorno della Legge, siano essi uomini o donne: se non fossero Bodhisattva della Terra, non potrebbero recitare il daimoku. Dapprima solo Nichiren recitò Nam-myoho-rengekyo, ma poi due, tre, cento lo seguirono, recitando e insegnando agli altri. La propagazione si svilupperà così anche in futuro. Non vuol dire ciò “emergere dalla terra”?"

Dal Gosho "Il vero aspetto di tutti i fenomeni" (Raccolta degli scritti di Nichiren Daishonin, volume I, pag. 341)
stampa la pagina

Mappa della felicità del 30 ottobre

Immagine
Anche se ci paragoniamo agli altri non potremo mai diventare uguali a loro, né c'è alcun bisogno di esserlo. Non è saggio emulare gli altri. Se continuiamo a farlo, finiremo per costruire una vita falsa e formale.
stampa la pagina

Giorno per giorno - 30 ottobre

Immagine
Il Gohonzon è la manifestazione dell’esistenza di Nicheren Daishonin, che insegnò kosen rufu. Dunque se recitare gongyo e daimoku e non agite per kosen rufu o per migliorare la vostra vita, il Gohonzon non concretizzerà i suoi veri effetti. Se agite per raggiungere kosen rufu ciò servirà come spinta supplementare e vi aiuterà a elevare il vostro stato vitale con gongyo e la recitazione di daimoku.
stampa la pagina

Crescere sempre

Immagine
Mettere in pratica gli insegnamenti buddisti significa educare la mente e agire con altruismo, senza mai farsi scoraggiare, approfondendo il rapporto con il maestro. Creare dentro di noi un’abitudine al cambiamento e la disposizione a migliorarci. Insegnando ad altri a essere felici senza dipendere. Crescere insegnando a crescere
La direzione che conduce verso la realizzazione personale sembra essere una soltanto: quella del continuo progresso. Anche soltanto di un centimetro, anche di un piccolo passo alla volta, ma mai la stasi completa. «Non avanzare – recita una delle massime del Buddismo – equivale a retrocedere». La strada per la realizzazione, il modo per dirigere la nostra vita verso una direzione positiva, non consente di mollare o abbandonare gli sforzi. Questo non vuol dire che ogni tanto non si possa perdere, subire una momentanea sconfitta, ma la chiave della felicità, il percorso indicato dal Buddismo per forgiare uno spirito invincibile, forte e veramente libero è quel…
stampa la pagina

Frase dal Gosho - 29 ottobre 2019

Immagine
"Se cerchi l’illuminazione al di fuori di te, anche eseguire diecimila pratiche e diecimila buone azioni sarà inutile, come se un povero stesse giorno e notte a contare le ricchezze del suo vicino, senza guadagnare nemmeno mezzo centesimo. Per questo il commentario della scuola T’ien-t’ai afferma: «Se non si percepisce la natura della propria vita, non si possono sradicare le proprie gravi colpe» . Questo implica che, finché non si percepisce la natura della propria vita, la pratica sarà un’infinita e dolorosa austerità"

Dal Gosho "Il conseguimento della Buddità in questa esistenza" (Raccolta degli scritti di Nichiren Daishonin, volume I, pagg. 3-4)
stampa la pagina

Mappa della felicità del 29 ottobre

Immagine
Poiché abbiamo questa vita, viviamola con gioia! In questo modo creeremo valore. E' molto più creativo costruire la nostra felicità, piuttosto che oscurare le nostre giornate con lamentele e senso del dovere.
stampa la pagina

Giorno per giorno - 29 ottobre

Immagine
Gongyo è la pratica che richiama e attiva l’infinito potere che il microcosmo interiore possiede. Esso trasforma il vostro destino, vi fa uscire dai vicoli ciechi e trasforma la sofferenza in felicità; crea un cambiamento, una rivoluzione del nostro io. Gongyo è una rappresentazione in miniatura di kosen rufu nella nostra vita.
stampa la pagina

Budda, così come siamo

Immagine
Una acuta domanda della moglie di Ota Jomyo fornì al Daishonin l’occasione per chiarire l’importante principio di “ottenere la Buddità nella propria forma presente” alla luce della dottrina del Sutra del Loto.
articolo tratto dalla rivista Daibyakurenge
Nel 1260, dopo la persecuzione di Matsubagayatsu, Nichiren Daishonin si rifugiò presso Toki Jonin nella provincia di Shimosa per sfuggire all’ ambiente ostile di Kamakura. Per cento giorni espose il suo insegnamento e fu proprio in quell’occasione che Ota Jomyo e sua moglie, originari di quella provincia, incontrarono il Buddismo del Daishonin grazie a Toki Jonin. Da sempre avevano seguito l’insegnamento della scuola Shingon e pertanto avevano una buona conoscenza della cultura buddista. Ota Jomyo era un alto funzionario del governo di Kamakura, ricco proprietario terriero con notevoli possibilità finanziarie. Malgrado la sua posizione sociale e l’appartenenza all’alta borghesia, egli abbandonò la scuola Shingon per diventare discepolo…
stampa la pagina

Frase dal Gosho - 28 ottobre 2019

Immagine
"Il Sutra del Loto è il bastone che sostiene tutti i Budda delle tre esistenze quando decidono di aspirare all'illuminazione. Dovresti tuttavia affidarti a Nichiren e farne il tuo bastone e il tuo pilastro. Se usiamo un bastone non cadremo lungo gli scoscesi sentieri di montagna o sulle strade accidentate e se ci prendono per mano non inciamperemo. Nam-myoho-renge-kyo sarà il tuo bastone nella montagna della morte."

Dal Gosho "Le spade del bene e del male" (Raccolta degli scritti di Nichiren Daishonin, volume I, pag. 400)
stampa la pagina

Mappa della felicità del 28 ottobre

Immagine
E' necessario osservare attentamente, con saggezza, quali tendenze hanno i nostri figli, fin da piccoli. Così, quando crescendo entreranno nella fase della ribellione, potremo affrontarla con tranquillità, senza agitarci.
stampa la pagina

Giorno per giorno - 28 ottobre

Immagine
Può sembrare giusto porre noi stessi e i nostri scopi avanti a tutto, seguendo i dettami delle emozioni e i desideri. Ma la verità è che nulla è più inaffidabile della mente. La vita no procede mai come un orologio e le cose non sempre sono come abbiamo sperato o progettato. Per questo Nichiren Daishonin affermava di diventare padroni della nostra mente e di non lasciare che la mente fosse nostra padrona. Non dovete permettere di essere governati da una mentre egoista. Dobbiamo invece disciplinarla e controllarla. Questo è il ferreo ammonimento di Nichiren Daishonin.
stampa la pagina

Il potere ha la fede

Immagine
Chi sceglie di credere nel Buddismo di Nichiren spesso all'inizio si fida di qualcuno, dei suoi occhi, delle sue esperienze, della sua gioia di praticare questo Buddismo. Ma è solo una porta che si apre. Varcarla, poi, è un'azione personale. È avere il coraggio e l'umiltà di recitare personalmente Nam-myoho-renge-kyo, malgrado non si sappia ancora bene cosa vuol dire, da dove proviene, a cosa si approderà. È un primo, piccolo, grande salto di fede. Poi, per tutta una vita, lo sforzo sarà quello di credere che attraverso la recitazione di Nam-myoho-renge-kyo la nostra Buddità può emergere, manifestarsi, riempire la nostra esistenza di una gioia che non dipende dagli eventi, dal bene, dal male che incontriamo. È la gioia stessa della vita, la gioia di sentire ovunque la Buddità esistere, anche nel dolore, anche nella morte, anche nei sorrisi più superficiali. Ma che cos'è la Buddità? Che cos'è questo stato vitale che chi prega cerca nelle profondità del proprio esse…
stampa la pagina

Daisaku Ikeda Quotes

Immagine
stampa la pagina

Frase dal Gosho - 27 ottobre 2019

Immagine
"Perciò la preghiera di un praticante del Sutra del Loto [otterrà risposta] come l’eco risponde al suono, come l’ombra accompagna il corpo, come la luna si riflette sull’acqua limpida, come uno specchio raccoglie la rugiada, come un magnete attira il ferro, come l’ambra attrae la polvere, come uno specchio limpido riflette il colore delle cose"

Dal Gosho "Sulle preghiere" (Raccolta degli scritti di Nichiren Daishonin, volume I, pag. 302)
stampa la pagina

Felici ogni giorno del 27 ottobre

Immagine
La letteratura che contribuisce a raffinare, approfondire e salvare l'anima umana svolge un compito affine a quello di una religione che unisce e nobilita le persone. I testi delle grandi religioni, quali la Bibbia e i sutra buddisti, sono autentiche opere letterarie. La letteratura e la religione sono parte dell'eredità spirituale del genere umano. E' di essenziale importanza stabilire il modo in cui avvalersi di questa eredità per la nostra ulteriore crescita come esseri umani.

Daisaku Ikeda - Felici ogni giorno - ed. Piemme
stampa la pagina

Mappa della felicità del 27 ottobre

Immagine
Se in gioventù basiamo la nostra vita solo sulla vanità e sugli aspetti esteriori, con il passare degli anni, ci ritroviamo senza fortuna. Nella vanità non c'è felicità. La strada della felicità non si trova nelle apparenze, ma nello sforzo di costruire la nostra vita, passo dopo passo.
stampa la pagina

Giorno per giorno - 27 ottobre

Immagine
Se consideriamo le difficoltà che incontriamo come sfortuna o fortuna dipende da quanta determinazione abbiamo, dal nostro atteggiamento e dallo stato vitale. Con il coraggio possiamo condurre una vita divertente. Riusciremo a sviluppare un io di una solidità tale che potremo pensare alle prove della vita con un profondo senso di gioia: “Forza ostacoli! Vi stavo aspettando! Questa è l’occasione che attendevo!”.
stampa la pagina

Quel ponte fra l'io e l'universo

Immagine
«Quando parliamo di "creazione" ci riferiamo a quel processo che, "frugando" tra gli elementi già esistenti in natura, consente di portare alla luce tutto ciò che ha una relazione con la vita umana, e di valutare e potenziare le relazioni così individuate tramite l'intervento umano. La creazione, quindi, rielabora l'ordine già esistente in natura per produrne un altro particolarmente vantaggioso per l'umanità.» (Tsunesaburo Makiguchi)
Creatività è sinonimo di libertà. Una libertà esigente e coraggiosa. È creativo chi non si ferma, chi non si arresta alla prigione di un arrivo. E va avanti, cerca, collega, osa, prova, impara. Essere creativi significa tener fede alla propria umanità, anzi ne è la prerogativa. Perché creatività, scrive Daisaku Ikeda, è forzare la pesante porta d'ingresso della vita stessa per far fluire il nuovo dall'interno. Creare etimologicamente significa "fare". Concretizzare il proprio pensiero, la propria visio…
stampa la pagina

Tendai Loto, scuola

Immagine
Altro nome della scuola Tendai, così chiamata perché questa scuola classifica il Sutra del Loto come superiore a tutti gli altri sutra.

Fonte: Nichiren - L'inverno si trasforma sempre in primavera - Mondadori
stampa la pagina

Frase dal Gosho - 26 ottobre 2019

Immagine
"In Cina c’è una cascata chiamata la Porta del Drago. Le sue acque precipitano da un’altezza di cento piedi, più rapide di una freccia scagliata da un forte arciere. Si dice che un gran numero di carpe si raccolgano nel bacino sottostante sperando di risalire la cascata e che quella che riuscirà nell’impresa si tramuterà in un drago. Tuttavia, non una sola carpa su cento, su mille o anche su diecimila riesce a risalire la cascata, nemmeno dopo dieci o venti anni. Alcune sono trascinate via dalle forti correnti, altre cadono preda di aquile, falchi, nibbi e civette, e altre ancora vengono pescate con le reti, con i cesti e a volte perfino con i dardi, dagli uomini che si allineano su entrambe le rive della cascata larga dieci cho. Tale è la difficoltà per una carpa di diventare un drago. [...] Conseguire la Buddità non è più facile che per gli uomini di basso rango accedere ai circoli di corte o per una carpa risalire la Porta del Drago."

Dal Gosho "La Porta del Drago&…
stampa la pagina

Mappa della felicità del 26 ottobre

Immagine
Chi decide di dedicarsi alla felicità degli altri e agisce con coraggio, sviluppa una forza ancora più grande e diventa una persona di capacità e valore illimitati.
stampa la pagina

Giorno per giorno - 26 ottobre

Immagine
Spero che basandovi sulla fede diventerete persone influenti e ricche di virtù, degne di grande rispetto. Vorrei precisare che il successo mondano non equivale alla vera felicità. Una piena realizzazione richiede una profonda comprensione della natura della vita. Chi ha successo nel vero senso della parola è una persona che gode di uno stato vitale libero.
stampa la pagina

In prima persona

Immagine
Fai Daimoku fino in fondo. Dicono. Non smettere. Non importa cosa succede nel frattempo, se tutto sembra crollare. Ma io non ce la faccio più. Sapevo che quando si cerca di tirare fuori la Buddità qualcosa dentro e fuori di noi fa di tutto per lasciarla dove si trova. Ma questa volta i tempi si sono allungati a dismisura e avere pazienza mi sembra una scusa per non ammettere che il Daimoku funziona sì, ma solo per certe cose. Però continuo, anche se non ho la minima percezione che la mia Buddità sta proprio in questo gesto di continuità. E mentre sono davanti al Gohonzon mi rendo conto che andare fino in fondo non è questione di tenacia ma di fede. Nessuno conosce la profondità del proprio karma. Il tempo che occorre per cambiarlo. Ma so anche che il tempo non esiste, che il karma non è il problema che mi perseguita ma i meccanismi con cui la mia mente lo affronta. So che non si manifesta nell'obiettivo che non riesco a raggiungere ma nel modo in cui batte il mio cuore per realiz…
stampa la pagina

Frase dal Gosho - 25 ottobre 2019

Immagine
"Il primo di tutti i tesori è la vita stessa. È scritto che nemmeno i tesori dell’intero sistema maggiore di mondi possono uguagliare il valore del proprio corpo e della propria vita. Persino tutti i tesori di un intero sistema maggiore di mondi non possono sostituire la vita. [...] Alcuni hanno moglie, figli, seguito, possedimenti, oro, argento o altri tesori, a seconda della loro condizione. Altri non possiedono nulla. Comunque, che uno sia ricco o no, niente è più prezioso del tesoro che chiamiamo vita. Per questo motivo gli uomini del passato che furono chiamati santi e saggi offrirono la loro vita al Budda, e in seguito divennero Budda."

Dal Gosho "L’offerta del riso" (Raccolta degli scritti di Nichiren Daishonin, volume I, pag. 997)
stampa la pagina

Mappa della felicità del 25 ottobre

Immagine
Il termine giapponese “educazione” può essere scritto anche con gli ideogrammi “crescere insieme”. I bambini sono una meraviglia della natura e le loro vite risplendono radiose. La loro vivacità è fonte di energia per gli adulti. Dove risuonano le voci allegre dei bambini, là scaturiscono speranza, pace e gioia di vivere.
stampa la pagina

Giorno per giorno - 25 ottobre

Immagine
La spada della Legge mistica e il potere della fede ci permettono di spezzare le catene della sofferenza. Desidero che comprendiate che per assicurarvi libertà e felicità eterne non dovete essere codardi nella fede.
stampa la pagina

La strategia del Sutra del Loto

Immagine
Finalmente è cominciata la "campagna di febbraio" della nuova era. Quest'anno cade il centoquindicesimo anniversario della nascita del mio maestro Josei Toda. Nel mio cuore riecheggia la sua voce, allo stesso tempo risoluta e piena di calore. Un giorno, incoraggiando un compagno di fede che si dedicava allo shakubuku disse: «Quando parli del Buddismo, anche se nessuno ti dà ascolto, le divinità celesti ti stanno ascoltando. Di sicuro ti proteggono. Anche quando nessuno vede il tuo sforzo, il Budda originale ne è a conoscenza». Alle divinità celesti non sfugge nemmeno un piccolissimo sforzo o impegno profuso per realizzare kosen-rufu, perché il principio della Legge di causa ed effetto secondo il Buddismo è assoluto. Qualunque sia la nostra condizione, viviamo fino in fondo con serietà e sincerità per realizzare il voto di maestro e discepolo. Quando prendiamo questa decisione, non abbiamo nulla da temere. Da una prospettiva che abbraccia passato, presente e futuro, la f…
stampa la pagina

Frase dal Gosho - 24 ottobre 2019

Immagine
"Quando una persona riceve grandi lodi dagli altri, sente che non esiste difficoltà impossibile da affrontare. Tale è il coraggio che generano le parole di lode. I devoti che nascono nell’Ultimo giorno della Legge e propagano il Sutra del Loto incontreranno i tre tipi di nemici, che li faranno esiliare e persino condannare a morte. Ma il Budda Shakyamuni avvolgerà nella sua veste coloro che, nonostante tutto, persevereranno nella propagazione. Tutti gli dèi celesti faranno loro offerte, li sosterranno con le spalle e li porteranno sul dorso. Essi posseggono grandi radici di bontà e meritano di essere le grandi guide di tutti gli esseri viventi."

Dal Gosho "Il vero aspetto di tutti i fenomeni" (Raccolta degli scritti di Nichiren Daishonin, volume I, pag. 341)
stampa la pagina

Mappa della felicità del 24 ottobre

Immagine
Nulla è più forte della sincerità. Se manca la sincerità non c'è amore, né generosità, né umorismo. Anche il sorriso e la saggezza vengono meno. La sincerità è ciò che tocca il cuore degli esseri umani, è la chiave per realizzare grandi risultati nella vita.
stampa la pagina

Giorno per giorno - 24 ottobre

Immagine
Il solo modo per realizzarsi è portare a compimento ciò che è più immediato. Questo principio si applica a tutti i campi: nella nostra vita quotidiana, nel lavoro, nella famiglia come nel progresso di kosen rufu.
stampa la pagina

Nel bui, una lanterna

Immagine
Quando fu nominato terzo presidente, Ikeda sapeva di avere davanti un lungo percorso: «Finché noi della SGI sosterremo la filosofia Soka, la luce di speranza della creazione di valore risplenderà». Oggi, i membri di tutto il mondo diffondono questa filosofia di pace.
Proprio come cinquantacinque anni fa, abbiamo potuto celebrare questo 3 maggio in una giornata di sole, dopo aver conseguito insieme brillanti vittorie in tutti i campi. La sera del 2 maggio 1960 la pioggia cadeva incessante e i membri erano preoccupati per le condizioni meteorologiche del giorno seguente, quando sarei stato nominato terzo presidente della Soka Gakkai. Nonostante la pioggia, ero fermamente deciso ad assumere la guida del movimento di kosen-rufu, ma non volevo che i membri rimanessero delusi a causa del brutto tempo. Quella sera, quando terminati i preparativi tornai a casa, impugnai la spada da cerimonia che mi era stata donata dal mio defunto maestro Josei Toda e uscii nel nostro piccolo giardino, sotto…
stampa la pagina

Frase dal Gosho - 23 ottobre 2019

Immagine
"Il potente guerriero, il generale Li Kuang, la cui madre era stata divorata da una tigre, scagliò una freccia contro una pietra, scambiandola per la tigre, e la freccia vi si conficcò fino alle piume. Ma quando si rese conto che si trattava di una pietra, non riuscì più a perforarla. In seguito a ciò divenne noto come il generale Tigre di Pietra. Lo stesso è successo a te: sebbene i nemici siano in agguato, forse la tua risoluta fede nel Sutra del Loto ha sventato le loro persecuzioni prima ancora che si verificassero? Comprendendo questo, devi rafforzare la tua fede più che mai."

Dal Gosho "Il generale Tigre di Pietra" (Raccolta degli scritti di Nichiren Daishonin, volume I, pag. 846)
stampa la pagina

Mappa della felicità del 23 ottobre

Immagine
Che belle sono le persone che nutrono un sincero desiderio di crescere! Se smettiamo di avanzare, il viaggio della nostra vita finisce. Finché siamo vivi, continuiamo a progredire cercando sempre qualcosa di più nobile, vasto e profondo.
stampa la pagina

Giorno per giorno - 23 ottobre

Immagine
Per quanto riguarda gli insegnamenti fondamentali del Buddismo e del Gosho, spero che, sicuri della loro assoluta correttezza, innanzitutto lotterete per metterli in pratica. Vi prego di farlo poiché questa è la strada più breve verso la profonda comprensione dell’essenza del Buddismo.
stampa la pagina

Una relazione proporzionalmente inversa

Immagine
Il Sutra del Loto salva chiunque stabilisca con esso un legame. Che si può creare perfino calpestandone i rotoli, come è accaduto alla protagonista di questa storia.
Viveva una volta in India una donna gelosa che, per odio verso il marito, distrusse tutto ciò che c’era in casa. La rabbia furibonda le alterò i tratti del volto: i suoi occhi ardevano come il sole e la luna e la sua bocca pareva vomitare fiamme. Somigliava a un demone rosso o a un demone blu. Essa afferrò il quinto volume del Sutra del Loto, che il marito recitava da alcuni anni, e lo calpestò furiosamente con entrambi i piedi. Quando poi morì, cadde nell’inferno, ma i suoi piedi non vi entrarono. Per quanto i guardiani dell’ inferno li colpissero con mazze di ferro, i piedi rimasero fuori, come beneficio della relazione contraria, formata calpestando il Sutra del Loto». (Dal Gosho Persecuzione con spade e bastoni)
Avete presente quella volta in cui vostro figlio/cugino/collega... vi ha fatto salire il sangue al cervello?…
stampa la pagina

Frase dal Gosho - 22 ottobre 2019

Immagine
"Ma c’è una differenza fra i benefici del daimoku recitato da un santo e i benefici del daimoku che recitiamo noi?. Per risponderti, nessuno dei due è in alcun modo superiore o inferiore all'altro. L'oro posseduto da uno stolto non è differente dall'oro posseduto da un sapiente; il fuoco acceso da uno stolto è uguale al fuoco acceso da un sapiente. Tuttavia c'è una differenza se si recita il daimoku e allo stesso tempo si va contro l'intento di questo sutra."

Dal Gosho "Le quattordici offese" (Raccolta degli scritti di Nichiren Daishonin, volume I, pag. 670)
stampa la pagina