La più grande fonte di forza

Nei momenti bui, nessuna luce ci sostiene come il voto di dedicare la vita a kosen-rufu. Una fede inesauribile e fresca come l'acqua che scorre può continuare a fluire solo in una vita sostenuta da una grande promessa

«Oggi ci sono persone che credono nel Sutra del Loto; la fede di alcuni è come il fuoco, quella di altri è come l'acqua. Quando i primi ascoltano l'insegnamento, ardono di passione come il fuoco, ma, con il passare del tempo, tendono ad abbandonare la fede. Avere fede come l'acqua significa credere sempre, senza mai retrocedere. Poiché tu mi hai sempre fatto visita, senza retrocedere di fronte a nessuna situazione, la tua fede è paragonabile all'acqua che scorre. Ciò è ammirevole, veramente ammirevole!»
I due tipi di fede, RSND, 1, 798
Nichiren Daishonin invia questa lettera a Nanjo Tokimitsu da Minobu nel 1278. Lo ringrazia per le offerte che il discepolo gli ha inviato, e per lodarlo utilizza il concetto dei due tipi di fede: una altalenante come il fuoco e l'altra incessante come l'acqua che scorre. Tokimitsu era un discepolo sinceramente devoto, dalla fede incessante come l'acqua e dai diversi scritti a lui indirizzati possiamo dedurre che inviasse offerte al suo maestro ogni mese.
Nelle sue lettere il Daishonin sottolinea spesso la difficoltà nel mantenere la fede, ma mette in luce anche quanto questa sia indispensabile per conseguire la Buddità: tutto dipende dalla fede, niente è più importante. E una fede che non retrocede mai, qualsiasi cosa accada, ci permette di vincere nella vita.
Quest'anno ho avuto la fortuna di partecipare al Corso europeo dei giovani a Trets. Per tutta la durata del corso siamo stati incoraggiati a utilizzare quell'occasione per formulare il nostro grande voto personale poiché quello sarebbe stato la nostra luce nei momenti più bui. Il voto è la più grande fonte di forza per l'essere umano.
Nichiren ha manifestato una fede incessante come l'acqua grazie al suo profondo desiderio di rendere felici le persone nell'Ultimo giorno della Legge. Il presidente Makiguchi ha dedicato la sua vita, senza mai retrocedere, alla propagazione del corretto insegnamento, mosso dal desiderio di vedere sradicate le sofferenze dell'umanità. Il presidente Toda, spinto dall'amore per il suo maestro e dall'assoluta decisione di realizzare una grande espansione prima della sua morte, ha dedicato tutta la sua esistenza alla realizzazione di kosen-rufu in Giappone senza mai farsi intimidire dalle funzioni demoniache della vita. Facendo proprio il voto del suo maestro, Daisaku Ikeda ha manifestato una fede invincibile anche davanti a terribili avversità, propagando il movimento buddista in tutto il globo.
La storia della Soka Gakkai è la storia di esseri umani dalla fede come l'acqua, è la storia di persone che, senza retrocedere mai, hanno continuato a recitare Daimoku giorno dopo giorno, facendo appello al potere del Gohonzon e basando le loro vite sugli scritti di Nichiren Daishonin. Così facendo hanno manifestato il cuore del re leone che non teme nulla, la stessa condizione vitale del Budda. Grazie al corso europeo ho potuto capire che nonostante la mia pratica fosse sempre rimasta costante, la mia vita stava in qualche modo ristagnando. Il mio spirito di ricerca e la decisione di lucidare ogni giorno un po' di più il mio carattere stavano diminuendo. Stare insieme a centinaia di giovani provenienti da tutta Europa, uniti al cuore di sensei, mi ha permesso di risvegliare quell'atteggiamento pieno di energia dei giovani. Ho compreso che una fede incessante come l'acqua può esistere solo se sostenuta da un grande voto, il voto di dedicare le nostre vite a kosen-rufu.
Al mio ritorno a casa, con il voto nel cuore di cambiare questo mondo insieme alla Soka Gakkai e al mio maestro, ho deciso di dialogare con quante più persone possibile per trasmettere loro la grandezza del Buddismo. Ho deciso di creare io per prima legami di fiducia nel mio posto di lavoro. Ho capito che non voglio arrendermi nella lotta per la giustizia, la verità e la crescita del mio paese perché il mio compito come membro della Soka Gakkai è proprio quello di non smettere mai di credere e di portare speranza a tutte le persone.

NR n° 568 - 1 novembre 2015 - di Alessandra Bomboni
stampa la pagina

Commenti

  1. Una testimonianza bellissima grazie

    RispondiElimina
  2. Grazie 🙏 ☀️ ❤️ Ogni giorno si riparte con ferme convinzioni e fede come l'acqua! Questa bella lettura mi ha "ricentrato". Avanti, verso bellissimi orizzonti!!!! KOSEN RUFU! 💫❤️

    RispondiElimina
  3. Grazie Infinite!!!!! 🌈💪🔥🙏☀

    RispondiElimina
  4. Grazie. Bellissimo 🙏🙏🙏🙂

    RispondiElimina

Posta un commento

E' possibile inserire il tuo vero nome o un nickname scegliendo "Nome/URL"