I Bodhisattva della terra, pilastri della società

Le grandi opere architettoniche sono sorrette da solidi pilastri.
Per contribuire alla costruzione di un grandioso futuro, un folto e crescente numero di Bodhisattva della Terra è emerso nella Soka Gakkai a sostegno della società, facendo della suprema filosofia del Buddismo del Daishonin il fulcro centrale della propria vita.
Il Budda originale, Nichiren Daishonin, si stagliò all'orizzonte della sua epoca come «il pilastro del Giappone» (RSND, 1, 254) o, per meglio dire, il pilastro del mondo intero. Anche quando dovette affrontare la persecuzione di Tatsunokuchi, in cui rischiò la vita, rimase imperturbabile, senza vacillare nemmeno un attimo, e dichiarò con grande serenità: «Adesso io, Nichiren, sono il più grande devoto del Sutra del Loto in tutto il Giappone e sono senza colpa alcuna» (Ibidem, 681).
L'atteggiamento maestoso del "re leone" manifestato da Nichiren Daishonin fece impallidire i soldati, e li fece dubitare di ciò che pensavano di lui; uno dopo l'altro finirono per cambiare opinione, dimostrandogli completa fiducia.
In una lettera il Daishonin esorta i fratelli Ikegami, nostri predecessori qui a Tokyo, a prendere esempio dal suo comportamento: «Siate coraggiosi come Nichiren» (Ibidem, 437).
Lo spirito della Gakkai è questo coraggio che abbiamo ereditato dal Daishonin. Che venga sferzato da venti favorevoli o sfavorevoli, di lode o critica, il pilastro della convinzione Soka è irremovibile. Senza alcun timore, noi ci pronunciamo sempre a favore di ciò che è giusto. Per questo siamo in grado di cambiare il cuore di chi ci circonda.
Mi tornano in mente le parole di Harvey Cox, professore emerito della Harvard University con il quale ho pubblicato una serie di dialoghi sul tema della pace e della religione nel ventunesimo secolo: «Per vincere la codardia bisogna credere fermamente che il modo di pensare delle persone e il loro atteggiamento possono cambiare».
Con instancabile tenacia e desiderando la prosperità e la sicurezza delle loro comunità, i nostri compagni hanno continuato a pregare dal profondo del cuore per la felicità dei loro amici affinché potessero rigenerare la loro vita grazie alla pratica buddista, impegnandosi costantemente nel dialogare sinceramente con gli altri. Benché a volte derisi, ignorati o addirittura insultati, hanno perseverato con coraggio nel dialogo, certi che kosen-rufu significa non lesinare gli sforzi per andare incontro alle persone, e che "adottare l'insegnamento corretto per la pace del paese" significa affermare le proprie convinzioni senza risparmiare la voce.
La nobile immagine dei nostri compagni di fede che incarnano la figura del Bodhisattva Mai Sprezzante resterà sempre profondamente impressa nel mio cuore.
Siamo entrati in un'epoca in cui le azioni perseveranti e disinteressate dei membri della Gakkai, i "pilastri della comunità", riscuotono la completa fiducia di sempre più persone.
Il Daishonin dichiara: «Io, Nichiren, benché sia una persona umile, ho ricevuto dal Budda Shakyamuni il regale ordine di venire in questo paese: chiunque dica una sola parola offensiva contro di me commette un crimine che lo condanna all'inferno di sofferenza incessante; chi dirà anche una sola parola o una sola frase in mio favore acquisterà meriti più grandi che se avesse fatto offerte a innumerevoli Budda» (RSND, 1, 294).
Tutti noi che seguiamo le orme del Daishonin risvegliamo nel nostro cuore la fierezza di essere "i pilastri della filosofia del rispetto della dignità della vita", "i pilastri della felicità e della sicurezza della gente" e "i pilastri della coesistenza pacifica dell'umanità".
Un giorno il mio maestro Josei Toda ci incoraggiò dicendo: «Quando ti rivolgi agli altri sulla base della preghiera, sentirai emergere la grande gioia della Buddità; e finché questa gioia della fede arde dentro di te, potrai aiutare sempre più persone a creare un legame con il Buddismo del Daishonin!».
Con una convinzione assoluta nella fede, sicuri di noi stessi, impegniamoci insieme ai giovani per condividere con gli altri la nostra visione, piena di speranza, della vita e della società!

Come Bodhisattva della Terra
decidi di fare della tua vita
un pilastro della società,
e continua a difendere la verità e la giustizia
senza paura alcuna.


di Daisaku Ikeda - NR n° 607 - 1 luglio 2017
stampa la pagina

Commenti