Il Sutra del Loto #111

Tutti gli esseri umani sono dei Budda

Quali associazioni o significati hanno suggerito le parole Myoho-renge-kyo Nyorai juryo-hon a coloro che, sin dall’antichità, hanno letto e recitato il Sutra del Loto?
Sicuramente molti le avranno lette superficialmente, inconsapevoli del loro profondo significato. Tanti altri però hanno dibattuto a lungo sul significato del titolo di questo capitolo; tra questi solo pochi, tra cui il cinese T’ien-t’ai, hanno afferrato correttamente il contenuto del capitolo Rivelazione della vita eterna del Budda spiegandone correttamente il titolo.
Nessuno comunque lo ha mai letto e interpretato con più chiarezza di Nichiren Daishonin che afferma: «Il titolo di questo capitolo tratta un argomento importante che riguarda proprio Nichiren. Si tratta della trasmissione descritta nel capitolo Mistico potere» (Gosho Zenshu, pag. 752). Solo il Daishonin poté leggerlo come riguardante lui personalmente e relativo alla trasmissione del capitolo Mistico potere (ventunesimo). In esso Shakyamuni affida a Jogyo e agli altri Bodhisattva della Terra il compito di diffondere il Sutra del Loto dopo la sua morte. L’essenza di questo insegnamento, che può condurre tutte le persone dell’Ultimo giorno della Legge all’Illuminazione, è Nam-myoho-renge-kyo, la grande Legge del tempo senza inizio celata nella profondità del capitolo Rivelazione.
Il Daishonin si assunse il compito di propagare la Legge mistica fra la gente dell’Ultimo giorno della Legge, poiché la sua vita era Nam-myoho-renge-kyo e lui la reincarnazione del bodhisattva Jogyo.
Il titolo riguarda anche il beneficio di Nam-myoho-renge-kyo. Le parole Nyorai juryo significano letteralmente “sondare l’esistenza del Tathagata”, vale a dire discernere la vastità dei benefici accumulati dal Budda. Quanto più lunga è la sua vita, tante più persone egli può condurre alla felicità, accumulando così un beneficio ancora maggiore.
Analogamente T’ien-t’ai afferma che il termine Juryo (“sondare l’ esistenza”) significa misurare e spiegare i benefici dei vari Tathagata, consistenti proprio nei tre corpi o proprietà illuminate: il corpo del Dharma, o proprietà della Legge (la verità a cui il Budda è illuminato), il corpo di beatitudine, o proprietà della saggezza (la saggezza che il Budda ha ottenuto) e il corpo manifesto o proprietà di azione (la forma fisica del Budda in questo mondo e le sue azioni compassionevoli). Spiega inoltre che il vero Budda (che vive in questo mondo eternamente e possiede la virtù delle tre proprietà) è Shakyamuni, che raggiunse l’Illuminazione nel remoto passato di gohyaku-jintengo.
Secondo il Buddismo del Daishonin, invece, la fonte del beneficio del Budda eterno, dotato delle tre proprietà illuminate, è Nam-myoho-renge-kyo. Il beneficio del Budda illuminatosi nel remoto passato deriva da Nam-myoho-renge-kyo.
Il Daishonin quindi suggerisce che il titolo del capitolo Rivelazione va inteso come «Durata della vita del Tathagata di Nam-myoho-rengekyo». (Gosho Zenshu, pag. 752).
Josei Toda affermò: «Aggiungere la parola Nam cambia completamente il significato di Tathagata». Leggere il titolo nella forma di Nam-myoho-renge-kyo Nyorai juryo è sondare il beneficio del Tathagata di Nam-myoho-renge-kyo, cioè del Budda celato nella profondità del capitolo.
Il Daishonin, essendo il Tathagata di Nam-myoho-renge-kyo, dice che il titolo «tratta una questione importante che riguarda lo stesso Nichiren».
Questo Budda implicito nel capitolo è definito come eternamente dotato dei tre corpi, a significare che egli li possiede naturalmente sin dall’inizio. Il Daishonin afferma: «“Eternamente dotato dei tre corpi” si riferisce al devoto del Sutra del Loto nell’Ultimo giorno della Legge. Il titolo onorifico di chi è eternamente dotato dei tre corpi è Nam-myoho-renge-kyo [...] Tathagata si riferisce a tutti gli esseri umani. In particolare, si riferisce ai discepoli e ai seguaci di Nichiren» (Ibid.). Se recitiamo sinceramente Nam-myoho-renge-kyo, dice, «attimo dopo attimo scaturiranno in noi i tre corpi dei quali siamo eternamente dotati» (Ibid., pag. 790). Che meraviglia! Ciascuno di noi può manifestare e sondare il beneficio della Legge di Nam-myoho-renge-kyo implicito nel capitolo Rivelazione.
Secondo il Buddismo di Nichiren Daishonin, il capitolo esplora ed esalta il beneficio incommensurabile che possiede chi basa la propria vita sulla Legge mistica. Allo stesso modo, da questo punto di vista il titolo del capitolo emana la luce radiosa del Buddismo della gente comune.
stampa la pagina

Commenti