Il tempo delle mele... mature

Fine dell'anno, tempo di bilanci, di riflessioni, di realizzazioni in extremis, di rideterminazioni. Tempo di ricordare l'importanza dei nostri desideri terreni come carburante e stimolo per la nostra pratica buddista quotidiana. Quanti conoscono il principio di BONNO SOKU BODAI, "i desideri terreni sono illuminazione"? Dove quel "sono" corrisponde a soku, quel mistico processo di trasformazione del desiderio in Illuminazione, attraverso la recitazione di Nam-myoho-renge-kyo.

Il desiderio è come una mela acerba che, inondata dai caldi raggi del Daimoku, diventa una bella mela matura, che spunta al posto giusto nel ricco e meraviglioso frutteto della nostra vita. In sostanza la cosa importante è andare fino in fondo nel trasformare completamente con il Daimoku la sofferenza legata a un nostro desiderio, poichè solo in questo modo esso manifesterà la sua vera identità nella nostra vita: o la realizziamo, oppure ci rendiamo conto, con gioia, che in fondo non era proprio ciò che ci interessava, ma che si trattava semplicemente di un'illusione. E allora forza! Come tanti alberelli carichi di mele acerbe, tiriamo fuori il coraggio di farle maturare, con convinzione, perseveranza e soprattutto con il sole di Nam-myoho-renge-kyo!
stampa la pagina

Commenti

Posta un commento