Post

Visualizzazione dei post da Agosto, 2017

Buddismo: dalla pratica alla teoria #7/7

Immagine
Le tre prove
Nichiren Daishonin ha detto che ci sono tre modi per capire, valutare e giudicare gli insegnamenti religiosi e filosofici: le «tre prove». La prima è quella documentaria, e si riferisce ai testi e alle scritture di un particolare insegnamento. La prova documentaria del Cristianesimo è la Bibbia, quella dell'Islamismo è il Corano, e i Sutra sono i documenti del Buddismo. La seconda, detta la «prova teorica», analizza con quanta coerenza una dottrina spieghi la realtà della vita tenendo conto del periodo storico nel quale essa è sorta. La maggior parte dei credo religiosi e filosofici si limita a fornire queste due prove. Nichiren Daishonin ne aggiunge una terza, la «prova concreta». In termini di esegesi religiosa, ciò significa verificare gli effetti che la teoria in questione produce quando viene messa in pratica. In parole povere significa porsi questa semplice domanda: come funziona? Alcune religioni chiedono ai propri fedeli di credere per fede anche agli aspetti …
stampa la pagina

Frase dal Gosho - 31 agosto 2017

Immagine
"Inoltre il Sutra del Loto afferma di essere «la buona medicina per i mali della gente di Jambudvipa». Le persone di questo nostro mondo, il continente di Jambudvipa, sono malate, ma il Sutra del Loto è la loro medicina. Nel tuo caso, essendo già presenti i tre requisiti, com’è possibile che tu non guarisca? Ma se nutri dubbi, non è in mio potere aiutarti."

Dal Gosho "Risposta al prete laico Takahashi" (Raccolta degli scritti di Nichiren Daishonin, volume I, pag. 542)
stampa la pagina

Buddismo: dalla pratica alla teoria #6/7

Immagine
Il termine «Legge» viene qui impiegato nella sua accezione scientifica piuttosto che giuridica, nel senso che possiamo utilizzare la Legge di Nam myoho renge kyo proprio come utilizziamo la legge di gravità. Se ignoriamo quest'ultima e, per esempio, ci lasciamo cadere dal tetto di un palazzo, subiremo gravissime conseguenze. Analogicamente, se andiamo contro la legge della vita, per esempio negando il principio di causa ed effetto che ne costituisce un aspetto centrale, prima o poi si manifesteranno i risultati, sotto forma di sofferenze. L'analogia con la legge di gravità è evidente, ma vorrei utilizzarla ancora per un esempio. I bambini che non sono consapevoli di questa legge di natura, possono con totale noncuranza del pericolo esporsi a gravissimi rischi nei pressi dimun baratro, mentre i loro genitori sono presi da grave angoscia non appena se ne accorgono. Allo stesso modo, chi non comprende la Legge di Nam myoho renge kyo rischia di avvicinarsi pericolosamente al barat…
stampa la pagina

Frase dal Gosho - 30 agosto 2017

Immagine
"Certamente il re, i sudditi e tutti gli abitanti del paese desiderano la pace del mondo e la stabilità del paese. Il paese può raggiungere la prosperità attraverso la Legge buddista e la Legge si dimostra degna di rispetto in virtù delle persone che l'abbracciano."

Dal Gosho "Adottare l'insegnamento corretto per la pace nel paese" (Raccolta degli scritti di Nichiren Daishonin, volume I, pag. 19)
stampa la pagina

Buddismo: dalla pratica alla teoria #5/7

Immagine
Tutto parte da me
Secondo il Buddismo ogni persona ha il potere intrinseco di raggiungere la condizione vitale suprema, ovvero la Buddità, nel corso della propria esistenza. E, soprattutto, che lo scopo principale di un Budda è di risvegliare gli altri essere umani e di insegnare loro a far scaturire dal proprio essere la natura di Budda. Prendiamo, ad esempio, quello che afferma Shakyamuni nel Sutra del loto: «Ho sempre affermato la mia intenzione di rendere tutti gli esseri umani perfettamente uguali e me, senza distinzioni di sorta». E in tutti i suoi scritti Nichiren Daishonin si adopera affinché i suoi contemporanei comprendono che la Buddità non è una prerogativa esclusiva di Shakyamuni, vissuto duemila anni prima di loro, ma che anch'essi la posseggono. Egli dichiara: «Noi comuni mortali non possiamo vedere le nostre ciglia, che sono vicine, né il cielo che è lontano. Ugualmente non sappiamo che il Budda esiste nel nostro cuore» (Gli scritti di Nichiren Daishonin, vol. IV, …
stampa la pagina

Frase dal Gosho - 29 agosto 2017

Immagine
"Il Budda Shakyamuni, che ha ottenuto la perfetta illuminazione, è la nostra carne e il nostro sangue; le sue pratiche e i benefici che come conseguenza egli ottenne sono le nostre ossa e il nostro midollo. [...] Shakyamuni, Molti Tesori e i Budda delle dieci direzioni rappresentano il mondo di Buddità dentro di noi e rintracciandoli [al nostro interno] possiamo ricevere i loro stessi benefici."

Dal Gosho "L’oggetto di culto per l’osservazione della mente" (Raccolta degli scritti di Nichiren Daishonin, volume I, pag. 325)
stampa la pagina

Buddismo: dalla pratica alla teoria #4/7

Immagine
Una filosofia da mettere in pratica
Il Buddismo è una filosofia che spiega il funzionamento della vita, che insegna a essere felici esprimendo al meglio la propria creatività. Ma poiché la vita è tutt'altro che semplice, gli insegnamenti buddisti che si sono evoluti per oltre duemila anni ne rispecchiano in qualche misura la complessità. Per questo motivo, nei diversi e numerosissimi testi della tradizione buddista appaiono delle contraddizioni. Da qui la confusione che spesso accompagna, in Occidente, l'interpretazione delle sue dottrine. Integro è rimasto, però, il testo essenziale, il più emozionante, il Sutra del loto, nel quale Shakyamuni descrive il significato dell'illuminazione. All'inizio del suo discorso egli avverte che quanto sta per dire è di estrema difficoltà: «Tra tutti i sutra che ho esposto e predicato, che mi accingo oggi a predicare e che esporrò in futuro, questo Sutra del Loto è il più arduo da credere e da capire». Dobbiamo riconoscere che le dif…
stampa la pagina

Frase dal Gosho - 28 agosto 2017

Immagine
"Ora, all'inizio dell'Ultimo giorno della Legge, io, Nichiren, per primo ho propagato in tutto Jambudvipa i cinque caratteri di Myoho-renge-kyo, che sono il cuore del Sutra del Loto e l'occhio di tutti i Budda. Durante gli oltre duemiladuecento anni passati dalla morte del Budda, nessuno li ha mai propagati, nemmeno Mahakashyapa, Ananda, Ashvaghosha, Nagarjuna, Nan-yüeh, T'ien-t'ai, Miao-lo o Dengyo. Miei discepoli, serrate le fila e seguitemi e sarete superiori a Mahakashyapa o Ananda, a T'ien-t'ai o Dengyo! Se tremate di fronte alle minacce dei padroni di queste isolette [e abbandonate la fede], come potrete affrontare la ben piu` terribile collera di Yama, re dell'inferno? Se vi proclamate messaggeri del Budda, ma lasciate spazio alla paura, nessuno sara` piu` disprezzabile di voi."

Dal Gosho "Le azioni del devoto del Sutra del Loto" (Raccolta degli scritti di Nichiren Daishonin, volume I, pag. 679)
stampa la pagina

Frase dal Gosho - 27 agosto 2017

Immagine
"il Sutra dell’Osservazione della mente come la terra afferma: «Se vuoi conoscere le cause del passato, guarda gli effetti del presente; se vuoi conoscere gli effetti del futuro, guarda le cause del presente»."

Dal Gosho "L'apertura degli occhi" (Raccolta degli scritti di Nichiren Daishonin, volume I, pag. 252)
stampa la pagina

Frase dal Gosho - 26 agosto 2017

Immagine
"In quest’epoca, per una donna, cambiare il karma immutabile con la pratica del Sutra del Loto è naturale, come per il riso maturare in autunno e per il crisantemo fiorire in inverno. Quando io pregai per mia madre, non solo ella guarì dalla sua malattia, ma la sua vita fu prolungata di quattro anni. Ora anche tu ti sei ammalata e, come donna, è più che mai opportuno che tu cerchi di credere fermamente nel Sutra del Loto e vedere cosa farà per te."

Dal Gosho "Il prolungamento della vita" (Raccolta degli scritti di Nichiren Daishonin, volume I, pag. 848)
stampa la pagina

Buddismo: dalla pratica alla teoria #3/7

Immagine
Il Buddismo di Nichiren Daishonin insegna che è l'atteggiamento nei confronti dei problemi e delle sofferenze a essi collegate che determina la nostra capacità di vincere o perdere nell'arte di saperci costruire una vita felice. Per esempio i cinesi, nello scrivere la parola "crisi", usano due caratteri: uno significa "pericolo" e l'altro "opportunità". La cosa fondamentale è dunque la nostra capacità di vedere l'opportunità all'interno del pericolo. A questo proposito scrive il presidente della Soka Gakkai Internazionale Daisaku Ikeda: "La società è complessa e spietata, e obbliga ciascuno a impegnarsi a fondo pr sopravvivere. Nessuno può farci diventare felici. Essere capaci o meno di raggiungere la felicità dipende soltanto da noi. La sofferenza è invece destino dei deboli e di coloro che non sanno affrontare il proprio ambiente esterno". Ciò non significa negare le difficoltà o ignorare i problemi che affliggono la socie…
stampa la pagina

Frase dal Gosho - 25 agosto 2017

Immagine
"[...] per quanto una persona possa essere ignorante e le sue offerte misere, se sono indirizzate a chi sostiene la verità, allora il suo merito sarà grande. Quanto è più vero questo nel caso di persone che in tutta sincerità fanno offerte al corretto insegnamento! Oltre tutto, oggi viviamo in tempi difficili, nei quali la gente comune può fare ben poco. Eppure, nonostante tu sia così occupato, nella tua autentica sincerità mi hai inviato, qui sulle montagne, germogli di bambù della varietà moso come offerte al Sutra del Loto. Sicuramente stai gettando dei buoni semi in un campo di fortuna e, quando ci penso, le lacrime sgorgano senza posa dai miei occhi."

Dal Gosho "Il corpo e la mente delle persone comuni" (Raccolta degli scritti di Nichiren Daishonin, volume I, pag. 1006)
stampa la pagina

Buddismo: dalla pratica alla teoria #2/7

Immagine
La sofferenza ci investe quando ci troviamo di fronte a problemi e ostacoli, tanto che impieghiamo la maggior parte del nostro tempo a cercare di evitarli, anche se questi fanno intrinsecamente parte della vita. Nel tentativo di eludere i problemi non facciamo altro che farli "slittare" in avanti, nel futuro. Quando poi ce li troviamo inevitabilmente di fronte essi ci appaiono accresciuti se non addirittura ingigantiti, e risolverli diventa molto più difficile. Il profondo nesso fra problemi e sofferenza porta le persone a confondere gli uni con l'altra. Per esempio, chi è disoccupato con tutta probabilità è anche infelice, e allora è portato a pensare di essere infelice perché è disoccupato. Anche supponendo che con un lavoro si possa essere meno infelici (il che è comunque da dimostrare, visto il numero di coloro che si lamentano del proprio impiego), non si è infelici perché si è disoccupati, ma perché ci si sente incapaci di trovare lavoro. Dunque non sono tanto i n…
stampa la pagina

Frase dal Gosho - 24 agosto 2017

Immagine
"Recitare Myoho-renge-kyo con la consapevolezza che non esiste alcuna differenza fra Shakyamuni che ottenne l’illuminazione nel lontano passato, il Sutra del Loto che è la strada dell’illuminazione di tutti gli esseri, e noi persone comuni, significa ereditare la Legge fondamentale di vita e morte. Questo è essenziale per i discepoli, preti e laici, di Nichiren: questo è il significato di abbracciare il Sutra del Loto."

Dal Gosho "L’eredità della Legge fondamentale della vita" (Raccolta degli scritti di Nichiren Daishonin, volume I, pag. 189)
stampa la pagina

Buddismo: dalla pratica alla teoria #1/7

Immagine
La pratica fondamentale del Buddismo di Nichiren Daishonin consiste nel recitare Nam myoho renge kyo (daimoku, lett. titolo) davanti al Gohonzon, un'iscrizione composta da ideogrammi cinesi e da alcuni nomi in sanscrito. La recitazione del daimoku, prolungata "finché non ci si sente soddisfatti", viene preceduta - mattina e sera - dalla lettura ritmica e a voce alta di due importanti capitoli del Sutra del Loto (gongyo, lett. "pratica assidua"). Se, oltre a fare questo, si studiano i principi del Buddismo e si insegna ad altre persone al meglio delle proprie capacità il punto di vista del Buddismo nei confronti della vita, si riuscirà a sviluppare uno stato vitale di incontrollabile fiducia e soddisfazione, che consentirà di realizzare i propri desideri e di "creare valore" per se stessi e per la società nella quale si vive. Il tutto indipendentemente dalla difficoltà dei problemi che ci si trova ad affrontare.
Nichiren Daishonin, il fondatore della sc…
stampa la pagina

Frase dal Gosho - 23 agosto 2017

Immagine
"Il Sutra del Loto è il bastone che sostiene tutti i Budda delle tre esistenze quando decidono di aspirare all'illuminazione. Dovresti tuttavia affidarti a Nichiren e farne il tuo bastone e il tuo pilastro. Se usiamo un bastone non cadremo lungo gli scoscesi sentieri di montagna o sulle strade accidentate e se ci prendono per mano non inciamperemo. Nam-myoho-renge-kyo sarà il tuo bastone nella montagna della morte."

Dal Gosho "Le spade del bene e del male" (Raccolta degli scritti di Nichiren Daishonin, volume I, pag. 400)
stampa la pagina

Brevi cenni sul Buddismo di Nichiren Daishonin

Immagine
Circa 2500 anni fa, in India, il famoso Siddartha cominciò a meditare sul fatto che tutte le sofferenze degli esseri umani derivano da quattro fondamentali verità: nascita, malattia, vecchiaia e morte, davanti alle quali tutti gli uomini sono uguali e non hanno modo di evitarle. L’unica soluzione era cercare di insegnare loro ad affrontarle nel miglior modo possibile, con forza e saggezza, insegnare ad illuminare il loro oscuro cammino. Da qui nacque il termine BUDDA, che vuole proprio dire illuminato in sanscrito. Il Budda non è un dio, un’entità al di fuori di noi, come molti erroneamente credono, ma siamo noi stessi, ognuno di noi può essere un Budda. Siddartha, con i suoi insegnamenti, rivela che ogni essere umano indipendentemente da razza, sesso, cultura o epoca in cui vive possiede in sé questa condizione vitale illuminata (definita buddità), così come in ognuno sono presenti altri stati vitali che si manifestano nelle varie forme della natura umana (collera, avidità, gioia, s…
stampa la pagina

Frase dal Gosho - 22 agosto 2017

Immagine
"C’era una volta in India un re chiamato Ashoka il Grande che governava su un quarto del paese di Jambudvipa. [...] Indagando sulle vite passate di questo grande sovrano, scopriamo che all’epoca del Budda Shakyamuni, vivevano due ragazzi chiamati Virtù Vittoriosa e Invincibile, i quali offrirono al Budda una torta di fango. [Grazie a quest’azione, Virtù Vittoriosa, il maggiore dei due,] rinacque nell’arco di cento anni come un grande sovrano. Benché il Budda sia degno di rispetto, paragonato al Sutra del Loto è come una lucciola accanto al sole o alla luna. La superiorità del Sutra del Loto rispetto al Budda Shakyamuni è grande quanto la distanza fra il cielo e la terra. Se fare offerte al Budda produce tali benefici, fare offerte al Sutra del Loto ne produrrà di ben più grandi."

Dal Gosho "I due tipi di fede" (Raccolta degli scritti di Nichiren Daishonin, volume I, pag. 798)
stampa la pagina

Cenni sul Buddismo: Il Karma

Immagine
Con la parola Karma, potremmo indicare quello che gli occidentali chiamano Fato o Destino, ma in realtà il significato di questo termine per i buddisti è un po’ diverso. Il concetto di Karma è comune a quasi tutte le filosofie sorte in India anche prima del buddismo, ma la sua valenza pratica è stata interpretata in modi diversi secondo le scuole di pensiero. Un esempio pratico, ricavato dal buddismo di Nichiren: perché una determinata cosa succede a me e non a un altro? Che cosa sono la fortuna e la sfortuna? Qual è l’origine di certe sofferenze che arrivano improvvise e inaspettate? Semplificando, si potrebbe scegliere fra queste tre possibili risposte: 1 - tutto dipende dalla volontà di un essere superiore. 2 - tutto dipende dal caso. 3 - tutto dipende da noi stessi.
Nella prima ipotesi non si può fare altro che rimettersi a tale volontà suprema, accettando in qualche modo ciò che accade. Se invece si crede al caso, possiamo solo sperare che gli eventi, “casualmente”, vadano bene,…
stampa la pagina

Frase dal Gosho - 21 agosto 2017

Immagine
"Si dice che il leone, re degli animali, avanzi di tre passi, poi si raccolga su se stesso per saltare, sprigionando la stessa potenza nel catturare una piccola formica o nell'attaccare un animale feroce [...] Questo è ciò che intende il sutra «la potenza [dei Budda] simile a un leone all’attacco»"

Dal Gosho "Risposta a Kyo’o" (Raccolta degli scritti di Nichiren Daishonin, volume I, pag. 365)
stampa la pagina

Frase dal Gosho - 20 agosto 2017

Immagine
"Ciò che chiamiamo fede non è niente di straordinario. Aver fede significa riporre fiducia nel Sutra del Loto, in Shakyamuni e Molti Tesori, nei Budda e bodhisattva delle dieci direzioni, negli dèi celesti e nelle divinità benevolenti, e recitare Nam-myoho-renge-kyo, così come una donna ama il marito, come un uomo dà la vita per sua moglie, come i genitori rifiutano di abbandonare i figli o un figlio rifiuta di lasciare la madre."

Dal Gosho "Il significato della fede" (Raccolta degli scritti di Nichiren Daishonin, volume I, pag. 920)
stampa la pagina

Frase dal Gosho - 19 agosto 2017

Immagine
"Se la compassione di Nichiren è veramente grande e omnicomprensiva, Nam-myoho-renge-kyo si diffonderà per diecimila anni e più, per tutta l’eternità, perché ha il benefico potere di aprire gli occhi ciechi di ogni essere vivente del Giappone e sbarrare la strada che conduce all’inferno di incessante sofferenza. I suoi benefici superano quelli di Dengyo e di T’ien-t’ai e anche quelli di Nagarjuna e Mahakashyapa. I benefici di cento anni di pratica nella Terra della Perfetta Beatitudine non si possono paragonare ai benefici ottenuti in un solo giorno di pratica in questo mondo impuro."

Dal Gosho "Ripagare i debiti di gratitudine" (Raccolta degli scritti di Nichiren Daishonin, volume I, pag. 658)
stampa la pagina

Cenni sul Buddismo: Corpo e Mente

Immagine
Da diversi anni ormai si va affermando una concezione psicosomatica (mente e corpo) della medicina e non solo. Corpo e mente sono inseparabili, legati fra loro. Da duemilacinquecento anni il Buddismo afferma che gli aspetti fisici e spirituali hanno un’origine comune, sono due manifestazioni della stessa entità. È la vita stessa: l’energia vitale che scorre dentro e alimenta le funzioni fisiche e spirituali. Anche la scienza conferma questa inseparabilità. Uno stress psicologico può provocare una malattia fisica. Una disfunzione corporale può avere effetti sull’umore, sui pensieri. La concezione tradizionale separava il sistema nervoso (cioè il cervello, le cellule nervose, che costituiscono la sede della memoria, del pensiero, delle emozioni) dal sistema endocrino (ghiandole e ormoni che regolano l’organismo e integrano le varie funzioni corporali) e dal sistema immunitario (il sistema di difesa del corpo, che attraverso il midollo osseo e altre cellule controlla e ripara i tessuti)…
stampa la pagina

Frase dal Gosho - 18 agosto 2017

Immagine
"Il Sutra del Loto è sia l’insegnamento del Budda, sia l’incarnazione della sua saggezza; chi ripone una sincera fede anche in uno solo dei suoi caratteri o dei suoi tratti, diventerà un Budda nella propria forma presente. Come, per esempio, un pezzo di carta bianca diventa nero se intinto nell’inchiostro nero e la lacca nera diventa bianca quando in essa si versa del liquido bianco, così il veleno si trasforma in medicina e le persone comuni diventano Budda. Per questo si chiama Legge meravigliosa."

Dal Gosho "L’insegnamento predicato in accordo con la mente del Budda" (Raccolta degli scritti di Nichiren Daishonin, volume I, pag. 861)
stampa la pagina

Veleno e medicina

Immagine
Leonardo da Vinci, il grande genio del Rinascimento, oltre alla scienza, all’arte e alla vita, si occupò anche di medicina ritenendo che, per usare i farmaci in modo corretto contro la malattia, fosse necessario sapere che cos’è la vita, come è fatto l’essere umano e che cosa sia la salute. Sono certo che se Leonardo avesse conosciuto il principio buddista di “trasformare il veleno in medicina”, sarebbe stato profondamente d’accordo. "Quando si somministra una medicina, il corpo umano reagisce come di fronte a un veleno e mette in atto una serie di difese le quali, come effetto collaterale, sgominano la malattia". Lo stesso è vero anche da un punto di vista spirituale. Quando si è sottoposti a una sofferenza che giunge dall’esterno, si sviluppano dentro di sé nuove potenzialità. Col verificarsi di un evento negativo, di fronte a una porta che si chiude, se ne aprono di nuove. Questo processo si chiama “la virtù della sofferenza e del veleno”. Di norma, la gente tende ad aver…
stampa la pagina

Frase dal Gosho - 17 agosto 2017

Immagine
"Se consideriamo che sicuramente diventeremo Budda, non c'è niente di cui lamentarsi. Anche se tu diventassi la moglie dell'imperatore, a cosa ti servirebbe? Anche se rinascessi in cielo, che scopo ci sarebbe? Tu seguirai la strada della figlia del re drago, sarai pari alla monaca Mahaprajapati. Che felicità! Che felicità! Recita Nam-myoho-renge-kyo, Nam-myoho-renge-kyo."

Dal Gosho "L'arco e la freccia" (Raccolta degli scritti di Nichiren Daishonin, volume I, pag. 586)
stampa la pagina

Benefici...

Immagine
[...] perciò quando si entra per la prima volta in contatto col Buddismo può sorgere un problema. Per me è stato sicuramente così. Giudicando dalle apparenze, praticare una religione e aspettarsi subito, in questa vita, dei benefici di qualsiasi genere, inevitabilmente sembra un atteggiamento che punta solo al proprio tornaconto. [...]
[...] Il Buddismo non è affatto esoterico o ultraterreno, ma enormemente pratico e concreto. Non parla di ricompensa o di paradiso in un'altra vita, bensì di grande felicità nella dura realtà della vita quotidiana normale. Il presupposto fondamentale è che i benefici sono accessibili a tutti, indipendentemente dalle condizioni e dalle circostanze personali di chi inizia a praticare. [...]
da: Il buddista riluttante di William Woollard (ed. esperia)
stampa la pagina

Frase dal Gosho - 16 agosto 2017

Immagine
"Credi nel Gohonzon, il supremo oggetto di culto in tutto Jambudvipa. Rafforza costantemente la tua fede e ricevi la protezione di Shakyamuni, di Molti Tesori e dei Budda delle dieci direzioni. Impegnati nelle due vie della pratica e dello studio. Senza pratica e studio non può esservi Buddismo. Devi non solo perseverare tu, ma anche insegnare agli altri. Sia la pratica che lo studio sorgono dalla fede. Insegna agli altri come meglio puoi, anche una sola frase o un solo verso"

Dal Gosho "Il vero aspetto di tutti i fenomeni" (Raccolta degli scritti di Nichiren Daishonin, volume I, pag. 342)
stampa la pagina

La storia deve...

Immagine
Le parole che Toda aveva rivolto a Shin'ichi non erano altro che il pressante appello di un leader buddista, ben conscio delle condizioni in cui versava il pianeta, che si preoccupava per il bene dell'umanità. Lo scopo della vita è la felicità, e la pace è un desiderio comune alla gente di tutto il mondo.

L'evoluzione della storia umana deve imboccare la strada della pace. La ricerca di un principio che possa guidare le persone verso tale obiettivo è insita nella natura degli esseri umani. La scienza, la politica, tutto ciò che concorre a formare l'intera compagine sociale e, quindi, anche la religione, devono concentrare i loro sforzi in questa direzione.


La nuova rivoluzione umana, vol. 1, pag. 3
stampa la pagina

Frase dal Gosho - 15 agosto 2017

Immagine
"«Quando la pratica progredisce e aumenta la conoscenza, i tre ostacoli e i quattro demoni emergono in maniera disorientante, facendo a gara per interferire. […] Non dovete farvi influenzare né spaventare da loro. Se vi fate influenzare da loro, sarete trascinati nei sentieri del male. Se vi fate spaventare, vi sarà impedito di praticare il corretto insegnamento». Questa spiegazione non si applica solo a Nichiren, ma è anche una guida per i suoi discepoli. Imparatela rispettosamente e trasmettetela come verità di fede alle generazioni future."

Dal Gosho "Lettera ai fratelli" (Raccolta degli scritti di Nichiren Daishonin, volume I, pag. 446)
stampa la pagina

Dharmapada

Immagine
"Se è la sofferenza che temi, se è la sofferenza ciò che detesti, non compiere mai azioni cattive, perché tutto si vede per quanto segreto. Persino un volo nell’aria non ti può liberare dalla sofferenza dopo che l’azione cattiva è stata commessa. Non nel cielo, né nel mezzo dell’oceano, né se ti nascondessi nelle crepe delle montagne, un angolo riusciresti a trovare in questa terra tutta, dove il karma il colpevole non raggiungerebbe. Ma se vedi il male che altri ti fanno e se sentitamente tu disapprovi, stai attento a non fare al medesimo modo, perché le azioni delle persone con esse rimangono. Quelli che imbrogliano negli affari, quelli che contro il Dharma agiscono, quelli che frodano, quelli che truffano, se stessi gettano in un gorgo, perché le azioni delle persone con esse rimangono. Qualsivoglia azione possa un individuo compiere, siano esse di gioia portatrici, siano esse cattive, un’eredità per lui costituiscono, le azioni non svaniscono senza lasciar traccia. (…) Un’azione cattiva non necessaria…
stampa la pagina

Frase dal Gosho - 14 agosto 2017

Immagine
"Il cuore del Sutra del Loto è la rivelazione che si può ottenere la suprema illuminazione nella propria forma presente senza alterare la propria condizione di persona comune: senza gettar via gli impedimenti karmici si può entrare nella via del Budda. T’ien-t’ai afferma: «Gli altri sutra predicono la Buddità ai buoni, ma non ai cattivi [...] solo questo sutra [del Loto] predice la Buddità a tutti»."

Dal Gosho "Risposta a Hakiri Saburo" (Raccolta degli scritti di Nichiren Daishonin, volume I, pag. 364)
stampa la pagina

Frase dal Gosho - 13 agosto 2017

Immagine
"Ognuno di voi deve raccogliere il coraggio di un leone e non soccombere di fronte alle minacce di chicchessia. Il leone non teme nessun altro animale e così neppure i suoi cuccioli. [...] Rafforzate la vostra fede giorno dopo giorno e mese dopo mese. Se la vostra determinazione cala anche solo un po’, i demoni prenderanno il sopravvento"

Dal Gosho "Le persecuzioni che colpiscono il santo" (Raccolta degli scritti di Nichiren Daishonin, volume I, pag. 885)
stampa la pagina

Frase dal Gosho - 12 agosto 2017

Immagine
"Oggi ci sono persone che credono nel Sutra del Loto; la fede di alcuni è come il fuoco, quella di altri è come l'acqua. Quando i primi ascoltano l'insegnamento, ardono di passione come il fuoco, ma, con il passare del tempo, tendono ad abbandonare la fede. Avere fede come l'acqua significa credere sempre, senza mai retrocedere."

Dal Gosho "I due tipi di fede" (Raccolta degli scritti di Nichiren Daishonin, volume I, pag. 798)
stampa la pagina

L'albero

Immagine
"L'albero carico di frutti viene bersagliato da pietre", afferma un proverbio turco. Se siete attaccati dagli altri vuol dire che siete persone importanti e di valore, altrimenti nessuno si prenderebbe il disturbo di "tirarvi le pietre".
Chi non viene mai criticato o attaccato è una persona che non ha realizzato niente di importante. Se lottate per la verità e la giustizia, siate sicuri che incontrerete ostacoli. Se non incontrate mai resistenze, significa che non fate sul serio. Dalla Divisione giovani voglio veder emergere leader forti, che non si fanno intimorire o sviare; sto dedicandomi con tutto il cuore a far crescere un gruppo di giovani capaci di lottare per ciò che è giusto. 
Daisaku Ikeda - Nuovo Rinascimento n° 360
stampa la pagina

Frase dal Gosho - 11 agosto 2017

Immagine
"Quanto alle preghiere di tua moglie, penso che, benché ella non dubiti del Sutra del Loto, la sua fede sia debole. Ho riscontrato che anche le persone che sembrano credere esattamente come insegna il sutra in realtà possono non avere affatto una forte fede, come tu ben saprai. [...] Il fatto che le sue preghiere non abbiano ottenuto risposta è paragonabile a un forte arco con una corda debole o a una buona spada nelle mani di un codardo."

Dal Gosho "Il palazzo reale" (Raccolta degli scritti di Nichiren Daishonin, volume I, pag. 433)
stampa la pagina

Il significato delle preghiere silenziose

Immagine
Il significato delle preghiere silenziose

Le preghiere silenziose che leggiamo dopo la lettura dei capitoli del sutra esprimono semplicemente il senso di gratitudine che ognuno dovrebbe nutrire. Nella lingua giapponese vengono chiamate gokannenmon: go è un ideogramma onorifico, kannen significa ricordare o riflettere e mon significa frase. Nel momento che formuliamo le preghiere silenziose è importante che anche i nostri pensieri siano coerenti; frasi sintetiche e chiare ci aiutano a focalizzare più facilmente il pensiero sulla preghiera silenziosa. Come si legge all'inizio delle preghiere silenziose dentro il libretto di Gongyo: «Le preghiere silenziose vogliono esprimere il senso di gratitudine e le determinazioni di noi credenti del Buddismo di Nichiren Daishonin e membri della Soka Gakkai Internazionale. La formulazione di queste preghiere intende aiutarci a esprimere la nostra gratitudine e i nostri scopi. non è quindi l'esatta dicitura delle preghiere a essere important…
stampa la pagina

Frase dal Gosho - 10 agosto 2017

Immagine
"Una donna che abbraccia il re leone del Sutra del Loto non deve temere le belve dell’inferno o del regno degli spiriti affamati e degli animali. Tutte le colpe commesse da una donna nella sua vita sono come erba secca; il carattere myo del Sutra del Loto è come una fiammella. Quando si accosta una fiammella a una distesa d’erba, non solo tutta l’erba, ma anche grandi alberi e grandi pietre saranno consumati dalle fiamme. Con il fuoco della saggezza del singolo carattere myo, non solo tutte le colpe svaniranno, ma si trasformeranno in cause di benefici. Questo è il significato di cambiare il veleno in amrita. Per esempio, la lacca nera diventa bianca mescolandovi della polvere bianca: i peccati di una donna sono come la lacca e le parole Nammyoho- renge-kyo sono come la polvere bianca."

Dal Gosho "Il tamburo alla Porta del Tuono" (Raccolta degli scritti di Nichiren Daishonin, volume I, pag. 843)
stampa la pagina

Il tempo delle mele... mature

Immagine
Fine dell'anno, tempo di bilanci, di riflessioni, di realizzazioni in extremis, di rideterminazioni. Tempo di ricordare l'importanza dei nostri desideri terreni come carburante e stimolo per la nostra pratica buddista quotidiana. Quanti conoscono il principio di BONNO SOKU BODAI, "i desideri terreni sono illuminazione"? Dove quel "sono" corrisponde a soku, quel mistico processo di trasformazione del desiderio in Illuminazione, attraverso la recitazione di Nam-myoho-renge-kyo.

Il desiderio è come una mela acerba che, inondata dai caldi raggi del Daimoku, diventa una bella mela matura, che spunta al posto giusto nel ricco e meraviglioso frutteto della nostra vita. In sostanza la cosa importante è andare fino in fondo nel trasformare completamente con il Daimoku la sofferenza legata a un nostro desiderio, poichè solo in questo modo esso manifesterà la sua vera identità nella nostra vita: o la realizziamo, oppure ci rendiamo conto, con gioia, che in fondo non e…
stampa la pagina

Frase dal Gosho - 9 agosto 2017

Immagine
"Noi persone comuni non possiamo vedere le nostre ciglia che sono vicine né i cieli che sono lontani. Ugualmente non capiamo che il Budda esiste nel nostro cuore."

Dal Gosho "Gosho di Capodanno" (Raccolta degli scritti di Nichiren Daishonin, volume I, pag. 1008)
stampa la pagina

Verrà il tempo

Immagine
Verrà il tempo in cui tutte le persone, comprese quelle di Studio, Illuminazione parziale e Bodhisattva, si incammineranno sul sentiero della Buddità e solo la Legge mistica fiorirà in tutto il paese. In quell’epoca, poiché tutte le persone reciteranno Nam-myoho-renge-kyo, il vento non spezzerà i rami o le fronde, né la pioggia cadrà così forte da rompere una zolla. Il mondo diverrà come era ai tempi di Fu Hsi e Shen Nung nell’antica Cina. I disastri si allontaneranno dal Paese e la gente sarà libera dalla sfortuna. Le persone impareranno anche l’arte di vivere esistenze lunghe e realizzate. Verrà il tempo in cui sarà rivelata la verità che per la Persona e per la Legge non c’è vecchiaia né morte. Non ci può essere il minimo dubbio sulla solenne promessa del sutra di una vita pacifica in questo mondo.
(La pratica dell’insegnamento del Budda, SND, 4, 12)
stampa la pagina

Frase dal Gosho - 8 agosto 2017

Immagine
"Colui che ascolta anche una sola frase o un solo verso del sutra e lo imprime indelebilmente nel suo cuore è come una nave capace di attraversare il grande mare di nascita e morte. Il Gran Maestro Miao-lo affermò: «Anche un solo verso, impresso indelebilmente nel proprio cuore, aiuterà senza dubbio una persona a raggiungere la riva opposta. "

Dal Gosho "Una nave per attraversare il mare della sofferenza" (Raccolta degli scritti di Nichiren Daishonin, volume I, pag. 29)
stampa la pagina

Ricordo di un incontro

Immagine
Josei Toda (nella foto) racconta il legame con il suo maestro

Se inizio a parlare del mio maestro Makiguchi non riesco più a fermarmi. Il nostro legame è paragonabile a quello tra padre e figlio o maestro e discepolo, ma è difficile darne a parole un'idea. Sentivo di comprendere la sua verità e la sua grandezza e spesso dicevo agli altri discepoli un giorno il nostro maestro dovrà morire. Anche se ci saranno momenti difficili, verrà poi il momento in cui saremo orgogliosi di averlo incontrato. E' necessario però praticare con determinazione. Tutti affermavano di credere nel Gohonzone e in molti consideravano Makiguchi un padre, ma quando iniziarono le diffficoltà e le persecuzioni da parte del governo, in molti abbandonarono la fede.
Ma io ho deciso di servire il mio amato maestro come un figlio.
Il signor Makiguchi e io eravamo completamente diversi: lui aveva preso fede nel Gohonzon basandosi sulla teoria, mentre io ho deciso di dedicare la mia vita al Buddismo di Nichiren Dais…
stampa la pagina

Frase dal Gosho - 7 agosto 2017

Immagine
"Poiché io ho esposto questo insegnamento, sono stato esiliato e quasi ucciso. Come dice il proverbio: «Un buon consiglio irrita l’orecchio». E tuttavia non sono scoraggiato. Il Sutra del Loto è il seme, il Budda il seminatore e la gente il campo."

Dal Gosho "Gli elementi essenziali per conseguire la Buddità" (Raccolta degli scritti di Nichiren Daishonin, volume I, pag. 664)
stampa la pagina

Frase dal Gosho - 6 agosto 2017

Immagine
"Si dice che se il maestro ha un buon discepolo, tutti e due otterranno il frutto della Buddità, ma se il maestro alleva un cattivo discepolo, entrambi cadranno nell’inferno. Se maestro e discepolo non hanno la stessa mente, non realizzeranno nulla. [...] Dovreste sempre conversare insieme per liberarvi dalle sofferenze di nascita e morte e raggiungere la pura terra del Picco dell’Aquila dove potrete annuire l’uno all’altro e parlare con un’unica mente."

Dal Gosho "Fiori e frutti" (Raccolta degli scritti di Nichiren Daishonin, volume I, pag. 808)
stampa la pagina

Frase dal Gosho - 5 agosto 2017

Immagine
"Il mezzo meraviglioso per porre veramente fine agli ostacoli fisici e spirituali di tutti gli esseri viventi non è altro che Nam-myoho- renge-kyo."

Dal Gosho "Il meraviglioso mezzo per superare gli ostacoli" (Raccolta degli scritti di Nichiren Daishonin, volume I, pag. 747)
stampa la pagina

Esiste un modo corretto per pregare?

Immagine
«Il termine originale giapponese – si legge nel volume Il Sutra del Loto – che sta a indicare le preghiere silenziose è gokan’nen mon, dove go è un prefisso onorifico (come nei termini Gosho e Gohonzon) e mon significa passo, frase. Kan’nen si riferisce alla meditazione: quando una persona chiude gli occhi e si concentra per ottenere l’Illuminazione. Nel contesto di Gongyo kan’nen significa «ciò che si ha nella propria mente» oppure «ciò che si prega al Gohonzon». Quindi gokan’nen mon significa «preghiere sincere alla fine di ogni recitazione». Nel mondo occidentale il termine pregare indica l’atto di chiedere, implorare, invocare una divinità, il che è assai lontano dalla definizione di «pensieri solenni su cui meditare per ottenere l’Illuminazione». Molte persone, anche dopo anni di pratica buddista, sono portate a considerare le preghiere silenziose come un momento in cui chiedere con insistenza al Gohonzon di intervenire per realizzare un beneficio. Questo è piuttosto assurdo, perc…
stampa la pagina