Fare conta di più

Ogni persona desidera migliorare la propria vita e creare delle condizioni in cui tutti possono vivere meglio, per questo sentiamo una profonda soddisfazione quando ci impegniamo per rendere migliore la società in cui viviamo. A volte si pensa che le cose possono cambiare dall'esterno, oppure ricerchiamo la "buona fortuna" al di fuori di noi, ma la realtà è diversa, bisogna scavare "sotto i nostri piedi", nella situazione che stiamo vivendo ora, qui dove siamo, senza aspettare un altro momento, senza aspettare che le circostanze cambino, valorizzando ciò che abbiamo: i nostri amici, i nostri familiari, i nostri vicini, il nostro lavoro ecc... Tutto parte da dove ci troviamo ora, nel cuore di ciascuno di noi. Anche per cambiare la società e per trasformare positivamente l'ambiente in cui viviamo bisogna partire da noi stessi e dalle condizioni attuali. L'umanità ha sperimentato molti cambiamenti rivoluzionari nel corso della sua storia, ma non c'è stata alcuna trasformazione stabile nella direzione della pace e del benessere per tutti.
Ogni giorno abbiamo sotto gli occhi la crisi ambientale, che diventa sempre più grave e più urgente per il futuro. Per risolvere alla radice questo problema è fondamentale cambiare il modo di pensare e di vedere le cose di tante persone, che ancora non si accorgono che siamo proprio noi a distruggere giorno dopo giorno l'ambiente in cui viviamo. C'è sempre qualcun altro a cui possiamo dare la responsabilità di quel che accade, ma in realtà la nostra vita ci appartiene, e solo noi possiamo trasformarla, cambiando la nostra visione delle cose e partendo dalla nostra rivoluzione umana. Come esseri umani, ciò che conta è quanto riusciamo a migliorare noi stessi e quanto riusciamo a costruire la pace, per questo è indispensabile il cambiamento all'interno di ogni singolo, come leggiamo nella Rivoluzione umana: "Una grande rivoluzione nel carattere di una sola persona permetterà di realizzare un cambiamento nel destino di una nazione, e condurrà infine a un cambiamento nel destino di tutta l'umanità".

Tamotsu Nakajima
stampa la pagina

Commenti