Le avversità sono la scuola migliore

«Le avversità sono la scuola migliore», come dice un proverbio. Maggiori sono gli attacchi e le persecuzioni che una persona sopporta, più forte e più grande diventerà. Il mio impegno personale è sempre stato con la gente e per la gente. Ogni giorno mi sforzo di portare avanti la mia crescita e il mio sviluppo individuali e credo fermamente che questo sforzo porti direttamente alla crescita e allo sviluppo di tutto il resto. Non temo insulti né critiche. Non temo la comparsa di individui sleali. Quando cercate di diventare una persona in grado di fronteggiare senza paura qualunque situazione, finirete per creare un io indomabile.
Nella vita, e nelle varie sfide che intraprendiamo, ci sono volte in cui avanziamo e volte in cui facciamo un passo indietro. Ci sono anche volte in cui è meglio star fermi. La vita è piena di cambiamenti e lungo il cammino verso le vostre mete è perfettamente naturale che anche voi ne attraversiate molti. La saggezza e la conoscenza sono importanti. Perciò dovete coltivare la capacità di studiare e di apprendere e dovete maturare la saggezza necessaria per comprendere correttamente le vostre relazioni con gli altri e con la società, sviluppando un sano intuito. In una realtà in continuo cambiamento, c'è un consiglio che non cambierà mai, ed è questo: «A prescindere dai tempi o da quel che dicono gli altri, non fatevi sviare dalle vostre convinzioni fondamentali, che devono restare salde e inamovibili come il monte Fuji».
Desidero che ognuno di voi sviluppi un io incrollabile come una maestosa montagna, dotato di coraggio, perseveranza e capacità.

Tratto da: I protagonisti del XXI secolo vol. 2, pag. 106 - Daisaku Ikeda
stampa la pagina

Commenti

Posta un commento