Respirare attraverso i propri limiti

Dedicato a chi insegue un sogno e gli sembra che più lo insegua più questo sogno si allontani impietosamente. Cosa fare quando ci si sente intrappolati in una bolla illusoria simile? Ecco la soluzione.

di Linda Johnson responsabile donne SGI Usa

Molte volte siamo portati a rinunciare quando le cose non si muovono. Ma con quale atteggiamento abbiamo recitato? Dobbiamo recitare per i nostri sogni al 100%! Se il vostro cuore non ci crede, non accadrà nulla. Non importa ciò che si fa davanti e lontano dal Gohonzon. L'attitudine conta sempre. La soluzione è sempre daimoku e se non ci credete, allora recitate per crederci. Recitate per avere il coraggio di agire. Recitate per estrarre dalla vostra vita quello che vi serve e quando vi serve. Recitate per contrattaccare. Il presidente Ikeda dice che nel momento in cui dovessimo sentirci sconfitti cinque volte, dovremmo continuare ...arrivando a sforzarci sei. Dobbiamo avere sempre lo spirito di alzarci. Siamo in grado di cambiare questo momento e domani. Dobbiamo essere coraggiosi... dobbiamo sfidare quelle cose che noi non crediamo di poter raggiungere. Se non abbiamo mai sfidato l'impossibile, non possiamo mai, mai sapere tutta la potenza di Nam-myoho-renge-kyo. Solo noi possiamo raggiungere i nostri sogni... noi stessi. Dobbiamo fare affidamento su noi stessi per realizzarli, e realizzarli. Niente nella vita porta la gioia più grande del raggiungere un obiettivo attraverso il proprio sforzo. Se non ci si atteggia da codardi autolimitandosi, è possibile ottenere qualsiasi cosa. Il presidente Ikeda ha scritto molto ai giovani ultimamente, ma io vi dico che parla a tutti noi. Dice che la gioventù non è solo indicata da un eta'... E' la forza spirituale. Gioventù significa non essere resistenti al cambiamento, di non accontentarsi della mediocrità e di cercare continuamente la crescita. Fare lo sforzo costante nel corso della nostra vita è la chiave della nostra felicità. essere sempre in guardia: guarda te stesso e chiediti: Mi sto limitando? È la natura umana di voler intraprendere il percorso di minor resistenza. Ma il percorso di minor resistenza è il percorso che porta piccoli cambiamenti, poca crescita e una vita di infelicità e frustrazione. Recitare tanto Daimoku è la chiave di tutto. Porremmo in tal modo la nostra vita in ritmo in modo da poter realizzare tutto ciò di cui abbiamo bisogno. E 'importante recitare mattina e sera Gongyo e Daimoku. Si tratta di una esperienza molto mistica: quando si mette prima di tutto la pratica, in effetti e' un mettere prima di tutto avanti la nostra vita. Sarete sorpresi di quanto otterrete. Recitando un sacco di Daimoku è come fare un dono ...un dono che noi offriamo a noi stessi; è la chiave per godersi la vita. Vale la pena? Dobbiamo incoraggiarci l'un l'altro per evitare di accontentarci di meno e davvero provare questa pratica. Significa fare un duro lavoro. Quando sfidiamo noi stessi, un ammasso di resistenza interna viene fuori. Si tratta di quello che facciamo a noi stessi per sabotare noi stessi. Avete il potere dentro di voi per non farlo. La fede è credere in se stessi... smettere di negare che si è un Buddha. Tutto quello che dovete fare è evidente dal di dentro. Recitate per credere che si può manifestare la propria natura di Buddha... Con l'atteggiamento giusto, si può andare avanti con tutto il cuore. La nostra realtà cambia di momento in momento. Non cedete a una percezione illusoria negativa lasciando essa totalmente prendere il controllo sulla vostra vita. Abbiamo la capacità di essere completamente felici... totalmente vittoriosi, indipendentemente da ciò che un'altra persona dice o fa: indipendentemente da quello che sta succedendo nel nostro ambiente. Ma se non ci occupiamo di noi stessi, non possiamo realizzare nulla. Ogni volta che ci si trova a porre limitazioni a se stessi, allora è il momento per usare tutto ciò come un'opportunità per dimostrare che ciò che si può ottenere con Nam-myoho-renge-kyo è ben di più. La nostra missione è quella di mostrare la grandezza della legge. Niente è un problema a meno che non permettiamo a quella cosa di essere un problema. È necessario utilizzare la nostra natura di Buddha. Ispirare l'altro al fine di ricordargli da oggi in poi di procedere per grandi sogni e grandi obiettivi... è il tempo di procedere per l'impossibile in modo da poter veramente esprimere se stessi. Tutto ciò Sarà il miglior regalo, che voi abbiate potuto donare a voi stessi.

THE ART OF LISTENING WITH THE EYES OF THE BUDDHA - By Linda Johnson, SGI-USA WD Leader, Nov 2003 (Abridged), Edited by Adrian Mollica April 6th 2004
stampa la pagina

Commenti

Posta un commento