Difendere

Ogni volta che determiniamo: "Io ce la farò", allora dobbiamo guardare il nostro mondo interno soggettivo, salvaguardandolo contro assalti o infiltrazioni sottili di voci negative che ci dicono: "Niente cambierà, è stato sempre così e sempre sarà!." Se siamo predisposti a questo, e la maggior parte di noi lo è, e finché non ci rafforziamo abbastanza da sconfiggere automaticamente queste voci, noi le ascoltiamo e lasciamo che ci influenzino. Più le ascoltiamo, più corrodono la nostra preghiera. A un certo punto siamo d'accordo con queste voci negative perché lo abbiamo fatto tutta la vita. A questo punto la nostra preghiera non funzionerà. Quando reciti Daimoku quello che pensi e senti viene proiettato nell'universo e poiché la Legge è imparziale, noi abbiamo la libertà di scelta. È come uno specchio. Così se noi alteriamo la nostra preghiera senza rendercene conto, la Legge accetta questo come quello che noi vogliamo .
La responsabilità è nostra: se vogliamo qualcosa dobbiamo difendere la nostra preghiera da tutte le voci negative che ci scoraggiano. Se noi incominciamo a fare dei compromessi, avremo rinunciato alla preghiera prima di rendercene conto. Una volta presa una determinazione, non fate compromessi! Il Buddismo è vincere o perdere, non è un compromesso. Il compromesso è quello che abbiamo scelto per tutta la nostra vita. Quindi determina e recita Daimoku per questo. Una volta che hai determinato diventa responsabilità del Gohonzon portare tutto avanti e raggiungere l'obiettivo.

Un estratto dalla Guida del Vicepresidente Tsuji
stampa la pagina

Commenti

  1. Grazie, molto bello.
    Potrei avere un riferimento se magari è stato pubblicato su qualche rivista di settore... vorrei condividerlo con il mio gruppo come incoraggiamento ma vorrei avere una fonte da citare di riferimento.
    Grazie ancora, e complimenti per il Blog al quale attingo ogni giorno.
    Stefania

    RispondiElimina
  2. Grazie Stefania.
    A volte (anche nelle riunioni) ci si scambia del materiale di "sicura" fonte ma non di facile provenienza. Questo per esempio, è stato tradotto da una responsabile della SGI di Londra, la provenienza dovrebbe essere QUI

    RispondiElimina
  3. Grazie mille
    Stefania

    RispondiElimina

Posta un commento