Lo spirito determina tutto

[…] “Spirito” è la vita interiore, l'ichinem. E ciò che decide a cosa dedichiamo la vita, la preghiera fondamentale su cui basiamo la nostra esistenza. Lo spirito è invisibile, ma diventa manifesto nei momenti cruciali. Inoltre regola ogni cosa di una persona, ogni momento della giornata: è il fattore decisivo nella vita.
Secondo il “Sutra della ghirlanda di fiori” il cuore è come un abile pittore, che crea liberamente la rappresentazione di ogni cosa. Il cuore è il pittore, lo scultore, l'architetto del nostro essere.
Il grande maestro T'ien-t'ai si serve di questa frase per illustrare la dottrina di “ichinem sanzen” (tremila regni in un singolo istante di vita); usa l'immagine di un grande pittore per spiegare che il cuore (ichinem) si manifesta nei tremila regni di tutti i fenomeni (sanzen).
Dunque è lo spirito (la mente, il cuore, il momento vitale) che conta; esso include le nostre speranze e le preghiere; si può anche identificare con il subconscio.
“Che tipo di futuro immagino per me stesso? Che genere di personalità cerco di sviluppare? Che cosa voglio realizzare nella mia vita?” Dipingendo nel cuore la visione della propria vita con quanti più dettagli possibili, quel “dipinto” diventa lo schema del futuro. Il potere del cuore permette di fare della propria vita un capolavoro secondo quello schema. Questa è la dottrina dei tremila regni in un singolo istante.
Quanto più è specifico, accurato e pieno di dettagli il disegno che abbiamo nel cuore, tanto meglio. Continuando a dipingerlo a colori vivaci, è necessario perseguirlo a tutti costi. Allora, in ogni istante, la realtà della nostra vita si avvicina gradualmente al disegno.
Come ho detto, ogni cosa dipende da ciò che si ha nel cuore. Le preghiere che vengono dal cuore hanno sempre una risposta. Se noi stessi decidiamo che una cosa è impossibile, allora perfino qualcosa che sarebbe possibile si trasforma in una cosa impossibile. D' altro canto, se crediamo di poter fare una determinata cosa, abbiamo già compiuto un passo verso la sua realizzazione.
Secondo il principio dei tremila regni in un singolo istante di vita, i pensieri pessimistici prendono forma nella realtà, così come sono, e producono effetti negativi. Chi ha pensieri catastrofici crea effetti perfettamente conformi alla propria visione.
Dunque è importante essere ottimisti. Nel Buddismo non esiste niente che assomigli al pessimismo; il Sutra del Loto fornisce la chiave per nutrire fiducia anche in mezzo alle situazioni più disperate. Nichiren Daishonin lo ha provato con la sua vita.

D. Ikeda: “Gli eterni insegnamenti-Lezioni sugli scritti di Nichiren Daishonin” Esperia (pag. 83/84)

(Contributo e foto di Giulietta)
stampa la pagina

Commenti

Posta un commento