La fede è la migliore strategia

di Daisaku Ikeda

Se una forte fede
è la caratteristica
dei Budda,
possiate voi, miei nobili amici,
fare appello a un coraggio ancora maggiore!

Come dichiarò il filosofo e oratore latino Seneca: «L'anima [...] possa ergersi al di sopra del fato, al di là di ogni condizione precedente, qualunque essa sia stata». Non esistono problemi o difficoltà nel regno dell'umano che noi, in quanto esseri umani, non possiamo superare. Tutti abbiamo dentro di noi il potere per sopportarli e risolverli. Ma in che modo usiamo e manifestiamo questo potere nelle nostre vite? È una domanda che ha impegnato le menti di molti grandi pensatori nel corso del tempo.
Nella Raccolta degli insegnamenti orali, la trasmissione diretta dei suoi insegnamenti ai suoi discepoli, Nichiren Daishonin scrive: «La grande gioia [è quella] che si sperimenta quando si comprende per la prima volta che la propria mente fin dal principio è stata il Budda. Nam-myoho-renge-kyo è la più grande di tutte le gioie» (BS, 124, 54). La condizione di Buddità capace di vincere su tutto non si trova da qualche parte, lontano da qui. Essa esiste dentro ognuno di noi. Potrebbe esserci gioia maggiore del risveglio a questo immenso stato vitale interiore? Per giunta, una fede forte e coraggiosa è la chiave per conseguire questa maestosa condizione spirituale.

Non abbiate paura!
La vita del Budda
dipende dalla fede,
il cui potere può spostare
l'intero universo. 

(NR n° 403 set-2008)
stampa la pagina

Commenti

Posta un commento

Il tuo commento è in moderazione.