Il valore della preghiera

di Mitsuhiro Kaneda

Nichiren Daishonin dice: «Se la tua preghiera avrà risposta oppure no, dipende dalla tua fede. Non è assolutamente colpa di Nichiren [se non ottieni risposta]» (Risposta a Nichigon-ama, SND, 7, 211)
Noi veniamo in contatto col Gohonzon tramire i quattro poteri:
il potere del Budda
il potere della Legge
il potere della fede
il potere della pratica
I primi due appartengono al Gohonzon, che è fuori e dentro di noi, e gli altri due sono propri dell'essere umano.
I due poteri del Gohonzon sono assoluti, vasti come l'universo, infiniti, senza limiti e sono attivati dai nostri due poteri relativi, quello della fede e quello della pratica. Il potere del Budda consiste nel giuramento di salvare tutto il genere umano e di far diventare ogni persona uguale a lui. Nel potere della Legge sono contenuti incommensurabili benefici, saggezza, forza vitale e tutto quello che serve per raggiungere l'Illuminazione.
Il presidente Toda diceva: «Se il potere della nostra fede e della nostra pratica è uguale a uno oppure a cento, produrrà un equivalente potere del Gohonzon».
Il presidente Ikeda nel primo volume della Nuova rivoluzione umana scrive che tutto dipende dalla forza della nostra fede e della nostra pratica: «Se prendiamo, per esempio, una campana gigantesca e la colpiamo con un grande batacchio, essa produrrà un suono forte e duraturo. Se invece tentiamo di colpirla con un fiammifero emetterà solamente un suono debole e di breve durata».
In Risposta a Kyo'o, il Daishonin scrive: «Raccogli tutta la tua fede e prega questo Gohonzon. Allora, che cosa non può essere realizzato?» (SND, 4, 150) e nel Gosho La mistica vera causa, non ancora tradotto: «Recita Nam-myoho-renge-kyo con forte fede e allontanando gli altri pensieri, allora il tuo corpo di comune mortale diverrà il corpo del Budda» (GZ, 872).
Nichiren Daishonin afferma che, semplicemente, con forte fede e allontanando altri pensieri, la recitazione di Daimoku di fronte al Gohonzon è la base per raggiungere l'Illuminazione nella vita quotidiana.
Il presidente Ikeda afferma: «Preghiamo per kosen-rufu, preghiamo per cambiare il nostro destino o per qualsiasi desiderio, credendo nel Gohonzon, preghiamo con tutti noi stessi. In questa pratica è compreso tutto quello che serve nella vita quotidiana (saggezza, forza vitale ecc).
La base è la preghiera, essa è come le radici di un albero, il resto è come le foglie al vento».

(N. R. n° 311 Settembre 2004)
stampa la pagina

Commenti