Agire

Provare gioia in ogni circostanza: questa è la felicita' assoluta. Poi serve qualcos'altro: serve agire. Vedo un tripudio di vita in una scena banale, o addirittura triste. Sento nel frastuono di un ingorgo la musica di Mozart. E poi? Mi basta quella felicita'? Mi basta. Perchè quello stato d'animo non finisce li. Diventa, anzi e' gia' lucidità d'azione. E' sapere cosa fare, e' come quando la natura oscura di una cosa e' meno visibile della sua natura illuminata. Dunque divento capace di dire: "In questa situazione cosa posso fare per cambiare?" e non" come sarebbe bello se". Cosa posso fare cambiare? La vita è una lotta continua fra dinamismo e inerzia. Si tratta di far vivere il dinamismo. E di non aver paura di essere felici. Trasformare la propria vita senza inseguire gli effetti ma stando a cavallo delle cause.

Tratto dal Buddismo e Società n. 84 - 2001
stampa la pagina

Commenti

Posta un commento

Il tuo commento è in moderazione.