Post

Visualizzazione dei post da Luglio, 2016

Frase dal Gosho - 31 luglio 2016

Immagine
"Ogni essere vivente, dal sommo santo alla più piccola zanzara o moscerino, considera la vita come il bene più prezioso. Privare un essere della vita è il peccato più grave. Quando il Tathagata apparve in questo mondo, fece della compassione per gli esseri viventi il proprio fondamento. E come espressione di compassione per la vita, il primo precetto è non togliere la vita e provvedere al sostentamento degli esseri viventi. Sostenendo la vita degli altri si ottengono tre benefici: primo, si sostiene la propria vita, secondo, il proprio volto si ravviva e terzo, si acquista forza. "

Dal Gosho "I benefici del Sutra del Loto " (Raccolta degli scritti di Nichiren Daishonin, volume I, pag. 595)

Frase dal Gosho - 30 luglio 2016

Immagine
"Nel passato il bodisattva Fukyo sostenne che tutti gli esseri umani hanno la natura di Budda e che abbracciando il Sutra del Loto avrebbero ottenuto la Buddita`; percio` disprezzare una persona e` disprezzare un Budda. La sua pratica era di venerare tutti. Egli venerava anche coloro che non credevano nel Sutra del Loto perche' anch'essi avevano la natura di Budda e un giorno avrebbero avuto fede."
Da "Le quattordici offese" (gli scritti di Nichiren Daishonin vol. 5, pag. 173)

La volontà umana

Immagine
Voi che vivete ogne cagion recate pur suso al cielo, pur come se tutto movesse seco di necessitate. Se così fosse, in voi fora distrutto libero arbitrio..."  (purgatorio, XVI, 67-71)
Voi viventi attribuite al cielo la causa di tutto quanto succede, come se tutto fosse determinato dai moti celesti. Se fosse così, non avreste il libero arbitrio. In altri termini, Dante afferma che non è dal cielo che dipende il male che permea il mondo. Cosa lo provoca allora? "[...] La causa è in noi stessi e, di conseguenza, abbiamo il potere di porre fine al male e alla tentazione esercitando la nostra volontà, e di trasformare l'ambiente con le nostre azioni. Le anime del Purgatorio sono un simbolo di questa verità. Dante credeva nel potere della volontà umana.
(D. Ikeda, Buddismo oggi 2002, p.173)

Frase dal Gosho - 29 luglio 2016

Immagine
"Più profonde sono le radici, più rigogliosi crescono i rami; più lontana è la sorgente, più lungo è il corso del fiume. Tutti gli altri sutra hanno radici poco profonde e corsi brevi, mentre il Sutra del Loto ha radici profonde e una sorgente lontana. Per questo il Gran Maestro T’ien-t’ai affermò che il Sutra del Loto sarebbe sopravvissuto e si sarebbe diffuso anche nella malvagia ultima epoca."

Dal Gosho "Più lontana la sorgente, più lungo il corso del fiume" (Raccolta degli scritti di Nichiren Daishonin, volume I, pag. 836)

Agire

Provare gioia in ogni circostanza: questa è la felicita' assoluta. Poi serve qualcos'altro: serve agire. Vedo un tripudio di vita in una scena banale, o addirittura triste. Sento nel frastuono di un ingorgo la musica di Mozart. E poi? Mi basta quella felicita'? Mi basta. Perchè quello stato d'animo non finisce li. Diventa, anzi e' gia' lucidità d'azione. E' sapere cosa fare, e' come quando la natura oscura di una cosa e' meno visibile della sua natura illuminata. Dunque divento capace di dire: "In questa situazione cosa posso fare per cambiare?" e non" come sarebbe bello se". Cosa posso fare cambiare? La vita è una lotta continua fra dinamismo e inerzia. Si tratta di far vivere il dinamismo. E di non aver paura di essere felici. Trasformare la propria vita senza inseguire gli effetti ma stando a cavallo delle cause.
Tratto dal Buddismo e Società n. 84 - 2001

Frase dal Gosho - 28 luglio 2016

Immagine
"Il Budda afferma: «Non abbiate paura di elefanti impazziti. Abbiate paura dei cattivi compagni! Perché? Perché un elefante impazzito può distruggere il vostro corpo ma non distrugge la vostra mente, mentre un cattivo compagno può distruggere il corpo e la mente. Un elefante impazzito distrugge un solo corpo, mentre un cattivo compagno può distruggere innumerevoli corpi e menti."

Dal Gosho "Risposta a Hoshina Goro Taro" (Raccolta degli scritti di Nichiren Daishonin, volume I, pag. 140)

Coraggio!

Immagine
di Daisaku Ikeda
I nostri sogni possono anche essere meravigliosi, le nostre speranze elevate e i nostri ideali nobilissimi, ma in definitiva per realizzarli abbiamo bisogno di coraggio. Possiamo avere le idee più geniali e i progetti più grandiosi del mondo, o sentirci colmi d'illimitata compassione per gli altri, ma tutto questo non ci porterà a nulla se non abbiamo il coraggio di tradurlo in azione. Senza azione è come se non fosse mai esistito. I coraggiosi hanno la forza di spingersi in avanti con determinazione, attraversando con calma gli alti e bassi della vita e avanzando costantemente verso la realizzazione dei traguardi e dei sogni che hanno scelto. Coloro che mancano di coraggio, invece, deviano dal corretto sentiero della vita e soccombono all'apatia,alla negatività e ai comportamenti distruttivi. Essi sfuggono alle difficoltà, cercando soltanto di vivere una vita facile e comoda. Di conseguenza,chi manca di coraggio non può dedicarsi alla felicità degli altri, n…

Frase dal Gosho - 27 luglio 2016

Immagine
"Noi esseri comuni siamo incatenati dal karma negativo, da illusioni e desideri, e dalle sofferenze di nascita e morte. Ma grazie alle tre potenzialità innate della natura di Budda – la Buddità innata, la saggezza per percepirla e le azioni per manifestarla – noi possiamo rivelare senza dubbio i tre corpi del Budda: il corpo del Dharma, il corpo di ricompensa e il corpo manifesto. Il Gran Maestro Dengyo afferma: «Grazie al potere del Sutra del Loto della Legge meravigliosa, essi possono farlo nella loro forma presente». Si sta riferendo all’esempio della figlia del re drago, che conseguì la Buddità mantenendo la sua forma di rettile attraverso il potere del Sutra del Loto. Non dubitare minimamente di ciò."

Dal Gosho "L'unica frase essenziale" (Raccolta degli scritti di Nichiren Daishonin, volume I, pagg. 821-822)

Daimoku prima di tutto

Immagine
di Kaneko Ikeda
C'è un passo degli scritti di Nichiren Daishonin che ero solita leggere insieme ai miei genitori, che avevano aderito alla Soka Gakkai spinti dall'ammirazione e dal rispetto che nutrivano nei confronti del suo fondatore Tsunesaburo Makiguchi: «Anche se può accadere che uno miri alla terra e manchi il bersaglio, che qualcuno riesca a legare i cieli, che le maree cessino di fluire e rifluire o che il sole sorga a ovest, non accadrà mai che la preghiera di un praticante del Sutra del Loto rimanga senza risposta» (Sulle preghiere, RSND, 1, 306). Avendo percorso il sentiero della rivoluzione umana e di kosen-rufuseguendo la guida dei primi tre presidenti della nostra organizzazione, ho verificato personalmente queste parole più e più volte nel corso degli anni. Davanti a qualsiasi difficoltà niente è più potente di una preghiera determinata che non vacilla. Se facciamo così, vedremo senza alcun dubbio i risultati. Mi tornano alla mente le parole che il secondo presi…

Frase dal Gosho - 26 luglio 2016

Immagine
"Dopotutto, anche se cerchiamo l’inferno in qualche luogo remoto, le mazze di ferro delle sue guardie e le grida accusatorie dei demoni guardiani non esistono separatamente da noi. Questo è un insegnamento di fondamentale importanza, tuttavia io lo impartirò a te così come il Bodhisattva Manjushri espose per la figlia del re drago l’insegnamento segreto del conseguimento della Buddità nella forma presente. Dopo averlo udito, impegnati ancor più diligentemente nella fede. Colui che udendo l’insegnamento del Sutra del Loto compie sforzi ancor maggiori nella fede è un vero ricercatore della via. T’ien-t’ai disse: «Dall’indaco, un blu ancora più blu». Il significato di queste parole è che una cosa tinta nell’indaco diventa più blu delle stesse foglie di indaco. Il Sutra del Loto è come l’indaco e la forza della pratica è come il blu che diventa sempre più intenso."

Dal Gosho "L'inferno è la Terra della Luce Tranquilla" (Raccolta degli scritti di Nichiren Daishoni…

Scriviamo per il futuro

Immagine
di Daisaku Ikeda
Il maestro Toda ci ha insegnato che "il volto della compassione è il coraggio". Il coraggio di realizzare i propri ideali! Il coraggio di stringere amicizie! Il coraggio di espandere il nostro movimento! Il coraggio di creare l'unità! Il coraggio di conquistare la vittoria! La fede è il coraggio supremo. Se non incontriamo sofferenze e difficoltà, non proviamo gioia. Le giornate trascorse nell'inerzia non regalano profonde emozioni. State accorrendo in prima linea, voi per primi, senza lesinare sforzi per i vostri amici. Siete voi le persone acclamate con il titolo della canzone Compagni di fede che regalano profonde emozioni! Con armonia e allegria portiamo avanti fino in fondo la grande sfida che permette a tutti di trasformare il proprio karma attraverso la rivoluzione umana, e incoraggiamoci a vicenda insieme ai preziosissimi compagni di fede. È importante che ognuno diventi il magnifico protagonista della propria vita, issando alto il vessillo d…

Frase dal Gosho - 25 luglio 2016

Immagine
"Così come stai vivendo, tu pratichi il Sutra del Loto ventiquattro ore al giorno. Splendido! Considera il servizio al tuo signore come la pratica del Sutra del Loto. Questo è il significato di «nessuna cosa che riguardi la vita o il lavoro contrasta in alcun modo con la vera realtà». Spero che rifletterai a fondo sul significato di questa frase."

Dal Gosho "Risposta a un credente" (Raccolta degli scritti di Nichiren Daishonin, volume I, pag. 804)

Frase dal Gosho - 24 luglio 2016

Immagine
"Al momento l’intero corpo dell’Onorevole Abutsu è composto dei cinque elementi di terra, acqua, fuoco, vento e spazio. Questi cinque elementi sono anche i cinque caratteri del daimoku. Perciò Abutsu- bo è la torre preziosa stessa, e la torre preziosa è Abutsu-bo stesso. Al di fuori di questa consapevolezza tutto il resto è inutile. È la torre preziosa adornata dai sette tipi di gemme: ascoltare l’insegnamento corretto, credere in esso, osservare i precetti, meditare, praticare assiduamente, rinunciare ai propri attaccamenti e riflettere su se stessi. Potresti pensare di aver fatto offerte alla torre preziosa del Tathagata Molti Tesori, ma non è così. Le hai offerte a te stesso. Tu stesso sei un Tathagata da sempre illuminato e dotato dei tre corpi."

Dal Gosho "La torre preziosa" (Raccolta degli scritti di Nichiren Daishonin, volume I, pag. 264)

Frase dal Gosho - 23 luglio 2016

Immagine
"Quelli che credono nel Sutra del Loto sono come l’inverno, che si trasforma sempre in primavera. Non si è mai visto né udito, sin dai tempi antichi, di un inverno che si sia trasformato in autunno, né si è mai sentito di alcun credente del Sutra del Loto che sia diventato un essere comune. Un passo del sutra dice: «Fra coloro che ascoltano la Legge, nemmeno uno mancherà di conseguire la Buddità»."

Dal Gosho "L’inverno si trasforma sempre in primavera" (Raccolta degli scritti di Nichiren Daishonin, volume I, pag. 477)

Mattina e sera con il Budda

di Tamotsu Nakajima
Il succo della pratica è il Daimoku, mentre Gongyo (la lettura dei due capitoli del sutra), è secondario. Tante persone sono molto concentrate quando fanno Gongyo ma poi durante il Daimoku si rilassano, cominciano ad alzarsi o disturbano parlando quando gli altri recitano Daimoku, mentre invece quella è la pratica fondamentale. Non so da dove sia venuto questo comportamento. La cerimonia di Gongyo e Daimoku mattina e sera è l'unica occasione in cui si sta davanti alla Legge fondamentale concretizzata nel Gohonzon, l'unica occasione in cui si sta davanti alla Buddità. Una volta terminata la cerimonia, di fronte a noi non c'è più il Gohonzon ma la normale società e vengono fuori i nove mondi. Dunque la cerimonia di Gongyo e Daimoku è fondamentale. È in quell'occasione che si determina come realizzare la propria vita, e quindi non ci si può distrarre o disturbare gli altri. Dare fastidio a chi recita Daimoku non è un atteggiamento buddista, e anche se…

Frase dal Gosho - 22 luglio 2016

Immagine
"Myo significa perfettamente dotato. [...] Nell'espressione "perfettamente dotato", "dotato" si riferisce al mutuo possesso dei Dieci mondi, mentre "perfetto" significa che, dal momento che c'è il mutuo possesso dei Dieci mondi, allora ciascuno dei mondi contiene tutti gli altri mondi, il che indica che è "perfetto"

Dal Gosho "L’apertura degli occhi" (Raccolta degli scritti di Nichiren Daishonin, volume I, pag. 224)

La chiave

Immagine
di Daisaku Ikeda
La rivoluzione umana, che trasforma profondamente le nostre vite, è la chiave per realizzare dei cambiamenti in ogni sfera dell'esistenza. Nonostante questo alcuni membri non hanno ancora compreso cosa significhi e cosa riguardi di preciso. La rivoluzione umana non è qualcosa di straordinario o di diverso dalla nostra vita quotidiana. Lasciate che vi faccia un esempio: un giovane passa tutto il suo tempo giocando e non studia mai. Poi, un giorno, decide di fare degli sforzi per avere più possibilità per il futuro e comincia a considerare seriamente i suoi studi: questa è la rivoluzione umana. La rivoluzione umana in altre parole, consiste nella decisione che una persona prende quando decide di uscire dal suo mondo ristretto di tutti i giorni e iniziare a lottare dedicandosi a qualcosa di più profondo e di più grande.
Tratto da: I Protagonisti del XXI° Secolo pag. 84

Frase dal Gosho - 21 luglio 2016

Immagine
"Grandi eventi non sono preceduti da piccoli presagi. Quando accade un grande male, seguirà un grande bene. Poiché la grande offesa alla Legge esiste già nel paese, la grande Legge corretta si diffonderà sicuramente. Che motivo avete di lamentarvi? Benché non siate il Venerabile Mahakashyapa, dovreste tutti mettervi a ballare! Benché non siate Shariputra, dovreste balzare in piedi e danzare. Quando il Bodhisattva Pratiche Superiori emerse dalla terra, non lo fece forse danzando?"

Dal Gosho "Grande male e grande bene" (Raccolta degli scritti di Nichiren Daishonin, volume I, pag. 992)

La preghiera, una spada affilata

Immagine
di Daisaku Ikeda
Toda soleva dire: «Ciò che importa è che ogni persona trabocchi di energia e faccia emergere una forza vitale effervescente». Come responsabili, quando nel corso di una riunione offriamo un incoraggiamento, dovremmo nutrire il forte desiderio di ispirare le persone a prendere la decisione di agire in prima persona. Dovremmo parlare con una voce chiara e piena di fiducia, capace di toccare il cuore. Nichiren Daishonin scrive: «Myo significa rivitalizzare, rivitalizzare significa resuscitare» (Il Daimoku del Sutra del Loto, SND, 5, 45). Noi che recitiamo e sosteniamo la Legge mistica, riusciamo sempre ad attingere a una fresca riserva di forza vitale, facendo pulsare in noi l'energia della giovinezza. Se non ci riusciamo, non stiamo davvero praticando la Legge mistica. Qual è la chiave per conseguire una vittoria? Innanzitutto la preghiera.Kosen-rufu è una lotta tra il Budda e i demoni. Solo la preghiera, solo la spada affilata della Legge mistica può sconfiggere le…

Frase dal Gosho - 20 luglio 2016

Immagine
"In sostanza, l’entità di Myoho-renge è il corpo fisico che i discepoli e i seguaci di Nichiren, che credono nel Sutra del Loto, hanno ricevuto dai loro genitori alla nascita. Queste persone che, scartando onestamente gli espedienti, hanno fede unicamente nel Sutra del Loto e recitano Nam-myoho-renge-kyo, trasformeranno i tre sentieri delle illusioni e i desideri, del karma e della sofferenza nelle tre virtù del corpo del Dharma, della saggezza e dell’emancipazione. La triplice contemplazione e le tre verità si manifesteranno immediatamente nella loro mente e il luogo in cui vivono diventerà la Terra della Luce Eternamente Tranquilla."

Dal Gosho "Lâ??entità della Legge mistica" (Raccolta degli scritti di Nichiren Daishonin, volume I, pag. 373)

Le regole del gioco

Immagine
di Greg Martin
Nel Buddismo per preghiera si intende qualcosa di piuttosto diverso da quello cui siamo abituati fin dall'infanzia. Se non si capisce la differenza si tenderà a continuare a pregare come se si cercasse di comunicare con qualche potere trascendente. Questo vorrebbe dire limitarsi solo agli aspetti superficiali dell'essere Budda, mentre in realtà si rimane attaccati al vecchio modo di pensare. [...] Le preghiere allora tendono a essere pieni di sensi di colpa e ineguatezza. Nel Buddismo ogni potere si trova all'interno dell'essere umano. La preghiera buddista è auto diretta. Lo scopo della preghiera nel Buddismo è trasformare l'illusione in saggezza e quest'ultima è senza dubbio uno dei più grandi benefici della pratica buddista. Si è infelici se la propria vita è piena di illusioni, non conta quanto si possa essere sinceri o motivati. E' facile mettere cause negative per ignoranza, alimentando le proprie tendenze, ottenendo come risultato ulte…

Frase dal Gosho - 19 luglio 2016

Immagine
"Tu non hai figli né fratelli su cui si possa conta re. Hai solo i tuoi due feudi. Questa vita è come un sogno, nessuno può esser certo di vivere fino a domani. Anche se tu dovessi diventare il più misero dei mendicanti, non disonorare il Sutra del Loto. [...] Quanto agli altri, lasciali protestare contro di te finché vogliono. Se poi deciderai di presentare la petizione al tuo signore, questa notizia potrà diffondersi fino a Kamakura e forse raggiungere il reggente stesso. Questo significa cambiare la sfortuna in fortuna. Ti ho già spiegato gli insegnamenti del Sutra del Loto. Le questioni di minor importanza hanno origine dal bene, ma in una questione di grande importanza un grande disastro si trasforma sempre in una grande fortuna. "

Dal Gosho "Ammonimento contro l’attaccamento al proprio feudo" (Raccolta degli scritti di Nichiren Daishonin, volume I, pag. 731-732)

Il valore della preghiera

Immagine
di Mitsuhiro Kaneda
Nichiren Daishonin dice: «Se la tua preghiera avrà risposta oppure no, dipende dalla tua fede. Non è assolutamente colpa di Nichiren [se non ottieni risposta]» (Risposta a Nichigon-ama, SND, 7, 211) Noi veniamo in contatto col Gohonzon tramire i quattro poteri: il potere del Budda il potere della Legge il potere della fede il potere della pratica I primi due appartengono al Gohonzon, che è fuori e dentro di noi, e gli altri due sono propri dell'essere umano. I due poteri del Gohonzon sono assoluti, vasti come l'universo, infiniti, senza limiti e sono attivati dai nostri due poteri relativi, quello della fede e quello della pratica. Il potere del Budda consiste nel giuramento di salvare tutto il genere umano e di far diventare ogni persona uguale a lui. Nel potere della Legge sono contenuti incommensurabili benefici, saggezza, forza vitale e tutto quello che serve per raggiungere l'Illuminazione. Il presidente Toda diceva: «Se il potere della nostra fede…

Frase dal Gosho - 18 luglio 2016

Immagine
"Se vi preoccupate anche solo un po’ della vostra sicurezza personale, dovreste prima di tutto pregare per l’ordine e la tranquillità in tutti e quattro i quadranti del paese."

Dal Gosho "Adottare l’insegnamento corretto per la pace nel paese" (Raccolta degli scritti di Nichiren Daishonin, volume I, pag. 25)

Frase dal Gosho - 17 luglio 2016

Immagine
"Non si può contare su grandi azioni meritorie; se non si incontra il Sutra del Loto, non servono. Non bisogna neanche lamentarsi di aver commesso grandi azioni malvagie; chi pratica l’unico veicolo, segue le orme di Devadatta [e conseguirà la Buddità]. Tutto questo è a causa del passo del sutra che dice: «Nemmeno uno mancherà di conseguire la Buddità». Qualcuno si può chiedere dove si trovi ora lo spirito del defunto Abutsu-bo. Usando il chiaro specchio del Sutra del Loto, io, Nichiren, posso vederlo nell’assemblea sul Picco dell’Aquila, seduto nella torre preziosa del Budda Molti Tesori, rivolto a est."

Dal Gosho "Il tesoro di un figlio devoto" (Raccolta degli scritti di Nichiren Daishonin, volume I, pag. 926)

Frase dal Gosho - 16 luglio 2016

Immagine
"Il capitolo “Espedienti”, nel primo volume del Sutra del Loto, dice: «I Budda […] desiderano aprire la porta della saggezza del Budda a tutti gli esseri viventi ». Questo si riferisce al mondo di Buddità inerente ai nove mondi. Nel capitolo “Durata della vita” si dice: «Così, da quando ho conseguito la Buddità a oggi, è trascorso un tempo estremamente lungo. La mia vita dura da un incalcolabile numero di asamkhya di kalpa e durante tutto questo periodo io sono sempre vissuto qui e la mia vita non si è mai estinta. Uomini devoti, in origine ho praticato la via del bodhisattva e la durata della vita che ho acquisito allora non si è ancora esaurita: anzi, durerà per un periodo di tempo doppio di quello trascorso fino a ora». Qui il sutra si riferisce ai nove mondi presenti nel mondo di Buddità. Il sutra afferma: «Devadatta sarà chiamato Tathagata Re del Cielo». Ciò indica che il mondo d’inferno contiene la Buddità."

Dal Gosho "L’oggetto di culto per l’osservazione della…

Continuità

Questo passaggio è essenziale. Perché sgombra il campo da ogni sorta di elucubrazione o congettura su quale causa positiva si debba mettere per ottenere quel particolare effetto positivo o superare quel particolare effetto negativo. A questo punto è chiaro: il semplice atto di cercare con il Daimoku la nostra Buddità per affrontare una sfida è la causa positiva fondamentale che ha come conseguenza di illuminare tutti gli effetti dannosi delle cause negative poste in innumerevoli vite precedenti, destituendoli di ogni potere di farci soffrire, rendendoli occasione per creare valore, comprensione, realizzazione, e dunque sostanzialmente modificandoli di segno. Guardando dritto in faccia il nostro karma e cogliendone il vero significato, ogni avversità può aiutarci a condurre una vita più ricca e feconda, dice il presidente Ikeda. Inoltre, le azioni che compiamo per combattere il nostro karma diventano un esempio e una fonte di ispirazione per altri (Ibidem, 54). Senza soluzione di con…

Frase dal Gosho - 15 luglio 2016

Immagine
"[...] quando recitiamo una volta Myoho-renge-kyo, con questo singolo suono chiamiamo e manifestiamo la natura di Budda di tutti i Budda, di tutte le esistenze, di tutti i bodhisattva e gli ascoltatori della voce, di tutte le divinità come Brahma, Shakra e re Yama, il sole, la luna e le miriadi di stelle, di tutti gli dèi celesti e terreni, di tutti gli abitanti dell’inferno, degli spiriti affamati, animali, asura, esseri umani e celesti e di tutti gli altri esseri viventi. Questo è un beneficio immenso, incalcolabile."

Dal Gosho "Come coloro che inizialmente aspirano alla via [...]" (Raccolta degli scritti di Nichiren Daishonin, volume I, pag. 789)

Re leone

Immagine
di Daisaku Ikeda
Il Daishonin afferma: "Il mio desiderio è che i discepoli di Nichiren siano cuccioli del re leone e che non si facciano mai deridere dai branchi di volpi". Dedico questa frase ai miei giovani successori, con le mie più grandi speranze per le loro imprese. Il Buddismo è la filosofia del re leone. Makiguchi era un re leone, così come Toda. Anche io ho lottato da leone e ho trionfato. Gli individui dal cuore di leone non vengono mai sopraffatti. Essi non si affidano a manipolazioni o a macchinazioni ambigue. Essere considerato un leone nel Buddismo del Daishonin è il più alto riconoscimento per un indiscusso vincitore nel regno della fede. [...] Per favore battetevi coraggiosamente per la nostra nobile causa con un coraggio e una passione sempre crescenti. 
(N. R. n° 444 - pag. 9)

Frase dal Gosho - 14 luglio 2016

Immagine
"Per prima cosa, alla domanda di dove si trovino esattamente l’inferno e il Budda, un sutra afferma che l’inferno si trova sotto terra e un altro dice che il Budda risiede a occidente. Ma, a un attento esame, risulta che entrambi esistono nel nostro corpo alto cinque piedi; questo dev’essere vero perché l’inferno è nel cuore di chi interiormente disprezza suo padre e trascura sua madre. È come il seme del loto che contiene al tempo stesso il fiore e il frutto. Anche il Budda dimora nei nostri cuori, così come dentro la pietra focaia esiste il fuoco e dentro le gemme esiste il valore. Noi persone comuni non possiamo vedere le nostre ciglia che sono vicine né i cieli che sono lontani. Ugualmente non capiamo che il Budda esiste nel nostro cuore."

Dal Gosho "Gosho di Capodanno" (Raccolta degli scritti di Nichiren Daishonin, volume I, pag. 1008)

Capita...

Immagine
"Capita a tutti di stare male, di avere periodi neri, disgrazie, pochi soldi o poco cibo. Di avere problemi sul lavoro, di non riuscire a realizzare un sogno proprio quando ci sembra di averlo deciso con tutto il cuore. Così come capita di invecchiare, di sperimentare la malattia nostra e dei nostri cari, di dover fare i conti con la morte. Capita perché tutto questo fa parte di quella meraviglia e di quella perfezione che è la vita stessa. La cosa importante è cosa fare. Come sperimentare le parole del Sutra del Loto con la nostra vita, attingere alla fortuna e ai benefici che ci promette. Invece di lamentarci e lasciarci andare in balia di quanto accade, invece di chiederci perché sembra che per noi non funzioni, proviamo ad agire, a essere attivi, a cercare come insegna Nichiren, come se volessimo trovare acqua nel deserto. Proviamo a chiederci cosa possiamo fare di più. Perché è un cammino infinito, e ci sarà sempre qualcosa che possiamo fare meglio, con più serietà, più cos…

Frase dal Gosho - 13 luglio 2016

Immagine
"Masakado era conosciuto come un coraggioso generale esperto nell’arte della guerra, tuttavia fu sconfitto dalle truppe comandate dall’imperatore. Anche Fan K’uai e Chang Liang ebbero i loro fallimenti. È il cuore che è importante. Non importa quanto forte Nichiren possa pregare per te, se manchi di fede sarà come tentare di accendere il fuoco con un’esca bagnata. Sforzati di raccogliere il potere della fede. Considera prodigiosa la tua sopravvivenza. Usa la strategia del Sutra del Loto prima di ogni altra. Allora «riuscirai […] a sconfiggere tutti gli altri nemici». Queste auree parole non saranno mai contraddette. L’essenza della strategia e dell’arte della spada derivano dalla Legge mistica."

Dal Gosho "La strategia del Sutra del Loto" (Raccolta degli scritti di Nichiren Daishonin, volume I, pag. 889)

Ingabbiata nel giudizio

Immagine
«La sfortuna viene dalla bocca e ci rovina, la fortuna viene dal cuore e ci fa onore» (Gosho di Capodanno, RSND, 1, 1008) Capire che cosa voglia dire sentirsi liberi è importante, perché spesso significa avere sperimentato l'opposto, ovvero la prigione dell'essere impossibilitati a compiere le azioni che si vorrebbe. Considerando che nel Buddismo il concetto di "azione" comprende non solo le azioni in sé e per sé, ma anche i pensieri e le parole, il non sentirsi liberi di pensare, parlare e agire come si vorrebbe è ancor più limitante. Essere liberi non necessariamente significa sentirsi liberi. Viceversa, ci si può sentire liberi anche a dispetto di circostanze che di fatto ostacolano la nostra libertà. Mi trovavo, fino a poco più di un anno fa, in una situazione in cui la mia vita disponeva di tutte le caratteristiche per cui una persona si poteva sentire libera oltre che a proprio agio: single, autonoma anche economicamente, in buonissima salute, con un'ottim…

Frase dal Gosho - 12 luglio 2016

Immagine
"Cosa significa myo (mistico)? È semplicemente la misteriosa natura della nostra vita di istante in istante, che la mente non riesce a comprendere e le parole non possono esprimere. Guardando la nostra mente in ogni singolo istante, non percepiamo né colore né forma per verificare che esiste. Eppure non possiamo nemmeno dire che non esiste, poiché molti pensieri differenti sorgono di continuo. Non possiamo né ritenere che la mente esista né che non esista. È una realtà inafferrabile che trascende sia le parole sia i concetti di esistenza e di non esistenza. Non è né esistenza né non esistenza, e tuttavia manifesta le proprietà di entrambe. È la mistica entità della Via di mezzo che è l'unica vera realtà. Myo è il nome dato alla misteriosa natura della vita e ho quello attribuito alle sue manifestazioni. Renge, che significa fiore di loto, simboleggia la meraviglia e il mistero di questa Legge. Se comprendiamo che la nostra mente, o vita, in questo istante è myo, allora compr…

Vita e morte

Immagine
Forse non c'è dolore più grande di quello che proviamo quando la morte ci porta via una persona cara. Malgrado la comune convinzione che il nostro tempo in questo mondo sia limitato e che nessuno possa sfuggire alla transitorietà della vita, quando si avvicina il nostro ultimo respiro, tale certezza non aiuta minimamente ad affrontare la paura della morte.
Perché siamo nati? Perché dobbiamo morire? Quale valore possiamo creare nella nostra fragile esistenza?
Il Buddismo nasce proprio per rispondere a queste domande: perciò ci insegna a non evitare il confronto con la morte, ma ad affrontarlo. Al contrario, la cultura contemporanea sembra negare una questione così fondamentale. È la consapevolezza della morte, però, che ci costringe ad esaminare le nostre esistenze per cercare di viverle nel modo più significativo possibile. La morte ci permette di far tesoro della vita e ci rammenta la preziosità di ogni momento che possiamo condividere con gli altri.

Frase dal Gosho - 11 luglio 2016

Immagine
"La figlia di otto anni del re drago conseguì la Buddità [nella sua forma di rettile], e la zia del Budda, Gautami, e la monaca Yashodhara ricevettero la profezia che avrebbero conseguito la Buddità. Le nostre madri sono femmine umane, che non appartengono al regno degli animali e non hanno nemmeno un corpo da rettile. Se la figlia di otto anni del re drago poté diventare un Budda, perché mai dovremmo credere che le nostre madri non possano diventare Budda grazie al potere di questo sutra? Perciò una persona che sostiene il Sutra del Loto sta ripagando il debito di gratitudine verso suo padre e sua madre. E anche se in cuor suo non pensa di riuscire a farlo, può ripagare il proprio debito grazie al potere di questo sutra."

Dal Gosho "Le quattro virtù e i quattro debiti di gratitudine" (Raccolta degli scritti di Nichiren Daishonin, volume II, pag. 602)

Frase dal Gosho - 10 luglio 2016

Immagine
"Questa volta dobbiamo, dobbiamo assolutamente risvegliarci da questo regno di sogno di nascita e morte, fare ritorno allo stato di veglia dell’illuminazione originale e recidere le funi che ci legano alla nascita e alla morte. Dopo di che, non ospiteremo più nella nostra mente dottrine buddiste che appartengono a quel regno di sogno. Ci uniremo in armonia con l’unica mente dei Budda delle tre esistenze, svolgeremo la pratica di Myoho-rengekyo e, senza ostacoli, otterremo l’illuminazione [...]"

Dal Gosho "La dichiarazione unanime dei Budda delle tre esistenze" (Raccolta degli scritti di Nichiren Daishonin, volume II, pag. 812)

Frase dal Gosho - 9 luglio 2016

Immagine
"La cipria bianca può rendere bianca come neve la lacca nera, e qualsiasi colore in prossimità del monte Sumeru assume una sfumatura dorata. Chi abbraccia il daimoku del Sutra del Loto trasforma la lacca nera delle azioni malvagie di questa vita e degli innumerevoli kalpa di vite passate nel grande merito che deriva dalle buone azioni. A maggior ragione sarà vero delle buone radici che derivano dal passato senza inizio, che assumeranno tutte una sfumatura dorata."

Dal Gosho "L’importanza del momento della morte" (Raccolta degli scritti di Nichiren Daishonin, volume II, pag. 715)

Vincere o perdere

Immagine
di Daisaku Ikeda
La fede conduce alla vittoria mentre la mancanza di fede e l'arroganza portano alla sconfitta. Buddismo è vincere o perdere, ma cosa esattamente ci permette di vincere? È il nostro cuore, la nostra mente. Tutto dipende dal fatto che il nostro cuore si trovi dalla parte della Legge corretta e non dell'errore. Quando il Daishonin afferma che il Buddismo riguarda la vittoria o la sconfitta sta riferendosi a questa lotta che avviene nel profondo del nostro cuore. Perciò dobbiamo guardarci severamente dal soccombere alla sfiducia e alle azioni sbagliate. La strada maestra per la vittoria sta nel mantenere una fede risoluta nella Legge mistica e un comportamento ragionevole, basato sulla fede.
(N. R. n° 335 - Settembre 2005)

Frase dal Gosho - 8 luglio 2016

Immagine
"Un uomo che offrì una torta di fango al Budda rinacque come un re. Poiché il Sutra del Loto è un insegnamento superiore al Budda, come potresti tu, che hai fatto offerte al sutra, non godere di benefici in questa vita e conseguire la Buddità nella prossima?"

Dal Gosho "Il daimoku come seme della Buddità" (Raccolta degli scritti di Nichiren Daishonin, volume II, pag. 755-756)

Io per primo

Immagine
di T. Nakajima
Un Budda si preoccupa della propria e dell'altrui felicità, e considera il momento presente come un'occasione per decidere "IO per primo porto avanti kosen-rufu e realizzo la mia vita!". Non aspetta che qualcun altro lo faccia, prende l'iniziativa e si impegna in prima persona per aiutare gli altri e per creare un ambiente pacifico e armonioso. Si sforza inoltre di dar valore ad ogni istante della vita, cercando di agire sempre per realizzare ciò che ha deciso. [...] Il problema non è cosa fanno gli altri, ma cosa faccio "IO PER PRIMO" per mantenere sempre la decisione di vincere, qualunque cosa accada. Prima di tutto bisogna recitare Daimoku con tutto il cuore e continuare a far conoscere la pratica ai nostri amici, proprio come dice Sensei: "La primavera è arrivata! Risvegliamoci anche noi dedicandoci a dialoghi coraggiosi".
 (N. R. n° 443, p. 13)

Frase dal Gosho - 7 luglio 2016

Immagine
"Il riflesso della luna non dimora nell’acqua torbida e sui rami di un albero morto non ci sono uccelli. Il Budda non abiterà nel cuore di una donna senza cuore. Ma una donna che abbraccia il Sutra del Loto è come acqua pura nella quale dimorerà la luna del Budda Shakyamuni. [...] Quando nel proprio cuore si prende fede in Nam-myoho-renge-kyo, il cuore diventa una casa in cui va ad abitare il Budda Shakyamuni. Dapprima la persona non se ne accorge, ma col passare dei mesi il Budda che vive dentro il cuore comincia ad apparire come in un sogno, e il cuore, poco a poco, si riempie sempre più di gioia."

Dal Gosho "Il Budda dimora in un cuore puro" (Raccolta degli scritti di Nichiren Daishonin, volume II, pag. 832)

In tutto il mondo

Immagine
di Daisaku Ikeda
Non c'è nulla di più caloroso delle parole di chi si rivolge con premura e compassione a un'altra persona. Questi incoraggiamenti stimolano e fanno manifestare tutto ciò che di buono e positivo esiste nel cuore dell'altro. La vita si affina e migliora a contatto con un'altra vita, e questo avviene attraverso il dialogo. Noi membri della famiglia Soka continuiamo incessantemente, «giorno dopo giorno e mese dopo mese» (Le persecuzioni che colpiscono il santo, RSND, 1, 885), a impegnarci nella propagazione compassionevole della Legge mistica basandoci sulla fede, per realizzare l'ideale di Nichiren Daishonin di "adottare l'insegnamento corretto per la pace nel paese". Proprio perché ci siamo sempre sfidati a parlare del Buddismo di Nichiren ad altre persone senza risparmiarci e senza demoralizzarci di fronte agli ostacoli, sempre più numerose storie di rivoluzione umana risuonano gioiose e commoventi in tutto il mondo. 
(N. R. n° 576 Mar…

Frase dal Gosho - 6 luglio 2016

Immagine
"A causa delle tre categorie di illusioni - illusioni del pensiero e del desiderio, illusioni innumerevoli come particelle di polvere e sabbia e illusioni sulla vera natura dell'esistenza, nonche' del karma creato dalle dieci azioni malvagie e dai cinque peccati cardinali - la mente di tutti gli esseri umani e` come una notte oscura. In questa notte oscura il Kegon e gli altri sutra sono come stelle, mentre il Sutra del Loto e` come la luna. Per coloro che hanno fede nel Sutra del Loto, ma non una fede profonda, e` come se la notte oscura fosse illuminata da mezza luna, ma per coloro che hanno una profonda fede e` come se la notte fosse illuminata dalla luna piena."
Da "L'essenza del capitolo Yakuo" (gli scritti di Nichiren Daishonin, vol. 9, pag. 262)

Vincitore è chi mantiene la decisione

Immagine
di Daisaku Ikeda
Il Bodhisattva Mai Sprezzante che appare nel Sutra del Loto viene descritto come «un praticante allo stadio iniziale di gioia» (L'insegnamento, la pratica e la prova, RSND, 1, 420). Lo "stadio iniziale di gioia" è il primo stadio della pratica buddista, quando si accettano gli insegnamenti del Budda, maestro nella fede, e gioiosamente ci si dedica alla pratica. Abbracciando l'insegnamento del Budda secondo cui l'intero genere umano può conseguire l'Illuminazione, il Bodhisattva Mai Sprezzante mostrava un profondo rispetto nei confronti della Buddità di ogni individuo che incontrava continuando a dialogare con ciascuno. Nonostante le persecuzioni subite da parte di individui arroganti e autoritari che lo attaccavano e lo insultavano, manteneva sempre quella gioia che si percepisce agli inizi della pratica, la gioia di dedicarsi alla stessa grande missione del maestro. Ecco perché non fu mai sconfitto. La fede non si misura con gli anni di prat…

Frase dal Gosho - 5 luglio 2016

Immagine
"Se vi preoccupate anche solo un po' della vostra sicurezza personale, dovreste prima di tutto pregare per l'ordine e la tranquillità in tutti e quattro i quadranti del paese"

Dal Gosho "Adottare l'insegnamento corretto per la pace nel paese" (Raccolta degli scritti di Nichiren Daishonin, volume I, pag. 25)

Valore della diversità

Immagine
Qual è il modo migliore per vivere in un mondo così ricco di differenze? Mai questione è stata più attuale di questa. Per sopravvivere è necessario trovare un modo per conciliare visioni del mondo e sistemi di valori diversi tra loro. I contatti e le interazioni tra le più diverse tradizioni culturali del mondo sono infatti inevitabili, e risposte come quella di ritirarsi e isolarsi nel proprio ambiente ristretto o di uniformarsi a una serie di valori imposti dalle potenze economiche e tecnologiche sono assolutamente inadeguate.
Come possiamo imparare a vivere senza sentirci minacciati dalla diversità? O a comunicare efficacemente con chi ha una visione e comprensione del mondo diversa dalla nostra? La diversità può innescare conflitti e violenza, ma anche generare reciproca creatività e progresso. Come è possibile realizzare la seconda opzione? Il presidente della Soka Gakkai Internazionale (Sgi) Daisaku Ikeda ha scritto a questo proposito: «L’insegnamento del Budda ha inizio col r…

Frase dal Gosho - 4 luglio 2016

Immagine
"L’entità di Myoho-renge-kyo, in tutto il suo splendore; cos’è dunque tale entità? Volendo provare a rispondere, dobbiamo dire che essa è il loto bianco a otto petali, il quale è la vera natura delle nostre vite. E poiché è così, allora la natura essenziale della nostre vite è Myohorenge- kyo. Una volta che siamo giunti a comprendere che Myoho-renge-kyo non è il nome di un sutra, ma l’entità delle nostre stesse vite, vedremo che le nostre vite sono in realtà il Sutra del Loto e che il Sutra del Loto non è altro che la parola sacra predicata dal Budda allo scopo di rendere manifeste quelle entità che sono le nostre vite. E vedendo ciò sapremo che noi stessi siamo i Tathagata dell’illuminazione originale che possiedono i tre corpi in un singolo corpo. Una volta che ci siamo illuminati a questo, tutte le idee illusorie e i modi di pensare errati che abbiamo nutrito dal passato senza inizio sino al presente saranno spazzati via, come i sogni di ieri, e svaniranno senza lasciare trac…

Frase dal Gosho - 3 luglio 2016

Immagine
"Nella tua lettera chiedi: «Dal giorno in cui ho preso fede in questo sutra, ho continuato a leggere i dieci fattori della vita e la parte in versi del capitolo “Durata della vita” e ho recitato il daimoku senza alcuna negligenza. Ma c’è una differenza fra i benefici del daimoku recitato da un santo e i benefici del daimoku che recitiamo noi?». Per risponderti, nessuno dei due è in alcun modo superiore o inferiore all’altro. L’oro posseduto da uno stolto non è differente dall’oro posseduto da un sapiente; il fuoco acceso da uno stolto è uguale al fuoco acceso da un sapiente. Tuttavia c’è una differenza se si recita il daimoku e allo stesso tempo si va contro l’intento di questo sutra. Nella pratica di questo sutra ci sono vari stadi [e di conseguenza varie forme di offesa]. [...] Le cattive cause sono quattordici: 1) arroganza; 2) negligenza; 3) opinioni personali errate; 4) comprensione superficiale; 5) attaccamento alle illusioni e ai desideri; 6) non [voler] comprendere; 7) n…

Frase dal Gosho - 2 luglio 2016

Immagine
"E se indaghiamo sulla radice della sofferenza inflitta alle persone, scopriamo che essa deriva dai tre veleni di collera, avidità e stupidità. Attraverso i due sentieri delle illusioni e dei desideri, e della sofferenza si crea il karma. E il sentiero del karma è ciò che ci lega al regno di nascita e morte. Siamo come uccelli chiusi in una gabbia. Come possono questi tre sentieri, delle illusioni e dei desideri, del karma e della sofferenza, essere chiamati le tre cause che conducono alla Buddità? [...] vorrei semplicemente citare le parole del Bodhisattva Nagarjuna, il tredicesimo successore del Budda e fondatore del lignaggio del Gran Maestro T’ien-t’ai, che, nello spiegare la parola myo, o meraviglioso, nei termini di myoho dice che è «come un grande medico in grado di trasformare il veleno in medicina»."

Dal Gosho "Cosa significa udire per la prima volta il veicolo del Budda" (Raccolta degli scritti di Nichiren Daishonin, volume II, pag. 698)

Gli otto venti

Immagine
Una metafora per indicare il potere che hanno la sofferenza e i desideri di creare disperazione o attaccamento, facendoci dimenticare di essere Budda, mentre la felicità più grande è sentire pulsare in ogni momento la nostra natura più profonda e saperla esprimere in qualsiasi circostanza.
L'uomo saggio non si lascia sviare dagli otto venti: prosperità, declino, onore, disonore, lode, biasimo, sofferenza e piacere. Non si esalterà nella prosperità né si lamenterà nel declino. Il cielo sicuramente proteggerà chi non si piega davanti agli otto venti.
 (Gli otto venti, Gli scritti di Nichiren Daishonin, vol. 4, pp. 165-170).
In questa lettera indirizzata al samurai Shijo Kingo, uno dei suoi discepoli più vicini, Nichiren parla degli otto venti e li descrive come un ostacolo alla realizzazione dei desideri. «L'uomo saggio non si lascia sviare dagli otto venti: prosperità, declino, onore, disonore, lode, biasimo, sofferenza e piacere. Non si esalterà nella prosperità né si lamenterà…

Frase dal Gosho - 1 luglio 2016

Immagine
"Tutti coloro che si considerano miei discepoli sappiano che questo è il tempo giusto per l'apparizione dei quattro bodhisattva. Perciò, non abbandonate mai la fede, anche a costo della vita. Toki, Saburo Saemon-no-jo, Kawanobe, Acharya Yamato e il resto di voi, gentiluomini e preti, dovete leggere fra di voi questa lettera e prestare ascolto. In questa epoca impura, dovete sempre parlare fra di voi e non smettere mai di pregare per la prossima vita."

Dal Gosho "Il devoto del Sutra del Loto incontrerà persecuzioni" (Raccolta degli scritti di Nichiren Daishonin, volume I, pag. 399)