Avere paura non serve a niente

Nel mondo di saha è impossibile far cessare i venti della sofferenza. L'unica strada è diventare forti. Grazie al potere del Daimoku, più grande è il problema o il dolore che sperimentiamo, più grande la felicità in cui possiamo trasformarlo. Per questo motivo chi recita Nam-myoho-renge-kyo non teme niente.
La vita è piena di lotte e sofferenze di ogni tipo: la malattia, nostra o dei nostri cari, la morte, difficoltà finanziarie, problemi di relazione, la frustrazione di non riuscire ad avere quello che desideriamo... I problemi sono inevitabili. Sono una realtà della vita da cui non possiamo prescindere.
La pratica del Buddismo di Nichiren, la recitazione di Nam-myoho-renge-kyo, ci permette di trasformare positivamente tutte queste sofferenze in accordo con il principio di "trasformare il veleno in medicina", dove il veleno della sofferenza viene trasformato nella medicina della gioia. E secondo il principio per cui "i desideri terreni sono Illuminazione", la sofferenza diventa Illuminazione e felicità. Più grande è il problema o il dolore che sperimentiamo, più grande la felicità in cui possiamo trasformarlo: questo è il potere del Daimoku. Per questo motivo chi recita Nam-myoho-renge-kyo non teme niente. Avere paura non serve a niente.

Daisaku Ikeda

Tratto da:
La saggezza per creare la pace e la felicità
Seconda parte: La rivoluzione umana - quarta puntata
Buddismo e Società n.175
(Marzo-Aprile 2016)
stampa la pagina

Commenti