Fede e lavoro #2

Nichiren spiega che, fin quando manteniamo una fede sincera, la nostra vita quotidiana di comuni mortali è il vero campo d’azione della nostra pratica buddista.
Credo che la grandezza di questo Buddismo stia nel fatto che apre una via all’illuminazione che può essere percorsa da chiunque. Non è una pratica per conseguire la Buddità che solo pochi possono intraprendere.
Nichiren osservava compassionevolmente ma severamente, con l’occhio del Budda e l’occhio della Legge, l’andamento della società. Era sempre premuroso con i suoi seguaci, e cercava di mettersi nei loro panni. In questo modo conquistava il cuore di molte persone, credenti e non credenti.
Il Sutra del Loto parla del Bodhisattva Percettore dei Suoni del Mondo. Percepire i suoni del mondo significa distinguere “la voce delle persone” e osservare i mutamenti della società. Il nostro compito di responsabili buddisti è quello di manifestare la nostra innata capacità di percepire i suoni del mondo e di prendere le misure adeguate, aumentando il numero dei nostri sostenitori e rinforzando così i ranghi di chi lotta per la giustizia e per kosen rufu.
Nichiren afferma: “Se il cielo è sereno, la terra è illuminata. Similmente, se si conosce il Sutra del Loto si possono comprendere gli affari di questo mondo”.
Spero che voi incidiate queste parole nel vostro cuore e diventiate dei responsabili eccellenti.
Non dovete dimenticare, inoltre, di sforzarvi di forgiare profondi legami di fiducia con i vostri superiori, con i vostri subordinati e con i vostri colleghi nel lavoro e nella società. Attraverso il vostro comportamento e i legami di amicizia che create, dovete diventare persone amate dagli altri e di cui gli altri si fidano. Queste sono caratteristiche importanti per avere successo nella società.
Nichiren scrive: “Considera il servizio al tuo signore come la pratica del Sutra del Loto.” Tutta la vita sociale fa parte della Legge del Budda, ed è in essa che vanno trovate le chiavi per approfondire la vostra comprensione del Buddismo e imparare a vivere in accordo con esso.

Commenti