Cambiare il proprio destino #2

La fede nella Legge mistica è come un paio di ali con cui volare nel cielo della felicità eterna. A ogni difficoltà che superiamo attraverso la fede, eleviamo il nostro stato vitale e accumuliamo fortuna. Conseguendo la Buddità in questa vita, ci innalziamo nel cielo dell’eternità dove tutti i nostri desideri sono realizzati. Questo è il principio del Buddismo e il ritmo della vita.
In una lettera indirizzata a Shijo Kingo e a sua moglie, Nichiren scrive: “La realizzazione del vostro desiderio adesso è completa, come la marea quando raggiunge il suo livello massimo o lo sbocciare dei fiori nel prato in primavera.
Come raccomanda Nichiren, basandoci su Nam myoho renge kyo sforzandoci di portare a piena fioritura il nostro cuore e la nostra vita, affrontando coraggiosamente l’inverno delle difficoltà e conducendo così un’esistenza di vera soddisfazione e di vittoria.
Pertanto, fra le persone che sacrificano la loro vita per la fede, alcune non si ammalano, altre, anche se si ammalano, guariscono e altre ancora possono perdere la vita incontrando un grande demone.
Qui Nichiren sta ammonendo la destinataria della lettera, Nichinyo, a essere sempre mentalmente preparata a ogni evenienza.
Sulla base della mia personale esperienza di fede di oltre quarant’anni, posso dire che, nella nostra organizzazione per kosen rufu , coloro che hanno lavorato con impegno e diligenza per lo sviluppo della Soka Gakkai, quando ne hanno avuto bisogno hanno sempre ricevuto protezione. Per esempio, se qualcuno si ammalava, la sua malattia non era grave o non metteva a rischio la sua vita. E in ogni caso viveva più a lungo.
Anche chi alla fine moriva, godeva di un periodo di remissione della malattia e poi, dopo avere dimostrato di avere effettivamente assunto il controllo del proprio destino, moriva coraggiosamente e pacificamente, senza soffrire. Non è forse questo un esempio della verità insegnata nel Sutra del Loto?
Questo genere di morte è colmo di benefici e di meriti, e costituisce una gloriosa partenza verso una prossima vita altrettanto felice. Inoltre, i familiari del defunto vengono protetti. La pratica buddista arreca benefici sostanziali come questi.
E’ questa la ragione per cui, ora che siete giovani e sani, dovete sforzarvi di dedicarvi sinceramente alla pratica buddista. Sarebbe un peccato se consideraste con leggerezza la vita e il Buddismo, rilassandovi e prendendovela comoda, per poi trovarvi a rimpiangerlo nel futuro. E’ per impedire questo che ora vi sto parlando così severamente.

Commenti