La qualità della vita #6

Nel Gosho Il vero aspetto di tutti i fenomeni, scritto sull'isola di Sado, Nichiren dice: "Per quanto la gente possa odiarmi, non può cambiare la realtà della mia illuminazione".
Questo è un brano famosissimo in cui Nichiren evidenzia la supremazia della sua illuminazione di Budda originale, che resta immutabile in mezzo a qualunque persecuzione. E' come il ruggito del re leone che dichiara che la sua condizione vitale illuminata è invincibile.
Noi siamo tutti degni discepoli del Budda originale, Nichiren Daishonin. Perciò non dobbiamo dare minimamente retta alle parole di quegli individui perversi che ululano come sciacalli selvaggi, ma dovremmo invece continuare ad avanzare trepidamente, come il re leone. Possiamo capire il corretto modo di vivere come esseri umani attraverso l'esempio di Nichiren e continuare a percorrere con coraggio il sentiero di kosen rufu.

Nichiren osserva che quando dopo la morte si cade in uno stato di sofferenza infernale, "un trono o un titolo di generale non valgono nulla: tormentati dai guardiani dell'inferno non si è diversi da scimmie ammaestrate che devono obbedire al padrone".
Con queste parole compassionevoli ma severe, Nichiren ci sta raccomandando di sforzarci nella fede così da non andare incontro a una fine così pietosa.
La posizione sociale e la fama sono illusioni. Inseguire queste cose pensando che ci renderanno felici è come inseguire un miraggio.
Per contro, quanto sono nobili le vite di coloro che, pur non essendo famosi e non godendo forse di alcun riconoscimento da parte della società, dedicano la loro vita alla felicità e al benessere degli altri per amore della Legge! Quanto sono felici coloro che vivono con convinzione e che alla fine dei loro giorni possono dichiarare "Sono soddisfatto di ciò che ho realizzato!" e "Ho fatto del mio meglio!"
Siamo tutti esseri umani, perciò siamo tutti uguali. L'unica vera differenza tra gli individui sta nella loro condizione vitale. La nostra condizione vitale dura oltre la morte, nell'eternità. Perciò, come dice Nichiren, "è il cuore che è importante".
stampa la pagina

Commenti