Il significato della Torre Preziosa

Nichiren scrisse:” Noi usiamo gli aspetti di nascita, vecchiaia, malattia e morte per adornare la torre che è il nostro corpo”. La torre preziosa cui si riferisce questo passo è menzionata per la prima volta nell'undicesimo capitolo del Sutra del Loto, L'Apparizione della torre preziosa. Nel suo complesso questo capitolo può essere interpretato come una metafora della nascita e della vita umana. Il testo descrive un'enorme torre che emerge da sotto la terra e si libra nell'aria. La torre si erge al centro dell'universo e le sue immense dimensioni simbolizzato la verità che la vita di ogni persona è vasta come l'universo. I sette tipi di tesori - oro, argento, lapislazzuli, madreperla, agata, perla e corniola - di cui la torre è adornata, indicano che ogni vita individuale è un cumulo di di gioielli. All'interno della torre è seduto il Budda Molti Tesori che viene dal mondo della purezza preziosa.
Benché le interpretazioni del significato della torre preziosa siano molteplici, Nichiren spiega che essa “indica i nostri corpi”. Paragonando l'apparizione della torre preziosa alla nascita afferma che “il mondo della purezza preziosa è l'utero materno” e che “l'uscita dall'utero materno è chiamata “emergere ed apparire”.
Il mondo della purezza preziosa non indica dunque una terra fantastica o un mondo ideale. Nessun tesoro è più prezioso della vita, perciò l'utero materno, nel quale la vita prende forma e dal quale nasce, è esso stesso il più sacro dei mondi, il mondo della purezza preziosa.
La torre preziosa è il simbolo dell'identità della nostra vita con l'universo. Tuttavia questa profonda verità spesso ci sfugge. Comprenderla significa vedere noi stessi come la torre preziosa, ovvero risvegliarci alla nostra natura buddica.

(D. Ikeda: ”I misteri di nascita e morte” - Esperia - Pag. 23/24)
  (a cura di Giulietta)(foto di Giulietta)
stampa la pagina

Commenti