Il Sutra del Loto #201 (seconda parte di due)

Dunque questo brano si riferisce a “Nichiren e i suoi seguaci che recitano Nam-myoho-renge-kyo”. La SGI è un corpo unico che si dedica al compimento della volontà e del mandato del Budda, fatto di persone che sinceramente mettono in pratica lo spirito del Buddismo. Ecco perché nella SGI regna il potere della Legge mistica e la forza della giustizia. Il Daishonin dice: «Quando il re leone ruggisce … i cento cuccioli si sentono incoraggiati» (Gli scritti di Nichiren Daishonin, vol. 7, pag. 217).
Il Daimoku è il ruggito del leone, e tutti noi siamo dei leoni. Il beneficio che deriva dal nostro impegno per kosen rufu è immenso, il Gohonzon conosce tutti i nostri sforzi. La parte seguente: “Talvolta a quelle persone insegnerò l’incommensurabile durata della vita del Budda e a quelli che mi vedranno soltanto dopo un lungo periodo, spiegherò com’è difficile incontrare un Budda” di per sé rivela quanto sia immensa la saggezza del Budda per salvare la gente.
Dal punto di vista del Buddismo di Nichiren Daishonin indica il grande potere del beneficio del Gohonzon. Josei Toda diceva: «Quando leggiamo questo brano con mente pura, possiamo sviluppare una grande fiducia nella nostra vita».
Mentre alle persone “sensibili, pacifiche e rette” rivela che la vita del Budda è infinita, a coloro che invece lo vedono solo dopo molto tempo Shakyamuni insegna “come è difficile incontrare un Budda”. Il Budda esiste sempre, ma incontrarlo è cosa rara.
Anche se può sembrare contraddittorio è il tema centrale del Jigage, la sezione in versi del capitolo Juryo. Se Shakyamuni dicesse che il Budda esiste sempre, le persone nutrirebbero un senso di dipendenza da lui e ciò è una contraddizione per il Buddismo, che invece spinge ogni persona a diventare un Budda. Il Budda vuole che l’individuo si basi solo su se stesso. E così, come ultimo espediente, usa la sua morte per far capire alle persone che incontrarlo è assai difficile, facendo scaturire in loro un profondo spirito di ricerca.
La vera salvezza si può raggiungere solo tramite la percezione dell’eternità della propria vita: il Budda utilizza la saggezza e l’abilità per indurre tutti a questa consapevolezza.
Dire semplicemente che la vita del Budda è eterna non è altro che idealismo.
Dal punto di vista del Buddismo di Nichiren Daishonin il significato è che la nostra vita è eterna. L’importante è che noi ne diventiamo profondamente consapevoli.
Per guidare tutte le persone dell’Ultimo giorno della Legge alla Buddità, il Daishonin ha manifestato la sua vita eterna sotto forma del Gohonzon. Dal punto di vista del suo insegnamento, questo è il significato di “io descrivo la durata della vita del Budda come infinita”.
Con fede corretta, sensibile e pacifica veneriamo il Gohonzon come la manifestazione della vita suprema del Daishonin. Con questa fede e un forte spirito di ricerca, possiamo vedere il Gohonzon e la vita del Daishonin nella nostra vita, e sentire il nostro beneficio eterno ed indistruttibile. Se non creiamo una mente basata sulla fede, non riusciamo a vedere chiaramente il Gohonzon: questo è il significato implicito della frase “Spiego quanto sia difficile incontrare il Budda”. Toda spiegava: «Ci viene insegnato che la nostra vita è eterna. Ma quando realmente capiamo il significato di “eterno” ci rendiamo conto di quanto sia importante questa vita presente. Non dobbiamo sprecarla: ecco perchè recitiamo Daimoku e svolgiamo la nostra pratica di propagazione».
Poiché la nostra vita è realmente eterna, ecco che il momento presente è veramente prezioso. Sprecare questa esistenza significa trascurare la vita per sempre. Le nostre azioni basate sul concetto “da ora in avanti” hanno un grande significato.
La nostra vita è eterna e dotata di nobiltà indistruttibile come quella del Budda. I dieci mondi coesistono in ogni momento, il nostro potenziale è infinito. Questo è lo spirito fondamentale del Buddismo, che attribuisce una grande importanza al presente, base della santità della vita. (dal Nuovo Rinascimento del dicembre 1996)
stampa la pagina

Commenti