Il Sutra del Loto #174

“Egli manda a casa sua un messaggero per annunciare” si riferisce ai Bodhisattva della Terra, incaricati della propagazione dopo la morte di Shakyamuni. Il fatto che questi nobili bodhisattva appariranno nel mondo malvagio dell’Ultimo giorno, quando l’insegnamento di Shakyamuni ha perso il potere di condurre le persone verso l’Illuminazione, per propagare l’”efficace medicina” della Legge mistica che il Budda ha lasciato dietro di sé, è davvero un messaggio pieno di speranza.
Se, da un lato, Nichiren Daishonin lottò per propagare la Legge mistica, in quanto reincarnazione del bodhisattva delle Pratiche Superiori (Jogyo), capo dei Bodhisattva della Terra, dall’altro, quello della dottrina del Sutra del Loto, egli è il Budda originale che lasciò dietro di sé la grande e benefica medicina di Nam-myoho-renge-kyo, che può condurre all’Illuminazione tutte le persone dell’Ultimo giorno della Legge. Il Daishonin stesso è il “bravo medico” e il “padre” di tutte le persone.
Da questo punto di vista, il “messaggero” non indica che noi stessi, che perseguiamo kosen-rufu in stretto accordo con gli insegnamenti del Daishonin.
Sia come Bodhisattva della Terra che come seguaci del Budda originale, siamo “emissari del Tathagata” che parlano agli altri del supremo insegnamento della Legge mistica e mostrano la prova concreta della sua grandezza. Possiamo andare fieri di una tale missione.
Nichiren Daishonin, rivolgendosi ai suoi discepoli, afferma: «Ora all’inizio dell’Ultimo giorno della Legge io, Nichiren, per primo ho propagato nel mondo i cinque caratteri di Myoho-renge-kyo che sono il cuore del Sutra del Loto e la sorgente dell’Illuminazione di tutti i Budda... Miei discepoli serrate le fila e seguitemi e sarete superiori a Mahakashyapa o Ananda a T’ien-t’ai o Dengyo!» (Gli scritti di Nichiren Daishonin, vol. 1, pagg. 42-43).

«Ho aperto la via a kosen-rufu nel mondo – afferma il Daishonin. – Discepoli miei, seguitemi e realizzate una grande missione, che supererà persino quella di Mahakashyapa, di Ananda, di T’ien-t’ai e di Dengyo!».
In quanto “messaggeri inviati per annunciare” è nostra missione portare avanti questo spirito del Budda originale e propagare la Legge mistica in tutto il mondo. Persino il “bravo medico” non avrebbe potuto salvare i figli senza un messaggero.
Allo stesso modo, senza l’azione congiunta dei Bodhisattva della Terra che abbracciano la grande ed efficace medicina della Legge mistica, le persone di questa epoca malata non potranno essere salvate.
Avanziamo tutti insieme lungo la gloriosa via della vita dei Bodhisattva della Terra.
stampa la pagina

Commenti