Post

Visualizzazione dei post da Gennaio, 2014

I vari karma

Immagine
Il Buddismo esamina il karma sotto diversi aspetti dividendolo in varie categorie. Le principali sono: karma positivo, karma negativo, karma presente, karma passato, karma mutabile e immutabile, karma che si manifesta nella vita presente e karma che si manifesta dopo essere rinati in un tempo del remoto futuro. Il termine karma positivo indica le azioni nate da buone intenzioni, dalla gentilezza e dalla compassione; il karma negativo si riferisce alle azioni indotte dai desideri terreni come stupidità, avidità e collera. L’Antologia dell’analisi della Legge e altri trattati tradizionali del Buddismo individuano dieci fondamentali atti malvagi che causano il karma negativo: le tre malvagità fisiche di uccidere, rubare e tenere un comportamento sessuale sregolato, le quattro malvagità verbali di mentire, adulare (o parlare superficialmente o a vanvera), diffamare e fingere, e le malvagità mentali di collera, avidità e stupidità (o rimanere attaccati alle visioni errate).

Frase dal Gosho - 31 gennaio 2014

"Ogni cosa ha il suo punto essenziale e il cuore del Sutra del Loto è il suo titolo, o daimoku: Nam-myoho-renge-kyo. In verità, se lo reciti mattina e sera, stai leggendo correttamente l'intero Sutra del Loto. Recitare il daimoku due volte equivale a leggere due volte l'intero sutra, cento daimoku equivalgono a cento letture del sutra e mille daimoku a mille letture. Quindi, se reciti incessantemente il daimoku, leggerai incessantemente il Sutra del Loto."
Dal Gosho "L'unica frase essenziale" (Raccolta degli scritti di Nichiren Daishonin, volume I, pag. 821)

Quei piccoli segni di libertà

Immagine
Sono piccoli momenti di gioia, di allegria, di simpatia che caratterizzano le mie giornate di lavoro con i bambini. Si tratta di relazioni che continuamente si intrecciano, di sguardi rassicuranti, di carezze e di affettuosità. Di lunghi racconti e ascolti, di improvvisazioni, di conoscenza reciproca, di tuffi nella fantasia. Non c’è nulla di scontato in questo tempo trascorso insieme: è un continuo mettersi in discussione ponendo attenzione alle emozioni, ai sentimenti, alle paure, ai conflitti che nascono e poi si risolvono da sé. La vita è un processo affascinante e inesplorato e i bambini ora ne stanno percorrendo le tappe fondamentali: stanno costruendo la loro identità. E nel fare questo hanno bisogno di esprimersi liberamente, di ridere, piangere, saltare, cantare, sognare, creare, esplorare, costruire un interesse, ma soprattutto di avere qualcuno vicino che è felice di poterli ascoltare, che li tiene per mano, che infonde fiducia e coraggio, che valorizza una loro traccia lasc…

Frase dal Gosho - 30 gennaio 2014

"Myo significa perfettamente dotato. [...] Nell'espressione "perfettamente dotato", "dotato" si riferisce al mutuo possesso dei Dieci mondi, mentre "perfetto" significa che, dal momento che c'è il mutuo possesso dei Dieci mondi, allora ciascuno dei mondi contiene tutti gli altri mondi, il che indica che è "perfetto".
Dal Gosho "L'apertura degli occhi" (Raccolta degli scritti di Nichiren Daishonin, volume I, pag. 224)

Giusy.v ha detto...

Immagine
Ciao a tutti, vorrei trovare la forza di credere un po' di più, con il cuore...

(Commento del 24 giugno 2012)

Frase dal Gosho - 29 gennaio 2014

"Ti insegnerò come diventare facilmente un Budda. Insegnare qualcosa a un altro è come oliare le ruote di un pesante carro così che possano girare, o come far galleggiare una barca sull'acqua così che possa procedere senza difficoltà. Il modo per diventare facilmente un Budda non è niente di straordinario: è come dare dell'acqua a un assetato in tempo di siccità, come dare del fuoco a una persona intirizzita dal freddo o come dare a un altro l'unico esemplare che si possiede di qualcosa, oppure offrire in elemosina ciò da cui dipende la propria vita."
Dal Gosho "Il ricco Sudatta" (Raccolta degli scritti di Nichiren Daishonin, volume I, pag. 963)

Il ritmo senza età

Immagine
Un sogno nel cassetto diventa realtà, ma in un modo del tutto inatteso. La passione per la musica apre la porta di mondi sconosciuti – la vecchiaia e la malattia incurabile – inventando un nuovo modo di comunicare e di dare gioia.
Ho cominciato a praticare il Buddismo di Nichiren Daishonin nel 1993, all’età di diciannove anni. Sono stato tra i primi nel mio paese e la crescita della mia vita, negli anni successivi, è andata di pari passo con l’aumentare del numero delle persone che accompagnavo alle riunioni. Spesso si trattava di amici che avevano cominciato a fare uso di eroina, o che comunque avevano una vita molto sbandata. Io stesso rischiavo di fare quella fine perché ero troppo arrabbiato con il mondo, con la gente, con la vita. Alcuni di loro hanno iniziato a recitare e sono diventati persone realizzate; altri, pur non accettando di praticare, hanno comunque ricevuto da me stimoli positivi. Non ho mai smesso di stare tra la gente, specialmente con chi non praticava, perche…

Frase dal Gosho - 28 gennaio 2014

"La grande lanterna che rischiara la lunga notte delle sofferenze di nascita e morte, la spada affilata che spezza l'oscurità fondamentale inerente alla vita, non è altro che il Sutra del Loto."
Dal Gosho "Confronto fra il Sutra del Loto e gli altri sutra" (Raccolta degli scritti di Nichiren Daishonin, volume I, pag. 922)

Il Sutra del Loto #160

Immagine
Abbiamo incontrato il Gohonzon grazie al legame con il Budda
Ze ko nyorai. I hoben setsu. Biku to chi. Shobus shusse. Nan ka chigu. Shoi sha ga. Sho hakutoku nin. Ka muryo. Hyaku sen man nokko. Waku u ken butsu. Waku fu ken sha. I shiji ko. Ga sa ze gon. Sho biku. Nyorai nan ka tokken. Shi shujo to. Mon nyo ze go. Hit-to sho o. Nanzo shi so. Shin ne renbo. Katsugo o butsu. Ben shu zengon. Ze ko nyorai. Sui fu jitsu metsu. Ni gon metsudo. U zen-nanshi. Shobutsu nyorai. Ho kai nyo ze. I do shujo. Kai jitsu fu ko.
Usando un espediente, perciò, il Tathagata parla ai monaci dicendo «Dovreste sapere che è una cosa rara vivere in un’epoca in cui il Budda appare nel mondo». La ragione è che anche dopo un periodo di cento, mille, diecimila, centomila eoni, alcuni uomini di scarsa virtù potrebbero avere la fortuna di vedere un Budda, mentre altri ancora potrebbero non averla. Allora io dico loro: «Monaci, è raro che una persona possa vedere il Tathagata». Quando le persone ascoltano queste …

Frase dal Gosho - 27 gennaio 2014

"È impossibile sondare il proprio karma. Una bella spada si ottiene battendo il ferro incandescente. I santi e i saggi sono messi alla prova dagli insulti. Il mio attuale esilio non è dovuto ad alcun crimine mondano; è per permettermi di espiare in questa esistenza le mie gravi offese passate ed essere libero dai tre cattivi sentieri nell'esistenza futura."
Dal Gosho "Lettera da Sado" (Raccolta degli scritti di Nichiren Daishonin, volume I, pag. 269)

Frase dal Gosho - 26 gennaio 2014

"Se vi preoccupate anche solo un po' della vostra sicurezza personale, dovreste prima di tutto pregare per l'ordine e la tranquillità in tutti e quattro i quadranti del paese."
Dal Gosho "Adottare l'insegnamento corretto per la pace nel paese" (Raccolta degli scritti di Nichiren Daishonin, volume I, pag. 25)

Frase dal Gosho - 25 gennaio 2014

"Alcuni hanno moglie, figli, seguito, possedimenti, oro, argento o altri tesori, a seconda della loro condizione. Altri non possiedono nulla. Comunque, che uno sia ricco o no, niente è più prezioso del tesoro che chiamiamo vita. Per questo motivo gli uomini del passato che furono chiamati santi e saggi offrirono la loro vita al Budda, e in seguito divennero Budda."
Dal Gosho "L'offerta del riso" (Raccolta degli scritti di Nichiren Daishonin, volume I, pag. 997)

Fede è uguale alla vita quotidiana

Immagine
Possiamo sicuramente diventare felici, questa è la promessa del Daishonin. La fede è uguale alla vita quotidiana. Mentre lottiamo con coraggio nel nostro ambiente sociale, progrediamo verso kosen-rufu per il bene e la felicità di tutte le persone. Come risultato di questi sforzi, un grande beneficio scaturisce dalla nostra vita. Nichiren Daishonin scrive: «Quelli che credono nel Sutra del Loto sono come l'inverno che si trasforma sempre in primavera. Non si è mai visto né udito, sin dai tempi antichi, di un inverno che si sia trasformato in autunno, né si è mai sentito di alcun credente del Sutra del Loto che sia diventato un essere comune». La felicità non ci è concessa dagli altri, né arriva da qualche parte al di fuori di noi: è qualcosa che dobbiamo conquistarci in prima persona lottando contro l'oscurità fondamentale della vita, con il nostro stesso cuore.
Tratto da "Il Nuovo Rinascimento" N. 499

Frase dal Gosho - 24 gennaio 2014

"Il Buddismo insegna che la fragranza interna otterrà protezione esterna. Questo è uno dei suoi principi più importanti"
Dal Gosho "I tre tipi di tesori" (Raccolta degli scritti di Nichiren Daishonin, volume I, pag. 752)

...un passo avanti

Nella vita possono esserci bufere e notti buie, ma se riesci a superarle, piu' profonda sara' la sofferenza, piu' splendente sara' la luce del mattino della felicita'.
La persona che sara' stata piu' triste splendera' di felicita' piu' di tutti. Ti prego di trasformare questo destino in valore, una persona che riesce a fare cio' e' un vincitore, e' un re nella vita.
Ti chiedo di andare sempre avanti, non voltarti mai indietro. Il Buddismo ci insegna il principio di "per il presente ed il futuro", tutto comincia "da ora" e "da questo momento in poi".
La vittoria, la gloria e la felicita' esistono nell'avanzare sempre, e' molto difficile non voltarsi indietro, forse e' impossibile.
Ma un grande uomo e' colui che comunque fa sempre un passo avanti, in avanti, sempre un passo avanti.
Daisaku Ikeda

Frase dal Gosho - 23 gennaio 2014

"Continua a praticare senza mai abbandonare la fede fino all'ultimo istante della vita e quando giungerà quel momento, ammira! Quando salirai sulla vetta della perfetta illuminazione e guarderai attentamente in ognuna delle quattro direzioni, con tua grande meraviglia vedrai che l'intero regno dei fenomeni è la Terra della Luce Tranquilla: il terreno è fatto di lapislazzuli, gli otto sentieri sono delimitati da cordoni dorati, dal cielo piovono quattro tipi di fiori e una musica risuona nell'aria. Tutti i Budda e i bodhisattva si dilettano carezzati dalle brezze di eternità, felicità, vero io e purezza. Si avvicina rapidamente il momento in cui anche noi saremo enumerati nella loro schiera. Ma se la nostra fede è debole, non giungeremo mai in quel luogo meraviglioso."
Dal Gosho "Le quattordici offese" (Raccolta degli scritti di Nichiren Daishonin, volume I, pag. 675)

AliceB ha detto...

Immagine
Sulla via del cambiamento

Non riesco a distinguere dove finisco io e dove iniziano gli altri, e per Altri intendo chi, di mese in mese mi dedica attenzioni. Ho bisogno di coccole e cerco sesso, e poi non era quello che volevo. Quando mi fisso su qualcuno, seppur consapevole che sto cercando la cosa sbagliata, diventa un punto fisso e non riesco a fare nulla per cambiare questa situazione, finchè raggiungo l’obiettivo (quello sbagliato) e perdo tutto. Non sono capace di costruire una relazione perché sono terrorizzata, ho paura a condividere e a fidarmi e non voglio che si faccia affidamento su di me perché credo di non essere capace di fare qualcosa per gli altri, in questo momento.

Frase dal Gosho - 22 gennaio 2014

"Più preziosi dei tesori di un forziere sono i tesori del corpo e prima dei tesori del corpo vengono quelli del cuore. Dal momento in cui leggerai questa lettera sforzati di accumulare i tesori del cuore!"
Dal Gosho "I tre tipi di tesori" (Raccolta degli scritti di Nichiren Daishonin, volume I, pag. 755)

La mia “fiaba”

Immagine
Tredici anni di pratica, trentacinque di vita e otto di relazione sentimentale molto travagliata mi hanno permesso di mettere finalmente chiarezza nell’ambito dell’“Amore”. Lo ritengo un grande traguardo che mi sta aprendo una visione finalmente più lucida dei rapporti, davvero distante da quella che la mia mente aveva prefigurato. Mi descriverei come una donna con una solida famiglia alle spalle, buone capacità personali, una certa dose di successo nei vari aspetti del quotidiano, ma con una fragilità da manuale in ambito sentimentale: l’insicurezza fatta persona. Il percorso è cominciato con cinque anni di convivenza durante i quali ho dovuto lottare contro la paura di essere abbandonata e di non essere considerata, con la convinzione che mille altre donne erano sicuramente meglio di me.

Frase dal Gosho - 21 gennaio 2014

"Nell'Ultimo giorno della Legge il devoto del Sutra del Loto apparirà senza dubbio. Quanto più grandi saranno le difficoltà che incontrerà, tanto più grande la gioia che egli proverà grazie alla sua forte fede. Un fuoco non brucia forse più ardentemente quando vi si aggiungono dei ceppi?"
Dal Gosho "Una nave per attraversare il mare della sofferenza" (Raccolta degli scritti di Nichiren Daishonin, volume I, pag. 29)

Il Sutra del Loto #159

Immagine
Lo scopo è condurre una vita meravigliosa
Approfondendo l’idea dell’entrare nel nirvana, cioè morire, in termini della nostra vita, potremmo dire che la morte, costringendoci a sentire la meraviglia della vita, è un “espediente” per farci vivere in modo ricco e soddisfacente. Toda commentava questo brano così: «Niente sarebbe più spaventoso che non morire. Un conto sarebbe se si trattasse solo degli uomini, ma se tutti gli esseri viventi non fossero soggetti alla morte, le conseguenze sarebbero veramente disastrose. Supponiamo che gatti, cani, topi e anche i polipi non dovessero morire: sarebbe un bel guaio. Cosa accadrebbe se nulla morisse? Anche se qualcuno fosse percosso, investito da un treno o privato del cibo, non morirebbe. Ne risulterebbe il caos. Quindi non morire sarebbe un problema. E lo sarebbe anche se sapessimo quando dobbiamo morire. Ad esempio, se sapessimo di avere solo tre giorni di vita, non avremmo certo il tempo di stare seduti come adesso ad ascoltare una con…

Frase dal Gosho - 20 gennaio 2014

"Il capitolo "Maestro della Legge", nel quarto volume del Sutra del Loto, afferma: «Se qualcuno ricerca la via del Budda e per un kalpa, [giunte le mani al mio cospetto, recita innumerevoli versi di lode, in virtù delle lodi rivolte al Budda egli otterrà immensi benefici]. Ma se qualcuno loda i sostenitori di questo sutra ancora maggiore sarà la sua fortuna»."
Dal Gosho "Lettera a Horen" (Raccolta degli scritti di Nichiren Daishonin, volume I, pag. 451)

Frase dal Gosho - 19 gennaio 2014

"Quelli che credono nel Sutra del Loto sono come l'inverno, che si trasforma sempre in primavera. Non si è mai visto né udito, sin dai tempi antichi, di un inverno che si sia trasformato in autunno, né si è mai sentito di alcun credente del Sutra del Loto che sia diventato un essere comune. Un passo del sutra dice: «Fra coloro che ascoltano la Legge, nemmeno uno mancherà di conseguire la Buddità»"
Dal Gosho "L'inverno si trasforma sempre in primavera" (Raccolta degli scritti di Nichiren Daishonin, volume I, pag. 547)

Frase dal Gosho - 18 gennaio 2014

"Rafforza la tua fede ancora di più. Il ghiaccio è fatto di acqua, ma è più freddo dell'acqua; il colore blu si ottiene dall'indaco, ma, quando qualcosa viene ripetutamente tinta in questo, assume un colore più intenso di quello della pianta di indaco. Benché il Sutra del Loto sia sempre uguale, se tu continui a rafforzare la fede, il tuo colore sarà più intenso di quello degli altri e riceverai più benefici di loro."
Dal Gosho: "La supremazia della Legge" (Raccolta degli scritti di Nichiren Daishonin, volume I, pag. 547)

Fede forte

Immagine
La Legge mistica ci mette in grado di diventare più giovani e felici sia nel corpo che nella mente, ogni anno che passa. Il fondamento della salute è una fede forte, che ci permette di manifestare energia vitale, vincere sulle tendenze negative e trasformare il nostro karma. Per questo è importante impegnarsi attivamente per kosen-rufu all'interno della Soka Gakkai: in questo modo, dichiarava Toda, «otterrete un'energia vitale fresca e potente, conquistandovi nuove prospettive di vita, sia in termini di lavoro che di salute. Le cose di cui avete bisogno per sostenere la vostra esistenza semplicemente continueranno a fluire, come acqua che sgorga dal terreno».
Tratto da "Il Nuovo Rinascimento" N. 499

Frase dal Gosho - 17 gennaio 2014

"Benché numerose, le persone del Giappone difficilmente realizzeranno qualunque cosa, poiché hanno uno stesso corpo, ma diversa mente. Al contrario, sebbene Nichiren e i suoi discepoli siano pochi di numero, poiché hanno lo spirito di "diversi corpi, stessa mente", realizzeranno sicuramente la loro grande missione di propagare ampiamente il Sutra del Loto. Un solo scroscio di pioggia spegne molti fuochi ruggenti, e una singola verità dissolve molte forze malvagie»"
Dal Gosho "Diversi corpi, stessa mente" (Raccolta degli scritti di Nichiren Daishonin, volume I, pag. 550)

Frase dal Gosho - 16 gennaio 2014

"Ma, anche se può accadere che uno miri alla terra e manchi il bersaglio, che qualcuno riesca a legare i cieli, che le maree cessino di fluire e rifluire o che il sole sorga a ovest, non accadrà mai che la preghiera di un praticante del Sutra del Loto rimanga senza risposta."
Dal Gosho Sulle preghiere" (Raccolta degli scritti di Nichiren Daishonin, volume I, pag. 283)

Allison ha detto...

Immagine
Salve a tutti, è bello vedere che c'è tanta gente che trova la propria linfa in questi insegnamenti di vita e di coraggio. Io mi sono approcciata al Buddismo da poco e credo mi stia molto aiutando, tuttavia ho la perenne impressione di essere bloccata nei mondi inferiori, Inferno nelle giornate peggiori, Umanità (raramente) in quelli migliori, sto tentando un cambiamento ma è così difficile e faticoso il contatto con me stessa che rende difficile anche quello con gli altri.

(Commento del 20 giugno 2012)

Frase dal Gosho - 15 gennaio 2014

Porta avanti la tua fede nel Sutra del Loto. Se ti fermi a metà strada non potrai mai far scaturire il fuoco dalla pietra focaia. Fai sgorgare il potere della fede così che tutti gli abitanti di Kamakura, umili e potenti, e tutta la gente del Giappone, parlino di te come di «Shijo Kingo, Shijo Kingo della scuola del Loto». Una cattiva fama si diffonderà in lungo e in largo, ma una buona reputazione andrà anche più lontano, specialmente se è una reputazione di devozione al Sutra del Loto."
Dal Gosho "Le illusioni e i desideri sono illuminazione" (Raccolta degli scritti di Nichiren Daishonin, volume I, pag. 283)

Vent’anni di fiducia

Immagine
Un’ostilità assurda, quasi inspiegabile, da parte di genitori altrimenti normalissimi. Nonostante il Daimoku clandestino, le numerose complicazioni, i lunghi anni prima di poter vedere una soluzione, l’idea di perdere non ha mai avuto il sopravvento.
Il motivo che mi aveva spinto a praticare era il forte desiderio che la mia famiglia diventasse felice. Mia madre da cinque anni (dopo la nascita della terza figlia) era entrata in depressione e quindi il rapporto tra i miei genitori, già abbastanza difficile, si era ulteriormente complicato. Tutto ciò era reso ancora più pesante dal completo isolamento in cui vivevamo: non avevamo infatti rapporti costanti con nessuno dei nostri numerosi parenti e le amicizie erano solo formali. Vista dall’esterno, la mia era una famiglia tranquilla e senza problemi, mentre all’interno si scatenavano liti e discussioni per un nonnulla. Inizialmente i miei non si opposero alla pratica, che non presero in nessuna considerazione. Dopo pochi anni mia sor…

Frase dal Gosho - 14 gennaio 2014

"Ciò che chiamiamo fede non è niente di straordinario. Aver fede significa riporre fiducia nel Sutra del Loto, in Shakyamuni e Molti Tesori, nei Budda e bodhisattva delle dieci direzioni, negli déi celesti e nelle divinità benevolenti, e recitare Nam-myoho-renge-kyo, così come una donna ama il marito, come un uomo dà la vita per sua moglie, come i genitori rifiutano di abbandonare i figli o un figlio rifiuta di lasciare la madre."
Dal Gosho "Il significato della fede" (Raccolta degli scritti di Nichiren Daishonin, volume I, pag. 920)

Il Sutra del Loto #158 (Parte seconda di due)

Immagine
Da un certo punto di vista, il Buddismo è una filosofia che aiuta le persone a diventare autosufficienti, un insegnamento che spiega come crescere grazie allo sforzo personale. Non possiamo sviluppare uno stato vitale veramente profondo se dipendiamo dal nostro maestro. Allo stesso tempo, il Buddismo insegna anche il rispetto per gli esseri umani. Ricercando, con il pensiero e le azioni, il Budda che ottenne la condizione suprema come essere umano, possiamo sviluppare dentro di noi il suo stesso stato vitale. Questo è il principio buddista di maestro e discepolo. Per gli esseri umani è estremamente difficile sia stabilire un forte io che manifestare vero rispetto per gli altri. Chi possiede un forte spirito di indipendenza tende a guardare gli altri dall’alto in basso; per contro, chi sa rispettare gli altri a volte si affida alle altre persone fino a diventare incapace di autodisciplinarsi. Entrambi i casi denotano mancanza di maturità. A questo proposito, devo dire che gli stud…

Frase dal Gosho - 13 gennaio 2014

"Per fare un altro esempio, in autunno e in inverno le piante e gli alberi sono secchi e spogli, ma, quando su di loro risplende il sole primaverile ed estivo, si coprono di rami, foglie, fiori e frutti. Prima della predicazione del Sutra del Loto, le persone dei nove mondi erano come piante o alberi in autunno e in inverno. Ma quando il singolo carattere myo del Sutra del Loto cominciò a risplendere su di loro come il sole primaverile ed estivo, sbocciò il fiore dell'aspirazione all'illuminazione e apparve il frutto della Buddità"
Dal Gosho "Il daimoku del Sutra del Loto" (Raccolta degli scritti di Nichiren Daishonin, volume I, pag. 128)

Frase dal Gosho - 12 gennaio 2014

"Domanda: Se l'entità di tutti gli esseri viventi è la Legge mistica nella sua totalità, anche le azioni e gli effetti nei nove mondi, dal mondo d'inferno a quello dei bodhisattva, sono entità della Legge mistica? Risposta: Il mistico principio che è la natura essenziale dei fenomeni, presenta due aspetti: un aspetto impuro e un aspetto puro. Quando opera l'aspetto impuro, si parla di illusione, quando opera l'aspetto puro, si parla di illuminazione. Illuminazione è il mondo di Buddità, illusione à il mondo degli esseri comuni. Benché questi due aspetti, illuso e illuminato, siano due fenomeni differenti, entrambi sono funzioni di un unico principio, cioè della natura essenziale dei fenomeni o vero aspetto della realtà."
Da "L'entità della Legge mistica" (Raccolta degli scritti di Nichiren Daishonin, volume I, pag. 370)

Frase dal Gosho - 11 gennaio 2014

"Sulle Montagne Nevose vive un uccello chiamato uccello che soffre il freddo il quale, torturato dal freddo pungente, grida che la mattina seguente si costruirà un nido. Ma quando si fa giorno trascorre le ore dormendo, riscaldato dai tiepidi raggi del sole del mattino, senza costruirsi il nido. Così continua a lamentarsi vanamente per tutta la vita. Lo stesso è vero per le persone. Quando cadono nell'inferno e soffocano tra le sue fiamme, anelano a rinascere come esseri umani e fanno voto di mettere da parte tutto il resto per servire i tre tesori e ottenere l'illuminazione nella prossima vita. Ma, anche nelle rare occasioni in cui capita loro di rinascere sotto forma umana, i venti della fama e del profitto soffiano violenti e la lampada della pratica buddista si spegne facilmente. Senza scrupolo essi sperperano le loro ricchezze per cose inutili, ma lesinano anche il più piccolo contributo al Budda, alla Legge e all'ordine buddista."
Dal Gosho: &…

Vincere o perdere

Immagine
In ogni momento si combatte dentro di sé in vari modi, perché ci sono sempre due punti di vista in competizione: la visione illuminata e quella oscura. E i casi sono due: o si va avanti - e si vince - o ci si ferma - e si perde. La decisione che si prende per andare avanti in quei momenti è il coraggio. Tutte le volte che si riesce a tirare fuori la visione illuminata, la Buddità, si deve lottare contro la tendenza dell'oscurità innata. Sempre, in ogni momento, può emergere la nostra oscurità che ci fa vedere tutto negativo, oppure la Buddità, che illumina tutto. Quindi dobbiamo lottare in ogni momento. La vita è una lotta tra la Buddità e l'oscurità. La condizione di Buddità è difficile da trovare, e bisogna ricercarla ogni volta. Quante più volte siamo riusciti a trovarla tanto più è facile riconoscerla, e tanto più si riesce ad avere fiducia nel procedere. Il concetto di vittoria nel Buddismo è esattamente legato a questa lotta tra Buddità e oscurità; vincere vuol dire…

Frase dal Gosho - 10 gennaio 2014

"Anche se una persona dovesse cadere nell'inferno, poiché ha ascoltato il Sutra del Loto che conduce alla Buddità, ha ricevuto il seme e sicuramente diventerà un Budda."
Dal Gosho "Come coloro che inizialmente aspirano alla via possono conseguire la Buddità attraverso il Sutra del Loto" (Raccolta degli scritti di Nichiren Daishonin, volume I, pag. 748)

Frase dal Gosho - 9 gennaio 2014

"Non cercare mai questo Gohonzon al di fuori di te. Il Gohonzon esiste solo nella carne di noi persone comuni che abbracciamo il Sutra del Loto e recitiamo Nam-myoho-renge-kyo"
Dal Gosho "Il reale aspetto del Gohonzon" (Raccolta degli scritti di Nichiren Daishonin, volume I, pag. 738)

Marco Mannucci ha detto...

Immagine
Ciao a tutti, ragazzi vorrei lasciarvi una poesia che ho scritto a mio fratello... Spero con il cuore, per chi avrà la pazienza di leggerla che possa essere una fonte di incoraggiamento.

Vieni fratello mio
vieni qua in alto
a vedere il dolore
con me. Come il tuo
era il mio vestito:
come te ero io
fratello mio.

Frase dal Gosho - 8 gennaio 2014

"In definitiva, tutti i fenomeni, fino all'ultimo granello di polvere, sono contenuti nella nostra vita; le nove montagne e gli otto mari sono racchiusi nel nostro corpo; il sole, la luna e le miriadi di stelle si trovano nella nostra vita. Tuttavia noi siamo come il cieco che non vede le immagini riflesse in uno specchio o come il neonato che non teme l'acqua e il fuoco."
Dal Gosho "Gli inviati mongoli" (Raccolta degli scritti di Nichiren Daishonin, volume I, pag. 561)

Ho salvato due vite

Immagine
"Mentre recitavo Daimoku, mi vennero i brividi pensando che proprio io che avevo tanto offeso la mia vita con tentativi di suicidio, eccessi e altre cose, avevo avuto un compito tanto grande come quello di salvare una vita!"
Ho iniziato a praticare il Buddismo nel 1997 e la situazione della mia vita era la seguente: lavoravo in una cooperativa per l'assistenza agli anziani, pagato malissimo e raramente. Avevo una relazione sentimentale triste che era diventata l'unico motivo della mia vita, bevevo e prendevo tranquillanti dopo aver passato gli anni precedenti con l'anoressia prima e la bulimia poi. Inoltre fumavo 30-40 sigarette al giorno. Quando non litigavo con il mio partner passavo le giornate lamentandomi con gli amici che ancora mi sopportavano oppure a bere, sicuro che fosse l'unico modo per rendere accettabile la realtà.

Frase dal Gosho - 7 gennaio 2014

"I ruscelli si riuniscono per formare il grande mare e i granelli di polvere si accumulano per formare il monte Sumeru. Quando all'inizio io, Nichiren, presi fede nel Sutra del Loto, ero come un'unica goccia d'acqua o un singolo granello di polvere in tutto il Giappone. Ma poi, quando due, tre, dieci, cento, mille, diecimila, un milione di persone reciteranno il Sutra del Loto e lo insegneranno ad altri, formeranno un monte Sumeru di perfetta illuminazione, un grande mare di grande nirvana! Non cercare nessun'altra via per conseguire la Buddita`!"
Dal Gosho "La scelta del tempo" (Raccolta degli scritti di Nichiren Daishonin, volume I, pag. 520)

Il Sutra del Loto #157 (Parte prima di due)

Immagine
Una filosofia per trasformare la "Società del desiderio"
Nen kon hi jitsu metsudo. Ni ben sho gon. To shu metsudo. Nyorai i ze hoben. Kyoke shujo. Sho-i sha ga. Nyaku bukkuju o se. Hakutoku shi nin. Fu shu zengon. Bingu gesen. Tonjaku goyoku. Nyu o okuso. Moken mo chu. Nyakken nyorai. Jo zai fumetsu. Ben ki kyoshi. Ni e endai. Fu no sho o. Nanzo shi so. Kugyo shi shin.
Benchè in realtà io non muoia mai, prospetto la mia morte. Con questi mezzi il Tathagata istruisce le persone. La ragione è questa. Se il Budda rimane troppo a lungo nel mondo, le persone di scarso valore non potranno accumulare la buona fortuna necessaria per raggiungere l’Illuminazione e cadranno nella povertà e nell’indigenza. Avidi a causa dei cinque desideri, si faranno intrappolare da pensieri ed idee illusori. Vedendo che il Tathagata è sempre presente in questo mondo e non muore mai, diverranno arroganti ed egoisti e trascureranno la loro pratica buddista. Non potranno comprendere quanto sia diffic…

Frase dal Gosho - 6 gennaio 2014

"Dovreste sempre conversare insieme per liberarvi dalle sofferenze di nascita e morte e raggiungere la pura terra del Picco dell'Aquila dove potrete annuire l'uno all'altro e parlare con un'unica mente."
Dal Gosho "Fiori e frutti" (Raccolta degli scritti di Nichiren Daishonin, volume I, pag. 808)

Frase dal Gosho - 5 gennaio 2014

"Un fuoco brucia più alto quando si aggiungono dei ceppi e un forte vento fa gonfiare il kalakula. Il pino vive diecimila anni, perciò i suoi rami si piegano e si contorcono. Il devoto del Sutra del Loto è come il fuoco e il kalakula, mentre le sue persecuzioni sono come i ceppi e il vento. Il devoto del Sutra del Loto è il Tathagata la cui durata della vita è incommensurabile; non c'è da stupirsi che la sua pratica sia ostacolata, proprio come i rami del pino sono piegati o spezzati. D'ora in avanti, ricorda sempre le parole: "Questo sutra è difficile da sostenere"."
Dal Gosho "La difficolta` di mantenere la fede" (Raccolta degli scritti di Nichiren Daishonin, volume I, pag. 417)

Frase dal Gosho - 4 gennaio 2014

"Il Sutra del Loto è il bastone che sostiene tutti i Budda delle tre esistenze quando decidono di aspirare all'illuminazione. Dovresti tuttavia affidarti a Nichiren e farne il tuo bastone e il tuo pilastro. Se usiamo un bastone non cadremo lungo gli scoscesi sentieri di montagna o sulle strade accidentate e se ci prendono per mano non inciamperemo. Nam-myoho-renge-kyo sarà il tuo bastone nella montagna della morte."
Dal Gosho "Le spade del bene e del male" (Raccolta degli scritti di Nichiren Daishonin, volume I, pag. 400)

Contemporanei di noi stessi

Immagine
Minuti, ore, giornate, anni. Tempo che scorre via. Per dodici mesi abbiamo commemorato eventi del passato cercando di trarne un insegnamento per il presente. Questa volta, per concludere, parliamo del tempo. Perché non scivoli via come sabbia fra le dita, per cercare di cogliere e sfruttare ogni occasione, per imparare a farlo proprio.
Mettiamo che uno si svegli una mattina. Una domenica, magari, con la prospettiva di una giornata intera senza particolari impegni, da dedicare a se stesso. Un bel Gongyo, senza fretta, un bel po’ di Daimoku, quelle cose che durante la settimana diventano difficili da fare. Finalmente, poter studiare il Gosho con calma. Prendiamo un volume a caso, il primo che capita. Volume 2. Sì, interessante, ci sono dei trattati molto importanti. Bene, pagina 3. La scelta del tempo. Benissimo. Non l’ho mai affrontato sul serio. «Chi desidera studiare il Buddismo deve prima di tutto imparare a riconoscere il tempo». Pausa. Silenzio. Paralisi. Rileggiamo... Pausa. Si…

Frase dal Gosho - 3 gennaio 2014

"Al momento l'intero corpo dell'Onorevole Abutsu è composto dei cinque elementi di terra, acqua, fuoco, vento e spazio. Questi cinque elementi sono anche i cinque caratteri del daimoku. Perciò Abutsu- bo è la torre preziosa stessa, e la torre preziosa è Abutsu-bo stesso. Al di fuori di questa consapevolezza tutto il resto è inutile. È la torre preziosa adornata dai sette tipi di gemme: ascoltare l'insegnamento corretto, credere in esso, osservare i precetti, meditare, praticare assiduamente, rinunciare ai propri attaccamenti e riflettere su se stessi. Potresti pensare di aver fatto offerte alla torre preziosa del Tathagata Molti Tesori, ma non è così. Le hai offerte a te stesso. Tu stesso sei un Tathagata da sempre illuminato e dotato dei tre corpi. Dovresti recitare Nam-myoho-renge-kyo con questa convinzione."
Dal Gosho "La torre preziosa" (Raccolta degli scritti di Nichiren Daishonin, volume I, pag. 264)

Dissonanze consonanze e sinfonie

Immagine
Le basi della filosofia buddista: itai doshin
C’è una immagine che più di ogni altra, probabilmente, si può associare al principio buddista di itai doshin (diversi nell’individualità con uno scopo comune), ed è quella di un’orchestra. Se ci soffermiamo un momento su quello che arriva alle nostre orecchie, la prima impressione che abbiamo è quella di un tutto, complesso e articolato. Ma un esame più attento ci porta a considerare come questo “tutto” sia in realtà un insieme, fatto da tante individualità diverse. Ogni strumento realizza il suo compito, mettendosi a disposizione degli altri per contribuire alla riuscita dell’opera. Viene da chiedersi quali siano le condizioni necessarie perché questo possa avvenire. Conoscere la musica, applicarsi allo studio dello strumento, cercare sempre di migliorarsi. Chi fa il musicista lo sa bene: si tratta di un lavoro quotidiano, fatto di alti e bassi, di soddisfazioni e sofferenze. E non è forse quello che accade normalmente nella vi…

Frase dal Gosho - 2 gennaio 2014

"Un albero che e` stato trapiantato non crollera`, anche in presenza di forti venti, se vi e` un solido palo che lo sostiene. Ma anche un albero cresciuto nella sua sede naturale puo` crollare se le sue radici sono deboli. Anche una persona debole non cadra` se coloro che la sostengono sono forti, ma una persona di notevole forza, se si trova sola, potrebbe cadere lungo un sentiero accidentato."
Dal Gosho "I tre maestri del Tripitaka pregano per la pioggia" (Raccolta degli scritti di Nichiren Daishonin, volume I, pag. 531)

Frase dal Gosho - 1 gennaio 2014

Gosho di Capodanno
Ho ricevuto un centinaio di mushimochi e una cesta di frutta. Il giorno di Capodanno segna il primo giorno, il primo mese, l'inizio dell'anno e l'inizio della primavera. La persona che celebra questo giorno accrescerà le sue virtù e sarà amata da tutti, come la luna diventa piena, muovendosi da occidente a oriente e il sole risplende più luminoso, avanzando da oriente a occidente. Per prima cosa, alla domanda di dove si trovino esattamente l'inferno e il Budda, un sutra afferma che l'inferno si trova sotto terra e un altro dice che il Budda risiede a occidente. Ma, a un attento esame, risulta che entrambi esistono nel nostro corpo alto cinque piedi; questo dev'essere vero perché l'inferno è nel cuore di chi interiormente disprezza suo padre e trascura sua madre. È come il seme del loto che contiene al tempo stesso il fiore e il frutto. Anche il Budda dimora nei nostri cuori, così come dentro la pietra focaia esiste il fuoco e…