Post

Visualizzazione dei post da Ottobre, 2013

Una tentazione pericolosa

Immagine
Lamentarsi della propria condizione è un atteggiamento comune per gli esseri umani, ma è senza dubbio il modo migliore per non ottenere alcun risultato. Un antidoto infallibile? La gratitudine.
Rendere le persone capaci di reagire alle difficoltà della vita è uno degli obiettivi della pratica buddista. Anche a questo servono meditazione e azioni concrete e costruttive, l’esercizio quotidiano davanti al Gohonzon e la ricerca interiore che permette di immaginare, di volta in volta, le soluzioni più adatte. Ma a far passare di colpo la fantasia, a rosicchiare la voglia di fare, il più delle volte ci pensa il tarlo insidioso della lamentela, lo stillicidio continuo dei «non ce la farò mai» e dei «perché proprio a me». Un impiccio di non poco conto per chi abbia scelto una pratica di autodeterminazione come quella buddista che spinge le persone a fare la propria rivoluzione umana, liberandosi dai modelli imposti e manifestando una forte identità.

Frase dal Gosho - 31 ottobre 2013

"Un "buon credente" è uno che non si appoggia alle persone eminenti né disprezza quelle di umile condizione, che non dipende dal sostegno dei superiori né disdegna gli inferiori, che non si affida alle opinioni degli altri, che abbraccia il Sutra del Loto fra tutti i sutra. Il Budda ha detto che tale persona è la migliore di tutte."
Dal Gosho: "Come coloro che inizialmente aspirano alla via possono conseguire la Buddità attraverso il Sutra del Loto" (Raccolta degli scritti di Nichiren Daishonin, volume I, pag. 782)

Alex ha detto...

Immagine
Complimenti molto carino questo sito!
ed è anche "molto utile", visto che ormai le riviste ufficiali hanno tolto l'archivio dove si può consultare il materiale ormai solo siti come questo ci possono servire per leggere esperienze... coltivare la fede, ed incoraggiare gli altri!
Spero che in molti possono inviare una mail, un feedback all'istituto con la segnalazione che questa chiusura non serve e non fa crescere nessuno...
Saluti
(Commento dell'11 aprile 2012)

Frase dal Gosho - 30 ottobre 2013

"Il debito di gratitudine verso un corvo bianco può essere ripagato a un corvo nero. I debiti di gratitudine verso un prete santo possono essere ripagati a un prete comune. Se preghi con forza che ti siano concessi subito dei benefici, come possono le tue preghiere rimanere senza risposta?"
Dal Gosho: "Sulle preghiere" (Raccolta degli scritti di Nichiren Daishonin, volume I, pag. 307)

La giungla della vita

Immagine
"Dopo quarant'anni di lavoro, decisi di cessare ogni attività e pensai che così sarei andato in pensione e tanti saluti a tutti. Volevo dedicare tutto il mio tempo libero all'attività buddista, al Centro culturale e alla pratica ma il karma negativo bussava ancora una volta alla mia porta".
Mi chiamo F. ma non sono in molti a saperlo a Firenze e, anche se lo sanno, continuano lo stesso a chiamarmi T.   Chissà, forse per una vecchia storia risalente agli anni Trenta... sì, perché di anni ne ho tanti. Sono nato nel 1923 in un sobborgo di Firenze, ultimo di cinque figli trascorrevo quasi tutto il giorno sull'Arno: capelli lunghi, niente costume ma un semplice straccio lì, come un selvaggio... ero giovane e volevo imitare Johnny Weissmuller, il famoso Tarzan. Facciamo un salto in avanti di sessant'anni e andiamo al 1983, anno durante il quale mio figlio Mauro con alcuni amici buddisti e insieme alla mia seconda moglie Anna, una sera mi spinsero a partecipare a una …

Frase dal Gosho - 29 ottobre 2013

"Il Buddismo è come il corpo e la società come l'ombra. Quando il corpo si piega, si piega anche l'ombra. Come sono fortunati i miei discepoli che, seguendo la vera intenzione del Budda, entreranno naturalmente nel grande mare della saggezza omnicomprensiva!"
Dal Gosho: "Confronto fra il Sutra del Loto e gli altri sutra" (Raccolta degli scritti di Nichiren Daishonin, volume I, pag. 923)

Il Sutra del Loto #147

Immagine
Il corpo supremo del Budda
Nei termini del significato implicito del sutra, il Budda che possiede tutte e tre le proprietà illuminate e nel quale esse esistono, è il Tathagata di Nam-myoho-renge-kyo o Nichiren Daishonin. Dal punto di vista del significato letterale del sutra, il Budda che ottenne l’Illuminazione nel remoto passato possiede i tre corpi nell’unico corpo di beatitudine, acquisito come risultato della sua pratica. Per contro, dal punto di vista dell’insegnamento di Nichiren Daishonin, ciò significa che il corpo delle persone comuni è dotato in origine dei tre corpi. Questo viene definito il Budda dotato in origine delle tre proprietà illuminate. Questi corpi si definiscono “dotati in origine” poiché l’universo stesso è inerentemente dotato delle virtù dei tre corpi e quindi non vi è alcun bisogno che essi siano ricreati di nuovo in ogni persona. Pertanto possiamo ottenere questo corpo del Budda senza dover cambiare il nostro aspetto di persone comuni. Il Budda dotato dell…

Frase dal Gosho - 28 ottobre 2013

"Chi studia il Buddismo deve assolutamente ripagare i quattro debiti di gratitudine. Secondo il Sutra dell'Osservazione della mente come la terra, il primo debito di gratitudine è quello verso tutti gli esseri viventi. Se non fosse per loro, non sarebbe possibile fare il voto di salvare innumerevoli esseri viventi. Inoltre, se non fosse per le persone malvagie che li perseguitano, come potrebbero i bodhisattva accrescere i loro meriti?"
Dal Gosho: "I quattro debiti di gratitudine" (Raccolta degli scritti di Nichiren Daishonin, volume I, pag. 38)

Gioia

Immagine
Qual è la vera gioia nella vita? Questa è una domanda difficile che ha appassionato molti pensatori e filosofi. La gioia può velocemente cedere il passo alla sofferenza. La gioia è breve e la sofferenza lunga. Ciò che la società considera gioia è superficiale. Si tratta di qualcosa che non può essere paragonato alla felicità derivante dalla Legge mistica. La chiave sta nello sviluppare uno stato vitale in cui si possa percepire che la vita in sé è gioia. Questo è lo scopo della pratica buddista. 
D. Ikeda

Frase dal Gosho - 27 ottobre 2013

"Recitare Myoho-renge-kyo con la consapevolezza che non esiste alcuna differenza fra Shakyamuni che ottenne l'illuminazione nel lontano passato, il Sutra del Loto che è la strada dell'illuminazione di tutti gli esseri, e noi persone comuni, significa ereditare la Legge fondamentale di vita e morte. Questo è essenziale per i discepoli, preti e laici, di Nichiren: questo è il significato di abbracciare il Sutra del Loto."
Dal Gosho: "L'eredità della Legge fondamentale della vita" (Raccolta degli scritti di Nichiren Daishonin, volume I, pag. 189)

Frase dal Gosho - 26 ottobre 2013

"Ma c'è una differenza fra i benefici del daimoku recitato da un santo e i benefici del daimoku che recitiamo noi? [...] Per risponderti, nessuno dei due è in alcun modo superiore o inferiore all'altro. L'oro posseduto da uno stolto non è differente dall'oro posseduto da un sapiente; il fuoco acceso da uno stolto è uguale al fuoco acceso da un sapiente. Tuttavia c'è una differenza se si recita il daimoku e allo stesso tempo si va contro l'intento di questo sutra."
Dal Gosho: "Le quattordici offese" (Raccolta degli scritti di Nichiren Daishonin, volume I, pag. 670)

Il karma, o legge di causa ed effetto 4/5

Immagine
Come può essere e come si manifesta
Il Buddismo esamina il karma sotto diversi aspetti dividendolo in varie categorie. Le principali sono: karma positivo, karma negativo, karma presente, karma passato, karma mutabile e immutabile, karma che si manifesta nella vita presente e karma che si manifesta dopo essere rinati in un tempo del remoto futuro. Il termine karma positivo indica le azioni nate da buone intenzioni, dalla gentilezza e dalla compassione; il karma negativo si riferisce alle azioni indotte dai desideri terreni come stupidità, avidità e collera. L’Antologia dell’analisi della Legge e altri trattati tradizionali del Buddismo individuano dieci fondamentali atti malvagi che causano il karma negativo: le tre malvagità fisiche di uccidere, rubare e tenere un comportamento sessuale sregolato, le quattro malvagità verbali di mentire, adulare (o parlare superficialmente o a vanvera), diffamare e fingere, e le malvagità mentali di collera, avidità e stupidità (o rimanere attaccati all…

Frase dal Gosho - 25 ottobre 2013

"Shakyamuni convocò questi grandi bodhisattva e affidò loro Myoho-renge-kyo. Pertanto, una donna che prende questa efficace medicina sarà circondata e protetta in ogni momento da questi quattro grandi bodhisattva. Se la donna si alza in piedi, anche questi grandi bodhisattva si alzano; quando cammina lungo una strada, anche questi grandi bodhisattva camminano. Saranno inseparabili come il corpo e l'ombra, come i pesci e l'acqua, come la voce e il suo eco, come la luna e la sua luce. Se questi quattro grandi bodhisattva abbandonassero la donna che recita Nam-myoho-renge-kyo, incorrerebbero nell'ira di Shakyamuni, di Molti Tesori e di tutte le emanazioni dei Budda delle dieci direzioni."
Dal Gosho: "Offrire preghiere al mandala della Legge mistica" (Raccolta degli scritti di Nichiren Daishonin, volume I, pag. 368)

Sete di esperienza

Immagine
Cartesio (1596-1650) fu un grande pensatore che avvertì profondamente l’esigenza di scoprire delle regole che permettessero di vivere in sintonia con la propria razionalità, intesa come lo strumento e il fine della vita. Prima di mettere a punto il suo complesso pensiero, si vide costretto al compromesso di fornire pratici suggerimenti che invitavano a seguire atteggiamenti moderati nella vita sociale, aderire alle usanze del luogo, richiamandosi agli antichi insegnamenti di controllo delle passioni e distacco dal mondo. Questo primo atteggiamento, del tutto momentaneo, suggerisce una privazione della libertà di pensiero ed espressione, proprio da parte di chi si prometteva la costituzione di un metodo corretto per raggiungere una verità senza errore: massimo nemico della ragione e quindi della vita razionalmente intesa. Il suo itinerario spirituale e filosofico è volto a fornire regole e soluzioni che impediscano alla ragione di essere ingannata. Il pensiero di Cartesio è qui espost…

Frase dal Gosho - 24 ottobre 2013

"Si verifica sempre qualcosa fuori dal comune all'alzarsi e all'abbassarsi delle maree, al comparire e scomparire della luna, al passaggio dalla primavera all'estate, dall'estate all'autunno e all'inverno; lo stesso avviene quando una persona comune consegue la Buddità. In quel momento i tre ostacoli e i quattro demoni invariabilmente appariranno: il saggio si rallegrerà, mentre lo stolto indietreggerà."
Dal Gosho: "I tre ostacoli e i quattro demoni" (Raccolta degli scritti di Nichiren Daishonin, volume I, pag. 568)

Alessandra ha detto...

Immagine
Percepire la natura costantemente mutevole di tutti i fenomeni è la chiave per la vera felicità infatti per quanto una situazione sia disperata, sicuramente cambierà. Nessuna sventura può durare in eterno, nessun male è insuperabile.
Da Daisaku Ikeda " La vita mistero prezioso"
Un abbraccio a tutti coloro che cercano una luce!
Alessandra
(Commento del 13 marzo 2012)

Frase dal Gosho - 23 ottobre 2013

"Anche se uno manca di conoscenza, finche' recita Nam-myoho-renge-kyo evitera` i cattivi sentieri. E` come il fiore del loto che si volge al sole pur non avendo una mente che lo guidi, o come il platano, che cresce grazie al rumore del tuono benche' non abbia orecchie per udirlo. Noi siamo come il loto e il platano, e il Daimoku del Sutra del Loto e` come il sole o il tuono."
Da "Il Daimoku del Sutra del Loto" (gli scritti di Nichiren Daishonin, vol. 5, pag. 28)

Bosnia, sudore e lacrime

Immagine
A volte è difficile credere che la pace non sia nient’altro che un’utopia. A maggior ragione in un campo profughi della ex Yugoslavia, con intorno solo morte e disperazione. Eppure anche lì, quando decidi seriamente qualcosa, puoi scoprire che niente è davvero impossibile.
Maggio 1993. È il giorno della partenza. Saluto tutti, famiglia e amici. In molti non condividono la mia scelta, mi aiutano comunque nei preparativi. Da Napoli mi accompagnano fino al porto di Ancona Valeria, Massimo e Susy miei grandi amici e compagni di fede. Alle 22,30 la nave salpa. Destinazione Bosnia. Mi metto in cerca dei miei nuovi compagni, tredici persone che come me hanno deciso per un periodo di volontariato in un campo profughi di Posusje, vicino Mostar. All’alba, sul ponte della nave, mentre si intravedono le coste della ex Jugoslavia, faccio Gongyo e rinnovo dentro di me le speranze e i sentimenti che mi hanno spinta a partire: il desiderio di fare un’azione concreta per la pace, creare un filo di amici…

Frase dal Gosho - 22 ottobre 2013

"Perciò la preghiera di un praticante del Sutra del Loto [otterrà risposta] come l'eco risponde al suono, come l'ombra accompagna il corpo, come la luna si riflette sull'acqua limpida, come uno specchio raccoglie la rugiada, come un magnete attira il ferro, come l'ambra attrae la polvere, come uno specchio limpido riflette il colore delle cose."
Dal Gosho: "Sulle preghiere" (Raccolta degli scritti di Nichiren Daishonin, volume I, pag. 302)

Il Sutra del Loto #146

Immagine
La saggezza sorge dalla compassione (seconda e ultima)
Uno degli appellativi del Budda è “dotato di longevità”. La sua longevità non è altro che eterna ed universale saggezza, ragion per cui è chiamato anche “colui che vive di saggezza”. Il sedicesimo capitolo spiega che la durata della vita di “colui che vive di saggezza” è infinita. Il Budda illuminatosi dal remoto passato è di per sé manifestazione di quella saggezza che incessantemente agisce per far sì che le persone possano ottenere l’Illuminazione. Quindi, il fattore più importante del Budda del capitolo Rivelazione è la saggezza. Egli è Tathagata del corpo di beatitudine. Il corpo di beatitudine, o proprietà della saggezza, è la virtù degnamente acquisita come ricompensa della pratica buddista. Il cuore di tale beneficio è la saggezza per percepire che il mondo reale, così com’è, è quello della Legge mistica. Grazie ad essa, il Budda può liberamente, di propria iniziativa, ricevere, impiegare e godere un senso di grande agio, …

Frase dal Gosho - 21 ottobre 2013

"Il denaro serve per vari scopi, a seconda delle nostre necessità. Lo stesso vale per il Sutra del Loto: esso sarà una lanterna nell'oscurità o una barca per una traversata. A volte sarà acqua e a volte fuoco. Per questo il Sutra del Loto ci assicura «pace e sicurezza nell'esistenza presente e […] circostanze favorevoli nelle successive»"
Dal Gosho: "Le spade del bene e del male" (Raccolta degli scritti di Nichiren Daishonin, volume I, pag. 401)

Ghandi insegna

Immagine
Ghandi insegnò alla gente a vivere con un coraggio da leoni, spiegando che non si può lasciare la responsabilità delle cose agli altri, ma che ci si deve alzare da soli e lottare per la giustizia. In definitiva il solo modo per avanzare è avere fiducia in se stessi e sviluppare uno spirito indipendente. Questo è il solo cammino che ci condurrà alla vittoria.

Frase dal Gosho - 20 ottobre 2013

"poiché la vita non dura che un momento, il Budda ha esposto i benefici che derivano da un singolo istante di gioia [per avere udito il Sutra del Loto]. Se avesse detto che sono necessari due o tre istanti, non si potrebbe più parlare di voto originale del Budda di grande e imparziale saggezza, di unico veicolo dell'insegnamento che rivela direttamente la verità e conduce tutti gli esseri viventi al conseguimento della Buddità."
Dal Gosho: "Domande e risposte riguardo all'abbracciare il Sutra del Loto" (Raccolta degli scritti di Nichiren Daishonin, volume I, pag. 56)

Frase dal Gosho - 19 ottobre 2013

"Rafforza la tua fede ancora di più. Il ghiaccio è fatto di acqua, ma è più freddo dell'acqua; il colore blu si ottiene dall'indaco, ma, quando qualcosa viene ripetutamente tinta in questo, assume un colore più intenso di quello della pianta di indaco. Benché il Sutra del Loto sia sempre uguale, se tu continui a rafforzare la fede, il tuo colore sarà più intenso di quello degli altri e riceverai più benefici di loro."
Dal Gosho: "La supremazia della Legge" (Raccolta degli scritti di Nichiren Daishonin, volume I, pag. 547)

Il karma, o legge di causa ed effetto 3/5

Immagine
Come si forma
Il Daishonin afferma che tutte le sofferenze, sia fisiche che spirituali, nascono dai tre veleni di avidità, stupidità e collera. I desideri terreni e le sofferenze che questi producono sono legati al karma. I desideri terreni, il karma e la sofferenza sono chiamati i tre sentieri. I sentieri si snodano in questo modo: la sofferenza provoca tantissimi desideri i quali inducono ad azioni che creano karma negativo. L’effetto del karma si manifesta di nuovo come sofferenza fisica o mentale, che a sua volta alimenta nuovi desideri. Il karma che si sviluppa da questi è sempre più negativo e il ciclo continua all’infinito. Il punto critico di tutto questo processo sono i desideri. Desiderio in sanscrito si dice klesha e a volte è tradotto con “illusione”. Il termine indica tutte le funzioni che disturbano una persona a livello fisico e spirituale. Rappresentano il lato oscuro della vita e impediscono alle persone di ottenere l’Illuminazione. Le illusioni si dividono in fondamentali…

Frase dal Gosho - 18 ottobre 2013

"Nel venerare tutte le divinità e i Budda, si fa precedere la parola namu ai loro nomi. Ma qual è il significato di namu? Namu è una parola che viene dall'India e che in Cina e in Giappone si traduce con [lo stesso carattere che si pronuncia] kueiming in cinese e kimyo in giapponese. Cosa significa kimyo? Significa dedicare la propria vita al Budda. Alcuni hanno moglie, figli, seguito, possedimenti, oro, argento o altri tesori, a seconda della loro condizione. Altri non possiedono nulla. Comunque, che uno sia ricco o no, niente è più prezioso del tesoro che chiamiamo vita. Per questo motivo gli uomini del passato che furono chiamati santi e saggi offrirono la loro vita al Budda, e in seguito divennero Budda."
Dal Gosho: "L'offerta del riso" (Raccolta degli scritti di Nichiren Daishonin, volume I, pag. 997)

Futuri guerrieri di pace

Immagine
Tessere una rete di relazioni pacifiche, creare una società più giusta e a misura d’uomo non sono compiti da delegare ai politici. Sempre più persone qualsiasi devono decidere di portarli a termine.
Siamo tutti una famiglia. Una bella famiglia unita da profondi legami karmici che trascendono il passato, il presente e il futuro. Dopo il discorso su Makiguchi che ho tenuto al Centro Simon Wiesenthal, ho ricevuto un manoscritto del grande autore russo che tanto ammiro, Lev Tolstoj (1828-1910). Si tratta della bozza di una lettera che Tolstoj scrisse allo zar Nicola II, contro il pogrom di Kishinev del 1903. In quello stesso anno venne pubblicata anche l’opera Jinsei Chirigaku (Geografia della vita umana) di Makiguchi in cui egli esorta a sviluppare la consapevolezza di essere cittadini del mondo e sottolinea l’importanza dei diritti umani e civili, della pace e dell’integrazione razziale. Il pogrom di Kishinev è un tragico capitolo nella storia degli ebrei russi: circa cinquanta persone …

Frase dal Gosho - 17 ottobre 2013

"Nell'ottavo volume di Grande concentrazione e visione profonda e nell'ottavo volume di Annotazioni su "Grande concentrazione e visione profonda" di Miao-lo si afferma: «Più forte è la fede, maggiore è la protezione degli dèi». Questo vuol dire che la protezione degli dèi dipende dalla forza della fede di una persona. Il Sutra del Loto è un'eccellente spada, ma la sua forza dipende da chi la impugna."
Dal Gosho: "Il generale Tigre di Pietra" (Raccolta degli scritti di Nichiren Daishonin, volume I, pag. 846)

Elena ha detto...

Immagine
Grazie!!!
(Commento del 13 marzo 2012)

Frase dal Gosho - 16 ottobre 2013

"Quelli che credono nel Sutra del Loto sono come l'inverno, che si trasforma sempre in primavera. Non si è mai visto né udito, sin dai tempi antichi, di un inverno che si sia trasformato in autunno, né si è mai sentito di alcun credente del Sutra del Loto che sia diventato un essere comune. Un passo del sutra dice: «Fra coloro che ascoltano la Legge, nemmeno uno mancherà di conseguire la Buddità»
Dal Gosho: "L'inverno si trasforma sempre in primavera" (Raccolta degli scritti di Nichiren Daishonin, volume I, pag. 477)

Un cuore per gli altri

Immagine
"Recitavo continuamente Daimoku con il poco fiato che avevo, pensando a mio figlio, a mio marito, ai miei genitori, fratelli, parenti, amici... Non potevo andarmene in quel modo! Avevo ancora tante cose da fare e mi affidai completamente al Gohonzon come mai avevo fatto".
Ho iniziato a praticare questo Buddismo nel maggio 1998. La pratica sembrava calzarmi proprio su misura: ho condiviso da subito i concetti fondamentali, mi affascinava la lettura dei libri e conoscere le persone che praticavano da tempo mi trasmetteva un senso di serenità e positività. In questi quindici anni ho sempre cercato di praticare correttamente e molti desideri si sono realizzati: una famiglia appagante, uno splendido bambino di nove anni, un lavoro nell'ambito della moda e della pubblicità - che seguo da quasi vent'anni - nonché viaggi in varie parti del mondo che mi permettevano di conoscere realtà di vita molto diverse dalla mia. Uno degli ultimi obiettivi realizzati era stato l'acqui…

Frase dal Gosho - 15 ottobre 2013

"Sulle Montagne Nevose vive un uccello chiamato uccello che soffre il freddo il quale, torturato dal freddo pungente, grida che la mattina seguente si costruirà un nido. Ma quando si fa giorno trascorre le ore dormendo, riscaldato dai tiepidi raggi del sole del mattino, senza costruirsi il nido. Così continua a lamentarsi vanamente per tutta la vita. Lo stesso è vero per le persone. Quando cadono nell'inferno e soffocano tra le sue fiamme, anelano a rinascere come esseri umani e fanno voto di mettere da parte tutto il resto per servire i tre tesori e ottenere l'illuminazione nella prossima vita. Ma, anche nelle rare occasioni in cui capita loro di rinascere sotto forma umana, i venti della fama e del profitto soffiano violenti e la lampada della pratica buddista si spegne facilmente. Senza scrupolo essi sperperano le loro ricchezze per cose inutili, ma lesinano anche il più piccolo contributo al Budda, alla Legge e all'ordine buddista."
Dal Gosho: "Lettera …

Il Sutra del Loto #145

Immagine
La saggezza sorge dalla compassione (prima parte di due)
Questa è un’epoca di trasformazione. All’alba del ventunesimo secolo, il mondo e le sue nazioni stanno attraversando profondi cambiamenti. Di cosa c’è soprattutto bisogno in un periodo come questo? La risposta è una sola: di saggezza. Che siano considerate individualmente o tutte insieme, le persone capaci di considerare obiettivamente gli avvenimenti dell’epoca e della società, manifestando una fresca saggezza, non saranno turbate neanche dall’evento più terribile. Al contrario, lo trasformeranno in crescita, vittoria e creazione di valore. Coloro che, invece, rimarranno fedeli a modelli di pensiero rigidi e superati resteranno indietro. Reagire al cambiamento in modo inadeguato porta alla sconfitta. Il presente è tempo di inesorabili rigori, non possiamo permetterci di sottovalutare la sfida che esso rappresenta. Pertanto, per arrivare alla felicità e alla vittoria, la saggezza del Tathagata, che «percepisce il vero aspetto de…

Frase dal Gosho - 14 ottobre 2013

"La grande lanterna che rischiara la lunga notte delle sofferenze di nascita e morte, la spada affilata che spezza l'oscurità fondamentale inerente alla vita, non è altro che il Sutra del Loto."
Dal Gosho: "Confronto fra il Sutra del Loto e gli altri sutra" (Raccolta degli scritti di Nichiren Daishonin, volume I, pag. 922)

I dieci mondi

Frase dal Gosho - 13 ottobre 2013

"Rafforza la tua fede ora più che mai. Chiunque insegni i princìpi del Buddismo agli altri è destinato a incontrare l'odio di uomini, donne, preti e monache. Se vogliono odiare, che lo facciano. Tu affidati agli aurei insegnamenti del Sutra del Loto, del Budda Shakyamuni, di T'ien-t'ai, di Miao-lo, di Dengyo e di Chang-an. Questo significa "praticare in accordo con l'insegnamento del Budda"."
Dal Gosho: "Gli argini della fede" (Raccolta degli scritti di Nichiren Daishonin, volume I, pag. 558)

Frase dal Gosho - 12 ottobre 2013

"Poiche' il tuo defunto marito era un devoto di questo sutra, egli ha senza dubbio conseguito la Buddita` cosi` com'era. Non dovresti dolerti tanto della sua morte, eppure, per le persone comuni il cordoglio e` naturale. Accade anche ai santi. Alla morte del Budda Shakyamuni, i suoi maggiori discepoli, che pure erano illuminati, piansero mostrando un comportamento da comuni esseri umani. In ogni caso continua a fare tutto il maggior bene possibile a beneficio del tuo defunto marito. Le parole di un saggio del passato "Concentra la tua mente sulla nona coscienza e svolgi la tua pratica nelle sei coscienze" sono perfettamente giuste. Questa lettera contiene uno degli insegnamenti piu` preziosi di Nichiren. Conservalo sempre nel tuo cuore."
Dal Gosho: "L'inferno e` la Terra della Luce Tranquilla" (Raccolta degli scritti di Nichiren Daishonin, volume I, pag. 405-406)

Il karma, o legge di causa ed effetto 2/5

Immagine
Come nasce storicamente
Il Buddismo assorbe il concetto di karma, o Legge di causa ed effetto, dalla precedente tradizione induista. Nel Buddismo però lo stesso concetto è utilizzato con una funzione molto diversa. Nella “Via della liberazione induista” l’essere umano, o meglio la sua anima, è destinata a seguire il ciclo delle rinascite (samsara), attraverso le quali entra a far parte della natura vivente come pianta o animale. Quando l’anima si diparte dal corpo al momento della morte, sosta per tre epoche prima di trasmigrare nel corpo di un altro essere vivente; la forma della nascita dipenderà, secondo la legge del karma, dalle qualità etiche delle azioni compiute nel passato. Nell’Induismo, quindi, l’ordinamento del mondo è fondato su un principio etico,fondato a sua volta sul karma o legge di causalità. Qui il karma però è senza inizio né fine. Le colpe commesse nel passato non si possono espiare se non dopo un ciclo lunghissimo di rinascite e mai durante l’esistenza presente. La…

Frase dal Gosho - 11 ottobre 2013

"[...] il Sutra del Loto conduce all'illuminazione coloro che vi si oppongono quanto coloro che lo seguono. Questo e` il beneficio del singolo carattere myo, mistico. Il Bodhisattva Nagarjuna ha scritto: "[Il Sutra del Loto e`] come un grande medico in grado di trasformare il veleno in medicina"
Dal Gosho: "L'inferno e` la Terra della Luce Tranquilla" (Raccolta degli scritti di Nichiren Daishonin, volume I, pag. 405

L'importante

Immagine
La cosa più importante da fare adesso è recitare. Recitare come se combattessi, armato di una spada, per la tua Vita o la Morte. Sapete bene che c'è una frase del Gosho che dice: " Non c' è nessuna strategia migliore di quella del Sutra del Loto". Recitate tanto da riuscire a trasformare il vostro viso, recitate Daimoku con questo spirito dal profondo della vostra Vita, altrimenti non rimane nulla. Se non riesci a sconfiggere i demoni, pur impegnandoti tanto, di fatto giri a vuoto. Vincete nel recitare un'ora di Daimoku al giorno bella lotta quotidiana. Andiamo avanti mantenendo fermo prima di tutto il Daimoku. Recitate Daimoku prima delle riunioni. Recitate Daimoku prima di dare guida personale. Recitate ancora Daimoku una volta a casa. Non è possibile che la vita non cambi, questo lo sapete benissimo; non esiste nessuna altra lotta al di fuori di questa. Solo quelli che lottano recitando Daimoku ottengono convinzione, gioia, benefici.

Frase dal Gosho - 10 ottobre 2013

"Comunque sia, credi e dedicati al Sutra del Loto; non devi credervi solo tu, ma devi anche incoraggiare gli altri a farlo. Cosi' potrai salvare coloro che furono i tuoi genitori nelle vite passate. Da quando sono nato a oggi, io, Nichiren, non ho avuto un momento di tregua: ho solo pensato a propagare il daimoku del Sutra del Loto."
Da "Persecuzione con spade e bastoni" (Raccolta degli scritti di Nichiren Daishonin, volume I, pag. 857)

Stefano ha detto...

Immagine
Grazie di cuore!
Stefano
(Commento del 6 marzo 2012)

Frase dal Gosho - 9 ottobre 2013

"Accettare e` facile, continuare e` difficile. Ma la Buddita` si trova nel mantenere la fede. Colui che abbraccia questo sutra dovrebbe essere pronto a incontrare difficolta`. E' comunque certo che "conseguira` rapidamente l'insuperata via del Budda". "Mantenere la fede" vuol dire serbare nel cuore Nam-myoho-renge-kyo, il principio piu` importante per tutti i Budda delle tre esistenze."
Da "La difficoltà di mantenere la fede " (Raccolta degli scritti di Nichiren Daishonin, volume I, pag. 417)

Una nuova chiave di lettura

Immagine
Non pratico da molto: il Buddismo mi ha sempre affascinato e l'ho sempre osservato da lontano, finché, a maggio scorso, il mio percorso personale non mi ha portato a incontrarlo e riconoscerlo come la vera chiave di lettura della mia stessa vita. I benefici che ho ottenuto affidandomi alla Legge Mistica sono stati numerosi e continui, ma il più importante è sicuramente la forza che la pratica mi ha dato nell'affrontare le mie sofferenze. Esse hanno una radice molto profonda: sono un giovane omosessuale, e questa mia particolarità ha condizionato gli anni di infanzia e adolescenza, imprigionando il mio carattere positivo sotto una coltre di timidezza e ritrosia nei rapporti sociali, che per me sono sempre stati molto difficili. A diciannove anni, tuttavia, ho conosciuto Antonio, colui che è stato il mio compagno inseparabile per ben quattro anni; è stata una storia stupenda, ma è terminata tragicamente: nel marzo di tre anni fa il mio ragazzo moriva in un incidente stradale. Ad…

Frase dal Gosho - 8 ottobre 2013

"Il Budda insegno` che le persone, sin dal momento della loro nascita, sono accompagnate da due messaggeri inviati dal cielo, chiamati Stessa Nascita e Stesso Nome, che li seguono da vicino proprio come la loro ombra e non li lasciano mai, nemmeno per un istante. A turno, essi salgono al cielo per riferire le azioni buone e quelle cattive, sia grandi sia piccole, senza tralasciare il minimo dettaglio."
Dal Gosho: "Le divinita` Stessa Nascita e Stesso Nome" (Raccolta degli scritti di Nichiren Daishonin, volume I, pag. 280)

Il Sutra del Loto #144

Immagine
La fede nel Gohonzon porta a vivere senza errore (seconda e ultima parte)
Le nostre vite esistono eternamente e sono inestinguibili. Coloro che comprendono profondamente questa verità non considerano la nascita con superficialità né hanno inutilmente paura della morte. In altre parole noi siamo in grado di basarci sul momento presente e di avanzare lungo il cammino del proprio continuo miglioramento senza mai soccombere ad impazienza o negligenza. Questo è il modo di vivere di una persona che «percepisce il vero aspetto della vita esattamente come è». Il filosofo americano Ralph Waldo Emerson (1803-1882) affermava con fiducia che: «Ciò che conta è la profondità con la quale viviamo, mentre niente importa di ciò che è in superficie. Noi stessi penetriamo l’eternità ed in realtà la minima accelerazione di pensiero e la minima crescita di forza di esso fanno sembrare che la vita possa durare così a lungo». Cosa conta è “la profondità con la quale viviamo” e “la forza del pensiero” che ma…

Frase dal Gosho - 7 ottobre 2013

"Il Buddismo insegna che la fragranza interna otterra` protezione esterna. Questo e` uno dei suoi principi più importanti"
Da "I tre tipi di tesori" (Raccolta degli scritti di Nichiren Daishonin, volume I, pag. 752)

Radio Tre Rai intervista a Massimo Raveri su Nichiren Daishonin

Frase dal Gosho - 6 ottobre 2013

"Le tre categorie di illusioni - le illusioni del pensiero e del desiderio, le illusioni innumerevoli come granelli di polvere e sabbia e le illusioni sulla vera natura dell'esistenza - e il karma creato dalle dieci azioni malvagie e dai cinque peccati capitali sono come una notte oscura nella mente di tutti gli esseri umani. In questa notte oscura il Sutra della Ghirlanda di fiori e gli altri sutra sono come stelle, mentre il Sutra del Loto e` come la luna. Per coloro che hanno fede nel Sutra del Loto, ma non una fede profonda, e` come se la notte oscura fosse illuminata da mezza luna, ma per coloro che hanno una fede profonda e` come se la notte fosse illuminata dalla luna piena"
Da "L'essenza del capitolo "Re della Medicina"" (Raccolta degli scritti di Nichiren Daishonin, volume I, pag. 81)

Frase dal Gosho - 5 ottobre 2013

"Il sole e` radioso e la luna e` luminosa. Anche le parole del Sutra del Loto sono radiose e luminose, come l'immagine del viso in uno specchio limpido o l'immagine della luna sull'acqua pura. Percio`, come puo` la dichiarazione del Tathagata "nell'esistenza presente saranno ricompensati con la fortuna" e "nell'esistenza presente otterra` una ricompensa visibile per queste azioni" essere vera per tutti tranne che per te, Nanjo Shichiro Jiro? Il Budda dichiaro` che le sue parole non si sarebbero mai rivelate false, neanche in un'era in cui il sole sorga ad ovest o in un tempo in cui la luna spunti dal suolo. Non puo` quindi esserci il minimo dubbio che lo spirito del tuo defunto padre sia ora in presenza del Budda Shakyamuni, il signore degli insegnamenti, e che tu stesso riceverai grandi benefici in questa vita. Com'e` meraviglioso, come e` splendido!"
Dal Gosho: "Fortuna in questa vita" (Raccolta degli scritti di Nic…

Il karma, o legge di causa ed effetto 1/5

Immagine
Karma è una parola sanscrita che significa “azione compiuta”, ed è un termine generico designante gli effetti delle nostre azioni: le azioni fisiche che compiamo, le parole che pronunciamo e i pensieri che passano per la nostra mente. Ciascuna di queste tre azioni produce un effetto latente nella nostra vita, che causa successivamente un effetto manifesto. Quindi il karma indica contemporaneamente le cause e gli effetti derivanti dalle azioni, parole e pensieri che fanno parte della nostra vita quotidiana, buoni e cattivi, leggeri e pesanti, superficiali e profondi. Secondo il Buddismo quindi tutti gli aspetti della vita sono legati fra loro dalla legge di causalità. Non solo ciò che è visibile e materiale, ma anche ciò che è invisibile. Tutto ha una conseguenza. Non esistono azioni fisiche o spirituali che non abbiano prima o poi un effetto. Il nostro pensiero può essere invisibile a tutti, ma non è neutro per la Legge di causalità. Possiamo dichiarare cose che non faremo mai, ma que…

Frase dal Gosho - 4 ottobre 2013

"Come ho gia` affermato varie volte, si dice che dove c'e` una virtu` invisibile ci sara` una ricompensa visibile. I tuoi colleghi samurai hanno parlato male di te al tuo signore ed egli ha anche dubitato che dicessero il vero, ma, poiche' per molti anni hai nutrito il forte e sincero desiderio di salvare il tuo signore nella prossima vita, hai ottenuto questo beneficio. E questo non e` che l'inizio: sii sicuro che la ricompensa grande deve ancora venire."
Da "Virtu` invisibile e ricompensa visibile" (Raccolta degli scritti di Nichiren Daishonin, volume I, pag. 806)

Toccare il cielo con un dito

Immagine
Per dare un senso alla vita basta guardarsi intorno, vedere cosa c’è da fare e farlo. Superare il proprio piccolo ego, migliorarsi continuamente e mettersi al servizio dell’umanità è lo spirito che accomuna le persone veramente grandi.
L'Università cinese di Xinjiang mi ha recentemente conferito il titolo di presidente onorario. La Regione Autonoma di Xinjiang si trova nel nord ovest della Repubblica Popolare Cinese ed è rinomata per le sue montagne e i suoi deserti. Uno dei significati del nome Xinjiang è “nuova frontiera” ed evoca in me le immagini romantiche della storia di questa regione, che per molto tempo è stata un luogo dove popoli appartenenti a culture diverse si incontravano e si mescolavano. L’eminente storico britannico Arnold Toynbee una volta disse che, se avesse avuto la possibilità di scegliere, gli sarebbe piaciuto nascere a Xinjiang all’inizio del primo secolo d.C.

Frase dal Gosho - 3 ottobre 2013

"il sutra afferma: "Nemmeno la saggezza di un Budda puo` conoscere i benefici che tale persona otterra`". La saggezza del Budda e` talmente meravigliosa che egli puo` sapere quante gocce di pioggia cadono in questo sistema maggiore di mondi, per esempio, in un periodo di sette giorni o di due volte sette giorni, eppure e` scritto che i benefici ottenuti da una persona che reciti anche una sola parola del Sutra del Loto sono l'unica cosa che non puo` conoscere."
Da "La recitazione dei capitoli "espedienti" e "durata della vita"" (Raccolta degli scritti di Nichiren Daishonin, volume I, pag. 61)

E. ha detto...

Immagine
Una lotta continua

è da circa 8 mesi che ho conosciuto la pratica. Avevo alle spalle un passato di tormenti e pianti, collera e sofferenza e non capivo quello che volevo dalla vita, da me stessa..ma soprattutto non capivo perchè stavo vivendo ancora.

Nel mio passato sono state innumerevoli le persone che si sono prese gioco di me, della mia fragilità, della mia sensibilità..eppure io non me ne accorgevo e mi concedevo donando loro tutto l'affetto e le attenzioni che potevo dare.
Ho sempre messo “gli altri” prima di “me” ma nel modo sbagliato.
L'unica persona per la quale provavo risentimento ero io.
Io, che non ero capace di farmi amare;
io, che non ero capace di proteggermi dalle persone che mi usavano quotidianamente;
io, che ero da sola e non avevo nemmeno il coraggio di farla finita.

Conclusa la relazione con una persona che da tantissimi anni mi faceva soffrire, decisi di vedere quanto profondo fosse il mare dell'inferno, e iniziai a farmi del male, pensando così di r…

Frase dal Gosho - 2 ottobre 2013

"Nichiren ha iniziato a propagare i cinque caratteri del daimoku affidati al Bodhisattva Pratiche Superiori quando i due Budda sedettero insieme nella torre preziosa. Questo non significa forse che io sono l'inviato del Bodhisattva Pratiche Superiori? Inoltre, seguendo me, tu come devoto del Sutra del Loto, parli ad altri di questa Legge. Cos'e` questo se non la trasmissione della Legge?"
Da "Le illusioni e i desideri sono illuminazione" (Raccolta degli scritti di Nichiren Daishonin, volume I, pag. 283)

La principessa sbagliata

Immagine
Tra quattro mura opprimenti e un figlio imprigionato in un corpo troppo stretto aspettava il suo principe azzurro, menestrello dallo spirito libero. Ma quando i suoi sogni diventano realtà l’incantesimo svanisce e appare l’arcobaleno: la pentola magica del tesoro era il cuore del suo bambino.
A diciotto anni mi sono sposata, quasi per dispetto, con un uomo che non piaceva ai miei genitori; non lo amavo, non lo stimavo e lo conoscevo poco o niente perché mia madre non ci permetteva mai di uscire da soli. Nelle mie fantasie da adolescente avevo sempre sognato una persona diversa, ma volevo allontanarmi a tutti i costi da una famiglia troppo severa e possessiva, illudendomi così di risolvere i miei problemi. I consigli dei miei genitori erano imposizioni, e io, prepotente ma non altrettanto coraggiosa, pensavo che sposarmi fosse l’unico modo per andarmene da casa. A pochi giorni dal matrimonio mi resi conto che stavo facendo un grosso errore, ma non mi furono permessi ripensamenti e non e…

Frase dal Gosho - 1 ottobre 2013

"Sei ammirevole: poiche' tu hai letto l'intero Sutra del Loto con il corpo e con la mente, potrai salvare tuo padre e tua madre, i sei parenti e anche tutti gli esseri viventi. Gli altri leggono il Sutra del Loto solo con la bocca, leggono solo le parole, ma non lo leggono con il cuore. Anche se lo leggono con il cuore, non lo leggono con il corpo. Veramente lodevole e` leggerlo sia con il corpo che con la mente. Il Sutra del Loto dice: I giovani figli del cielo lo assisteranno e lo serviranno. Spade e bastoni non lo toccheranno e il veleno non avrà il potere di nuocergli"
Da "Lettera al prete Nichiro in prigione" (Raccolta degli scritti di Nichiren Daishonin, volume I, pag. 178)