La voce di fiore

«Non risparmiare mai la propria vita per la propagazione della legge è il corretto atteggiamento che un devoto del Sutra del Loto dovrebbe avere», scrive Sensei Daisaku Ikeda.

Nel Gosho Zenshu, Nichiren Daishonin afferma: «Io, Nichiren, ero pronto ad essere decapitato a Tatsunokuchi, seguendo la via del martirio, che non era stata più percorsa dai tempi di Aryasimha, e superando così T’ient’ai e Dengyo per quanto riguarda la condotta meritoria».

Questo brano del Gosho, mi ha costretto a recitare e meditare molto negli ultimi mesi, poiché sono dovuto scappare di casa, improvvisamente, abbandonando ogni cosa ed ogni affetto, minacciato di morte. Le minacce sono state conseguenti alla pubblicazione di un libro sui rapporti fra ‘ndrangheta e politica in Calabria: “La società sparente”, scritto con il giornalista Emiliano Morrone, e con prefazioni del prof. Gianni Vattimo e dell’on. Angela Napoli membro della Commissione parlamentare antimafia.
Oltre alle minacce ho subito tutta una serie di persecuzioni: querele, difficoltà burocratiche, isolamento, attacchi alla privacy, offese e diffamazioni. Ed ora, in esilio, nascosto, in un luogo fino a tempo fa per me sconosciuto, incontro difficoltà nel trovare un lavoro, nel condurre un’esistenza “normale”, tranquilla e tiro a sopravvivere; ogni giorno è una lotta. Non sarei riuscito ad uscirne psicologicamente e fisicamente indenne, almeno finora, se non avessi avuto una forte fede nel Buddismo di Nichiren e un forte desiderio di kosen-rufu.


«In quel momento i tre ostacoli e i quattro demoni invariabilmente appariranno; il saggio si rallegrerà, mentre la persona di scarse capacità indietreggerà» come ci ricorda Roberto Pia, Nichiren Daishonin ci insegna che dovremmo gioire di qualunque difficoltà si incontri, perché i demoni sono immediatamente pronti ad attaccarci ad ogni avanzamento che facciamo nella pratica, e che gioire delle difficoltà significa avere una forte fede. Inoltre invita continuamente i suoi discepoli a rafforzare la propria fede più che mai e ad essere coraggiosi come il re leone.

Ci insegna anche che per mezzo della nostra determinazione interiore basata sulla fede, possiamo trasformare la sofferenza in gioia, i problemi in felicità, il nostro karma negativo in meriti e benefici. In una lettera spedita a Shijo Kingo nel 1276, cioè nel periodo in cui il samurai aveva perso il favore del suo signore di Ema e contro di lui era fortissima l’inimicizia dei colleghi samurai, il Daishonin scrive: «Quando c’è la sofferenza illuminati rispetto alla sofferenza e quando c’è la gioia apriti alla gioia. Considera allo stesso modo sofferenza e gioia, e continua a recitare Nam myoho renge kyo. Come potrebbe non essere questa la gioia senza limiti della Legge? Rafforza il potere della tua fede più che mai».

Nel Gosho di studio del mese di novembre 2008, “La strategia del Sutra del Loto”, una lettera sempre indirizzata a Shijo Kingo, ma nel 1279, cioè in un periodo in cui il samurai aveva riconquistato la fiducia del suo signore, il Daishonin, complimentandosi con lui per essere sopravvissuto ad un tentativo di assassinio, scrive: «Sforzati di raccogliere il potere della fede. Considera prodigiosa la tua sopravvivenza. Usa la strategia del Sutra del Loto prima di ogni altra. Allora, come afferma il sutra, “Tutti i nemici saranno annientati”. Queste auree parole non saranno mai contraddette. Abbi fede in esse con tutto il cuore. L’essenza della strategia e dell’arte della spada derivano dalla Legge mistica. Un codardo non potrà mai ottenere risposta a nessuna delle sue preghiere».

Questa una parte della spiegazione di Sensei: “Alla fine della lettera il Daishonin scrive: «Abbi profondamente fede in questo. Un codardo non potrà mai ottenere risposte a nessuna delle sue preghiere». «La codardia ci chiude gli occhi»: questa era la visione del filosofo del Rinascimento americano Ralph Waldo Emerson (1803-1882). La codardia ci impedisce di vedere la verità e le cose per come sono. Può farci vedere persino una piccola difficoltà come un ostacolo gigantesco e insormontabile e ci fa addirittura apparire un problema come un muro spesso che si erge davanti a noi. Il coraggio è quindi cruciale”.

IL CORAGGIO È CRUCIALE. Bisogna combattere la paura, che deriva dalla nostra oscurità fondamentale. Come scrive Roberto Pia: “Ho imparato, e imparo ancora adesso, a vivere ogni cosa della vita senza paura”.

Il mezzo per vincere la paura è un Daimoku sincero e vigoroso, un Daimoku da combattimento come quello di Shijo Kingo; combattimento contro la nostra oscurità fondamentale. Recitare ogni giorno con vigore Nam Myoho Renge Kyo. Solo così possiamo far affiorare la Buddità, illuminarci e disperdere l’oscurità e la paura. Un brano del Gosho recita: «Non sentire la minima paura nel cuore. Sebbene una persona possa aver professato la fede nel Sutra del Loto molte volte sin dall’infinito passato, è la mancanza di coraggio che le impedisce di raggiungere la Buddità» Quindi coraggio!, coraggio e fede profonda, recitiamo Nam Myoho Renge Kyo dal profondo del cuore.

Se le nostre azioni sono rivolte a kosen-rufu, a combattere le ingiustizie e l’arroganza dei potenti, per costruire la pace nel mondo e la felicità del genere umano, non c’è nulla che dobbiamo temere. Lo ricordo a voi ma lo ricordo soprattutto a me stesso, perché ne ho bisogno ogni giorno per superare la mia paura di essere ucciso. Ma lotto con coraggio e vado avanti perché come scrive il Daishonin: «Sacrificare la vita per il Sutra del Loto è come scambiare sassi con oro o immondizia con riso».

IL BUDDISMO È UNA LOTTA NELLA QUALE SI VINCE O SI PERDE, ED IO HO DETERMINATO DI VINCERE.

stampa la pagina

Commenti

  1. Davvero intenso e commovente quanto hai scritto...Una lezione di vita che serve a noi tutti, in nome della fede nel Sutra del Loto. Coraggio al posto della paura e forte determinazione, non dobbiamo mai dimenticarcene!

    RispondiElimina

Posta un commento