Recitare Daimoku e Gongyo, perché? #4

Perché si deve leggere il testo del libretto di Gongyo?

Un aspetto importante della pratica buddista è la recitazione di un libretto (Gongyo) dove sono raccolti alcuni brani del Sutra del Loto che spiegano che ogni individuo ha dentro di sé il potenziale per l'Illuminazione, e che la vita è eterna. Gongyo significa, come termine in senso stretto, pratica assidua e comprende sia la recitazione di Nam-myoho-renge-kyo (Daimoku), che la lettura, mattina e sera, delle parti del Sutra del Loto dal secondo capitolo Hoben (Espedienti) e dal capitolo Juryo (Durata della vita del Tathagata). La recitazione del Daimoku e del libretto di Gongyo è stata indicata da Nichiren Daishonin come pratica essenziale per l'Ultimo giorno della Legge (la nostra epoca). La cerimonia di Gongyo riproduce il ritmo del sole che sorge ogni mattina e tramonta ogni sera, permettendoci, come spiega Nichiren nella Raccolta degli insegnamenti orali, di rivelare in ogni istante della giornata la nostra vera identità originale: quella di Budda dal tempo senza inizio.



Qual è il modo migliore per imparare a fare Gongyo?

Il modo migliore per imparare a fare Gongyo è recitarlo con altri praticanti, chiedendo a qualcuno di aiutarci a impararlo e recitandolo lentamente. Esiste anche la possibilità, per esercitarsi, di scaricare una versione mp3 di Gongyo sul sito della Soka Gakkai americana (www-sgi-usa.org, sezione downloads). È disponibile una nuova versione italiana del libretto, che contiene una descrizione dettagliata della cerimonia di Gongyo, la pronuncia corretta e la traduzione del testo del Sutra del Loto.

Ho sentito dire che nel passato la recitazione di Gongyo era molto più impegnativa. È vero?
Sì, è vero. Dall'autunno del 2004 la Soka Gakkai ha adottato una nuova forma di Gongyo che comprende la recitazione di una parte del capitolo Espedienti e la sezione in versi del capitolo Durata della vita, assieme alla recitazione di Nam-myoho-renge-kyo. Questa scelta è stata fatta per andare incontro alle mutate esigenze della società attuale.

La mattina vado sempre di corsa e quando rientro a casa a tarda notte mi resta difficile fare Gongyo. In questa situazione va bene recitare solo il Daimoku?
Saltare Gongyo occasionalmente non cancella gli sforzi fatti in precedenza. Certo è bene seguire la pratica corretta, e cioè la recitazione di Gongyo e Daimoku, ma in situazioni dove ciò proprio non è possibile va bene la sola recitazione del Daimoku. Non c'è alcuna ragione di prendersela con se stessi o di soffrire perché non si è riusciti a fare Gongyo. La cosa importante è continuare a sfidarsi nel pregare tutti i giorni di fronte al Gohonzon. In qualsiasi momento, ciò che ci lega direttamente alla propria felicità è il mantenere un cuore positivo e una fede sincera nel Gohonzon.

Qual è la giusta velocità con cui recitare Gongyo e Daimoku?
Il ritmo ideale è sostenuto e vigoroso, ma non preoccupatevi troppo della velocità, scegliete il ritmo che vi sembra più naturale e confortevole. È invece importante non disturbare i vicini di casa e le persone con cui si convive, evitando di recitare Gongyo e Daimoku a voce troppo alta. Nella Raccolta degli insegnamenti orali, il Daishonin cita il seguente brano tratto da un commentario buddista: «Ogni mattina ci alziamo con il Budda e ogni sera ci corichiamo con il Budda. In ogni istante conseguiamo la via, in ogni istante riveliamo la nostra identità originale». Mattina e sera recitiamo Gongyo con vigore davanti al Gohonzon. In questo modo viviamo sempre "insieme al Budda". Questo è l'insegnamento del Buddismo del Daishonin. Inoltre, in ogni momento ci risvegliamo alla grande forza vitale della Buddità che è in noi dal tempo senza inizio, e la manifestiamo nella nostra vita.

A causa del lavoro gli orari in cui faccio Gongyo mattina e sera sono sempre diversi, è corretto?
Non esiste un orario predeterminato in cui fare Gongyo mattina e sera, il consiglio è di scegliere l'orario migliore in base ai propri ritmi di vita o agli orari di lavoro e impegni personali. Può capitare che una persona che lavora di sera reciti il Gongyo del mattino al suo risveglio a metà giornata, mentre un'altra persona decida di recitare il Gongyo della sera nel primo pomeriggio perché sa di essere poi impegnata tutto il resto della giornata.

fonte: Guarda il sole che sorge, D. Ikeda, NR, 349, 8-10

Dal Gosho

«Ciascuna parola e ciascun carattere del Sutra del Loto contiene in sé tutti i 69.384 caratteri che compongono il sutra. È come una goccia del grande oceano che contiene in sé tutta l'acqua di tutti i fiumi che vi sfociano e come la gemma che realizza i desideri, la quale, sebbene non sia più grande di un granello di senape, è in grado di far apparire tutti i tesori di tutte le gemme che realizzano i desideri».
da Il Daimoku del Sutra del Loto (SND, 5, 37)
stampa la pagina

Commenti

  1. per quanto tempo in una giornata si recita il gongyo?

    RispondiElimina
  2. Forse volevi dire Daimoku?
    Non c'è un tempo prestabilito dipende solo da te.
    Mentre la lettura del libretto di 'Gongyo', mattina e sera, dura circa una decina di minuti. Prego

    RispondiElimina
  3. Buongiorno a tutti, sto leggendo "Buddha nello specchio" e costituisce per me
    un primo approccio alla filosofia buddista. Avrei delle domande da porre e
    non sono certa che questa sia la sede giusta, comunque provo.
    Sto praticando 10 minuti per tre volte al giorno e durante la recitazione
    sento nascere dentro di me uno stadio di ansia forte che passa verso la fine
    della preghiera (scusate forse non sto usando parole appropriate) e vorrei
    capirne il perchè. Un'altra cosa che vorrei sapere è come deve essere il
    momento conclusivo della meditazione, mi sembra stonato interrompere così
    bruscamente. Grazie infinite. Dalu27

    RispondiElimina
  4. Ciao Dalu27, non potevi iniziare meglio, questo è veramente un bel libro da leggere come approccio alla pratica buddista.
    Hai ragione questo è uno solo uno spazio d’informazione (tra l’altro fra poco verranno inserite delle risposte a queste tue domande) che non sostituisce in alcuna maniera quelli che sono i veri strumenti della pratica e cioè (tra l’altro) i meeting di discussione che vengono svolti il primo e il terzo giovedì del mese.
    Forse il video qui a fianco può esserti un po’ di aiuto, ma ti consiglio vivamente di partecipare alle riunioni per ricevere risposta alle tue domande e per recitare in maniera consona.
    Grazie Dalu27

    RispondiElimina
  5. ciao sono cristina e da poco che pratico mi piacerebbe evere una definizione per la parola gongyo.grazie

    mio e-mail hildafuracao1000@yahoo.it

    grazie ancora

    RispondiElimina
  6. questo buddismo ci aiuta ad avere sempre prove concrete e non esistono parole e commenti ma solo la legge mistica col silenzio ci dice tutto e noi ne siamo la manifestazione

    RispondiElimina
  7. Ho sempre avuto la curiosità di sapere la traduzione del gongyo, così mi sono messa ha fare una ricerca e ho trovato quello che cercavo! Dopo mi sono soffermata su questo blog e avendo letto svariati commenti mi sono decisa a scrivere anche io. Mi presento, mi chiamo Benedetta ho 31 anni e sono di Pisa, pratico il buddismo da quasi anno, la mia storia è veramente lunga da raccontare,quello che so che da quando ho conosciuto il sutra del loto,dentro di me sono cambiate tante cose. Mando un caloroso augurio di buone feste a tutti voi. A presto Benedetta. E naturalmente GRAZIE!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao mi chiamo giovanna pratico da 4 anni non ti faccio l'elenco dei benefici ricevuti perche' non basterebbero 20 pagine ti consiglio il libro hoben e juryo li' troverai la spiegazione dei brani recitati durante gongyo parola per parola dal presidente ikeda.
      A presto
      Giovanna

      Elimina
  8. Grazie a te Benedetta, ciao. :)

    RispondiElimina
  9. Ciao a tutti e buon anno nuovo.
    volevo fare una "recensione" e consigliare la lettura (fra le altre) di un libro che ho appena finito di leggere:
    "IL BUDDISTA RILUTTANTE"
    lo consiglio davvero a tutti; ancora di più a chi,come me, è all'inizio della pratica buddista.
    un libro che riesce davvero a raccontare e spiegare il buddismo del sutra del LOTO.

    RispondiElimina
  10. @Vito: grazie e buon anno anche a te. Lo sto leggendo anch'io e lo trovo molto, molto interessante.
    Grazie della visita

    RispondiElimina
  11. la pratica mi ha aiutato in un momento buio della mia vita...ora l'ho abbandonata xke è prevalsa in me la mia natura umana oziosa...lottare contro se stessi è la cosa + difficile...ma in me lalegge mistica è pur sempre presente xke ogni tanto sento una voglia di recitare che mi parte dal cuore...qnd conosci lalegge essa presidia dentro di te!!!grazie a mia sorella carmela...

    RispondiElimina
  12. ciao a tutti mi chiamo alessandra e sono di genova, pratico da 1 anno circa e vorrei dire che tutto ciò che insegna questa filosofia serve per rafforzare ciò che cè di debole in noi, io per prima ci sto lavorando e ogni giorno che passa mi affascina sempre più, perchè è la mia filosofia cioè non pregare nessuno se non noi stessi. e ciò che mi piace è il canto di voci diverse ma con lo stesso ritmo e un unica lingua, diversa dalla nostra ma per tutto il mondo lo stesso significato. che bello poter essere nel tempio di hondo se non sbaglio... che bello poter avere la possibilità di conoscere i veri monaci... ciao a tutti

    RispondiElimina
  13. Cioa @alessandra, benvenuta :)

    RispondiElimina
  14. Salve :) ho iniziato a praticare da poche settimane. Sono molto giovane abitando in campagna non ho la possibilità di spostarmi per andare ai meeting (se così si chiamano). Sono sempre stata attratta da questa filosofia di vita, e adesso ho trovato uno stimolo in più per iniziare questa pratica: l'incontro con il gohonzon che strano ma vero mi ha trasmesso un incredibile sensazione positiva. Comunque sono ancora agli inizi e ho molti dubbi sul come praticare,quando,dove,sulla storia e sui vari significati... se qualcuno può darmi una guida anche solo consigliandomi un buon libro glie ne sarei grata.. un saluto:) ps: mi scuso per eventuali termini inappropriati

    RispondiElimina
  15. @shellyna: mi auguro che tu possa frequentare i meeting in quanto sono la miglior occasione per poter conoscere la pratica, nel frattempo posso dirti che di libri ce ne sono parecchi (vedi questi) io sto leggendo e te lo consiglio William Woollard: Il buddista riluttante.
    Ciao e bentrovata

    RispondiElimina
  16. ciao sono anna da pinerolo è poco che recito il nan myoho renge kyo ci capisco ben poco mi anno detto che il gongyo lo posso leggere davanti ad um muro e vero?non vi nascondo mi sento un po stupida voi sapete dirmi se a pinerolo ce qualquno che mi possa aiutare a capirci qualcosa ?grazie anna vi invio mio imeil .. chiave1957@libero.it

    RispondiElimina
  17. scusate pinerolo e nella provoncia di torino grazie, ditemi se avete qualche contatto piu o meno nella mia zona grazie

    RispondiElimina
  18. @box: prova a chiederlo qui:

    segreteria@sgi-italia.org.

    ciao

    RispondiElimina
  19. salve a tutti, leggevo un pò i vari commenti e mi sono soffermato su quello che diceva che e tutta suggestione... cos'è la suggestione se non il credere fermamente in qualcosa tanto da materializzare ciò in cui si crede? Mi spiego io credo fermamente che una pietra mi possa far guarire da una malattia ...ci credo cosi fermamente che alla fine guarisco... come mai cosa è realmente successo? suggestione? Sarà!!! sta di fatto che suggestione o no quella pietra ha fatto in modo , o è solo servita da espediente per permettere che tale guarigione avvenga... siamo materia e spirito , spirito e materia il problema e che non c'è più equilibrio coesistenza tra le parti ... credo che la pratica attivi quel regolatore che ci rimette in equilibrio ...es. ( la musica, ce ne sono vari generi, il rok ci da carica , la classica ci rallenta e cosi per tutti i generi ad ogni genere corrisponde uno stato d'animo ) questo cosa sta a significare ? che noi o quella parte di noi che non vediamo allo specchio interagisce con il suono ... nella recitazione si entra in armonia con l'universo per mezzo del suono... suggestione o no .... funziona e se è suggestione... solo suggestione.. allora spero che presto tutto il mondo si suggestioni ... perché i suggestionati dal daimoku e gongyo sono sicuramente persone che cercano di fare qualcosa di positivo per se stessi e il mondo che li circonda .

    RispondiElimina
  20. @Michele: bentrovato, ciao :)

    RispondiElimina
  21. Ciao Novalis grazie per il ben trovato :-)
    ci tenevo a scrivere un altro commento per esprimere un mio pensiero ...
    questo commento è un po’ per chiarire molte delle tematiche che vanno a toccare la parola suggestione o autosuggestione, ieri sera ero molto stanco e non sono riuscito , rileggendomi, ad esplicare quello che era il mio pensiero o almeno non del tutto, per tanto credo sia giusto nei confronti di chi è agli inizi e come è giusto che sia nutre molti dubbi, spiegare un po’, dal mio punto di vista, cosa sia la pratica … ma non voglio farlo utilizzando le solite parole .
    la parola fede la conosciamo tutti , come la parola pratica, il discorso è molto più amplio e anche se è difficilissimo credere che delle parole per molti incomprensibili, (Nam-myoho-renge-kyo), possano dare la risposta a tutto penso sia doveroso estrapolare da tali parole qualcuno dei mille significati che in esse si racchiude.
    continua....

    RispondiElimina
  22. Come molti sanno e come ho già detto noi siamo l’associazione della materia con lo spirito ovvero un involucro che custodisce la nostra vera natura , questo è contemplato nella maggior parte delle più autorevoli religioni di questo pianeta, la dimostrazione che oltre alla materia ci sia qualcosa in più ce lo da appunto il notare come cambia il nostro atteggiamento , sentire , quando ci troviamo in situazioni particolari; commuoversi alla nascita di un figlio, sentire il distacco da un congiunto che se ne è andato, partecipare alla gioia di un nostro amico, provare rabbia per un torto subito .. etc tutto questo non è frutto solo di ghiandole che secernono più o meno adrenalina , le emozioni sono il collante che unisce lo spirito alla carne , come fa una determinata musica a determinare un nostro stato d’animo? Come fa una giornata ugiosa a metterci tristezza? Come fa una giornata primaverile a rapire i nostri sensi e ad amplificarli facendoci provare gioia e in alcuni casi tolleranza? E come mai usando di nuovo questa parola a volte siamo più tolleranti di altre? continua...

    RispondiElimina
  23. Noi interagiamo con qualcosa di molto più grande ed eccezionale di ciò che guardiamo allo specchio , spesso quando ci capitano le giornate buone tutto ci sembra più bello, siamo molto più accondiscendenti, viviamo e sembra quasi che siamo in grado di percepire cose che prima ci venivano difficili da vedere…
    Tutto questo spesso ci viene naturale , basta una giornata di sole o di pioggia … ma la domanda che ci dobbiamo porre è come mai succede tutto questo ? se fossimo di sola materia potrebbe mai succederci tutto ciò ? chimicamente parlando noi esseri umani a livello nucleare siamo uguali ad una pietra o un pezzo di legno noi siamo fatti della stessa materia di tutte le parti componenti il nostro pianeta … ma come mai una pietra non si commuove o non si altera sotto certe sollecitazioni? Forse è tempo di iniziare a chiederci cosa siamo veramente più tosto che credere ancora nel pessimistico pensiero “ del non c’è niente di più di questo …” penso che a tutti sia successo di usare l’espressione “oggi non me ne va bene una” o dire succede tutto a me o provare amarezza nei confronti di tutti ( gli automobilisti ne sanno qualcosa  ) .
    continua......

    RispondiElimina
  24. Ma vi siete mai chiesti come mai quando qualcosa mette il nostro animo in negativo tutte le cose negative accadono una a presso a l’altra e spesso per periodi lunghissimi e altresì avete mai notato che basta una sola semplice buona notizia per capovolgere la situazione?
    Vi siete mai chiesti come mai? È molto semplice noi viviamo costantemente in una continua lotta con noi stessi, continuamente cerchiamo e quando non troviamo ci arrabbiamo, continuamente viviamo pronti ad imbracciare il fucile … ma basta qualcosa di buono che diventiamo un'altra persona … il motivo è che viviamo in un universo pieno zeppo di varianti immaginiamoci fermi di fronte a noi mille corridoi ..... continua

    RispondiElimina
  25. … siamo noi a sceglierne uno e se sbagliamo corridoio tutto ci viene storto se lo imbrocchiamo giusto tutto ci viene dritto … la variante è la scelta dell’esistenza il Nam-myoho-renge-kyo produce quel suono che ci mette nella condizione giusta, ci sintonizza sul giusto stato d’animo per farci fare la migliore scelta.
    Noi siamo energia e con l’energia interagiamo il suono è energia e l’energia dell’universo ha un suono ed uno dei mezzi per produrre quel suono e sintonizzarci con il tutto e l’uno è appunto il Nam-myoho-renge-kyo.
    Chiedo scusa a tutti se ho scritto un romanzo e vi abbraccio
    Michele

    RispondiElimina
  26. pratico da ottobre,con molti dubbi iniziali.Sono entrata in un gruppo e ho trovato nei miei compagni attenzione e aiuto a capire ,ma sopratutto a usare il cuore.Recitare mi da forza, se non lo faccio mi manca.ero atea per cui la parola fede mi spaventava e ancora mi stupisco di questo mio cambiamento.Qualche volta mi sento confusa,ma leggo tutto quello che posso per cercare di entrare in questo mondo nuovo a cui forse aspiravo nel migliore dei modi.faccio Kosen Rufu dovunque,senza accorgemene,regalo felicità in questo mondo a tutti quelli che mi sembra possano condividere.sto cercando la traduzione del daimoku,per recitare con consapevolezza.

    RispondiElimina
  27. Massimo: salve, amerei sapere come poter procurarsi un libretto del gongyo, il gohozon, e tutto il resto per recitare.
    Vivo vicino Roma e da un mese e più ho cominciato a recitare ma lo faccio un po a modo mio, il daimoko gia lo conoscevo. il gongyo lo scaricato da internet e lo recito da solo in o con you tube per migliorare. Avrei molte domande da fare e riuscissi ad avere un indirizzo dove il giovedi vi incontrate sarei lieto di parteciparvi.
    Ringrazio a chi mi risponderà e mi darà un po di informazioni grazie Max.

    RispondiElimina
  28. @Massimo: come ho scritto nei commenti precedenti,
    per i libri puoi vedere qui: http://www.esperiaedizioni.it/collane/view.asp?ID=2
    ma anche nelle librerie Feltrinelli
    per quanto riguarda i gruppi vicino a te prova chiedere qui: segreteria@sgi-italia.org
    Ciao

    RispondiElimina
  29. Massimo: grazie Novalis si su esperenzia ed edizioni sia da zeffirelli trovo libri sul Buddismo, io per ora ho bisogno solo di tutto quello che si usa per recitare come libretto gongyio il gohonzon ecc. ecc.
    grazie.

    RispondiElimina
  30. francescaromana21 aprile 2010 08:03

    ho ripreso da poco e spero di avere la fora per non allontanarmi più dalla pratica

    RispondiElimina
  31. caro novalis non so chi tu sia ma se puoi cerca di divulgare tra i membri questi siti sui primi passi di questo vero e unico mezzo per essere felici. io vi ho conosciuto solo oggi e già solo sapere che ci siete mi da gioia, ps sono un vecchio e sempre nuovo membro con tante forti esperienze personali. stefania s. da c.v. rm

    RispondiElimina
  32. Ciao a tutti, è da poco che mi sono avvicinata al Buddismo. Mi piace tantissimo recitare, mi fa stare veramente bene. Ho sentito che ci sono dei gruppi per recitare in compagnia e mi piacerebbe provare. come faccio a sapere se ci sono gruppi nella zona di San Lorenzo a Roma?
    Grazie a tutti
    Martina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cerco gruppo in S.Lorenzo Roma qualcuno può aiutarmi x favore? Grazie!! Il kaikan non è stato molto partecipe.. E mi spiace molto x questo!!!

      Elimina
    2. Mi chiamo Filippo sono di Torino e vivo a Roma da 10 mesi questo è il mio num. 338/8823669 grazie

      Elimina
    3. Mi chiamo Filippo sono di Torino e vivo a Roma da 10 mesi questo è il mio num. 338/8823669 grazie

      Elimina
    4. Cerco gruppo in S.Lorenzo Roma qualcuno può aiutarmi x favore? Grazie!! Il kaikan non è stato molto partecipe.. E mi spiace molto x questo!!!

      Elimina
  33. @martina: scrivi una mail a questo indirizzo: segreteria@sgi-italia.org.

    RispondiElimina
  34. Ciao avevo smesso di praticare da un pò di tempo. Ho dovuto ricominciare perchè non riuscivo più dare un senso a tutto quello che mi succedeva intorno e avevo perso l'ottimista. Buona pratica a tutti

    RispondiElimina
  35. ciao sono michele mi spiegate gongyo japan e scritto but-chi ,e nel librettino in italiano
    e scritto buc-ci come si legge but-chi o buc-ci.grazie

    RispondiElimina
  36. ciao, sono Paolo..pratico da circa due settimane..mi sono avvicinato molto alla pratica per dei problemi d' ansia e panico con i quali combatto da un paio d' anni..ci sono dei giorni che finito di recitare mi sento un altra persona..altri, forse perchè metto tutto in discussione, in cui mi alzo e sono bene o male la stessa persona..mi piacerebbe molto se qualcuno che soffre o mi auguro soffriva dei miei stessi problemi mi parlasse della pratica o/e del buddismo in generale vista dal suo punto di vista..

    RispondiElimina
  37. Contenta di avervi "trovato", grata per le informazioni.

    RispondiElimina
  38. Ciao sono Damiano, mi sono avvicinato con il libro "il budda geoff e io "alla filosofia buddista da pochissimo, una settimana, ho provato a praticare da solo o con dei file audio dal pc e non ho notato nessuna differenza,oggi però mentre recitavo il daimoku mi sono sentito isolato da tutto e tutti, non so se è un passo avanti, avete suggerimenti su cosa e come concentrarsi durante il daimoku? oltre a consigliare di partecipare a dei meeting/riunioni. Grazie a tutti in anticipo, a presto.

    RispondiElimina
  39. @Damiano a te come a tutti gli altri principianti, l'unico consiglio che mi sento di darvi è quello di partecipare ai meeting di discussione e non di praticare da soli in casa propria.
    In questa maniera sarete sostenuti ed aiutati in tutte le vostre domande e cosa non ultima, starete praticando "correttamente".
    Un abbraccio a tutti

    RispondiElimina
  40. ciao a tutti...:-) mi chiamo Gianna... da Riva Ligure - Imperia.
    Ho iniziato a praticare da 15 giorni....non posso dire di aver visto ancora cambiare qualcosa di eclatante nella mia vita... ma risco e ponderare meglio le cose... equesto già, per me, è un piccolo ma grande cambiamento.
    Ho una difficile situazione con i miei familiari (fratello e mamma)... ed ora mi rendo conto di non avere il coraggio di affrontarli... ne ho il terrore... e non so il perchè!!!!
    La mia amica che prratica da ben 16 anni mi ha detto di mettermi degli obiettivi.... ma sono talmente tante le cose che vorrei affrontare con più coraggio che non so da dove iniziare... non riesco a scrivere i miei obiettivi... E' normale... all'inizio della pratica?
    Questa sera vado per la prima volta ad una riunione... sicuramente potrò chiedere anche a loro..... ma una condivisione in più, sono certa che faccia sempre bene.!! Grazie per la vostra attenzione.. !!! A presto... Gianna

    RispondiElimina
  41. buongiorno a tutti,sono passati diversi anni da quando uno sconosciuto mi ha parlato di nam myoho renge kyo, ed allora mi era sembrata una cosa alquanto strana ed inoltre io ero diversa, ora a distanza di quasi 15 anni ho reincontrato il buddismo nichirem e a questo punto della mia vita, ho 55 anni,sono molto attratta da tutto ciò ma anche molto confusa,perchè ho l'impressione che ogni dottrina che si incontra proclami la verità......e decidere di approfondire a fondo le varie "scuole di pensiero" è impresa impossibile!quindi non so quale strada seguire...............

    RispondiElimina
  42. ciao sono patrizia amo questa religione ,mi ha veramente cambiato la vita ,

    RispondiElimina
  43. ciao sono patrizia da chivasso ,questa religione mi ha cambiato la vita ,in positivo un bacio a tutti

    RispondiElimina
  44. ciao sono cinzia, ho ripreso oggi a leggere i brani del sutra dopo circa 5 anni di oblio.spero di farlo in maniera più consapevole e costante.

    RispondiElimina
  45. ciao, sono lory sono cattolica per niente praticante e mi sono sempre rivolta con fede alla madonna. Mi ha sempre affascinata il buddismo e ho partecipata un paio di volte a incontri con monaci buddisti. cinque anni fa tramite un amico sono stata a casa di una signora dove c'era un incontro buddista e ho partecipato alla lettura del Gongyo. Non ci sono più ritornata, mi sentivo di tradire quella Madonna alla quale mi rivolgevo. Il buddismo mi attrae come filosofia di vita e mi sono recata in libreria e ho comprato "Felicità in questo mondo" e "Il budda allo specchio".Sto recitando solo al mattino, da una settimana, nam myhoho renge kyo, probabilmente percepisco un pò di positività in più, anche se sono ancora molto scettica. Sono tentata a partecipare ad un incontro con qualcuno (abito a Bari) e non so con chi, mi manca il coraggio di cominciare. Ho 63 anni e non saprei come affrontare famiglia e amici. Un caro saluto

    RispondiElimina
  46. @Lory: ciao Lory, salve a tutti, sono Sandra. Anche io sto praticando da poco e devo dire, Lory, che come te ho avuto le stesse titubanze. La mia paura più grande è affrontare la mia famiglia ma credo che questo sia il mio demone da superare perchè è comunque una mia scelta di vita e per giunta non faccio male a nessuno. Anche io sono cattolica e come molti ho pensato di tradire quella che fino ad ora è stata la mia fede però poi ci sono dei punti, il rispetto per se stessi, il condividere con gli altri ecc, che non trovo sbagliati, anzi, ho trovato, in realtà che valorizzare la persona ed accettarla cosi com'e è mostrare rispetto per la persona e la vita di ognuno. Le soffrenze, i problemi i disagi ho imparato a vederli come sfide, non come umiliazioni in questo mondo per stare meglio nell'aldilà. Il discorso della chiesa, in questa sede, sarebbe lungo e fuoriluogo ma è stato proprio quell'atteggiamento attuale della chiesa a spingermi a cercare altrove e, soprattutto, ad imparare alla non rassegnazione alla vita. Frequentare il gruppo, poi, è qualcosa che arricchisce dentro e mi fa sentire un'energia che, unitamente alla pratica, non avevo mai provato prima. Un saluto a tutti

    RispondiElimina
  47. Ciao a tutti preziose persone, mi chiamo Mario,pratico il Buddismo da 23 anni e sono un membro della Soka Gakkai (societa' per la creazione di valore) e se avete dubbi e domande su come si pratica correttamente e come trovarvi un gruppo da frequentare, potete contattarmi tranquillamente via e-mail a: mariobrianda6666@tiscali.it. Saluti Mario.

    RispondiElimina
  48. Anni fa lessi un commento negativo sulla soka gakkai, in una rivista buddista (mi sembra fosse intitolata "paramita" ), in cui si veniva paragonati ai testimoni di geova più precisamente fu detto: "la saka gakkai sta al buddismo come i testimoni di geova stanno al cattolicesimo. sono passati degli anni ma ogni tanto mi viene il timore che possa esserci qualche verità su tale affermazione. mi piacerebbe liberarmi definitivamente da questo tarlo! ciao e un grazie a chiunque voglia aiutarmi franco.

    RispondiElimina
  49. Ciao mi chiamo Manuela e scrivo dalla Sardegna...
    qualche anno fa m'avvicinai al Buddismo di Nichiren tramite una collega che viveva con me e lo praticava mattina e sera.Tornati ognuna a casa sua m'ha invitato ad una riunione e poi grazie sempre a lei ho incontrato un gruppo di preghiera vicino al mio paese...Ho praticato per un'annetto più o meno ma quasi sempre da sola.Faccio le stagioni e perciò mi sposto estate e inverno e così poi persi la costanza e il gruppo.Ora dopo circa 3/4 anni ho rincontrato la mia collega e il suo compagno e emanano una positività incredibile,loro dicono che è la pratica e io ultimamente mi sto informando molto sul Buddismo in generale e in sti giorni sento spesso un richiamo a fare Daimoku.Premetto che sono atea e che credo molto nelle verità scientifiche e oggettive,questo mi porta ad essere confusa e indecisa sull'iniziare e quando...Ho contattato la mia amica ma lei è momentaneamente fuori per lavoro(fa le stagioni anche lei).Non ho molto tempo visto gli orari di lavoro che faccio e così un po' per il tempo un po' per stanchezza i giorni passano e io ancora non ho iniziato.Resta il fatto che tutti i giorni sento questa voglia di iniziare Daimoku e Gonghyo...Ciao a tutti e grazie per tutto.

    RispondiElimina
  50. sono sempre io...volevo aggiungere che son capitata in questo sito un po' per caso qualche sera fa e arrivata a sto post ho letto alcuni vostri commenti tra i quali quello di Mario Brianda che ha lo stesso cognome di mia madre...mi chiedo semplice coincidenza o è un segnale???grazie ancora.Ciao.

    RispondiElimina
  51. Ero un buddista riluttante ora sono un buddhista felicemente convinto... No Simona altro che suggestione... Provare per credere!!! Un abbraccio a chiunque! jj

    RispondiElimina
  52. Ciao a tutti, mi chiamo Walter e vivo a Parma.
    Il buddismo l'ho incontrato grazie ad una splendida persona ed è da nemmeno una settimana che mi sono avvicinato a questa religione. Perché di questa scelta? io rispondo perché no. Le idee sono di pace e rispetto ed è solo che una cosa meravigliosa. Mi trovo molto impacciato, sopratutto a fare Gonkyo. Sono solo all'inizio di tutto ma è affascinante e mi da una grande forza. Un saluto con affetto a tutti voi.

    RispondiElimina


  53. ciao mi chiamo liliana abito a rimini , 2 anni fà un amico mi ha regalato un piccolo libricino
    il sutra del loto , per un p'ho non ho capito,
    poi ho cominciato a recitarlo oggi posso dire
    che mi a aiutato molto , e continua a farlo!!

    RispondiElimina
  54. ciao mi chiamo Patrizia abito nella provincia di Roma. Ho 55 anni e ieri sera per la prima volta ho partecipato ad un incontro buddista qui nel mio paese ed ho recitato il Daimoku ..... mi sto' avvicinando a questa pratica in cerca di serenita' dentro di me e mi sento molto contenta di essere riuscita a fare questa prima scelta....non è facile decidere di continuare ma voglio provarci con fede
    saluti a tutti

    RispondiElimina
  55. ciao mi chiamo giovanna ti capisco all'inizio e' tutto strano ma se sei attenta agli effetti che ricevi non riesci a farne a meno ogni giorno e' come parlo per me ovviamente ripartire alla grande con energia nuova.
    A presto
    Giovanna

    RispondiElimina
  56. Ciao, sono Antonella , da Verona e mi fa molto piacere essere qui con voi... Ho iniziato da poco a praticare con il mio juzu ma non so dove trovare il libretto con il testo del gongyo. Mi potete aiutare?
    Grazie infinite

    RispondiElimina
  57. @Antonella lo puoi trovare (a volte) nelle librerie Feltrinelli o pure ordinandolo QUI in questo caso ci sono le spese di spedizione. Ciao

    RispondiElimina
  58. Grazie Silvano, provvederò.. ma è normale sentirsi un po tristi quando si pratica gongyo e daimoku? Ammetto che subito dopo mi sento piena di energie, quasi piu sollevata ma allo stesso tempo sono triste, abbattuta... Antonella

    RispondiElimina
  59. Sto lottando contro la mia brutta natura, la pratica mi sta aiutando. Ho deciso di diventare membro, per avere il coraggio di superare i miei limiti, e chiedo cortesemente a tutti quelli che leggeranno, di ricordarmi nelle loro preghiere, perché ho bisogno di tanti pensieri positivi, certo della vostra comprensione vi ringrazio di vero cuore e vi auguro tanta serenità. GRAZIE GRAZIE GRAZIE

    RispondiElimina
  60. Ciao!! Sono luisa. Scusatemi ma ho un dubbio lancinante.. Si può fare gongyo con un gohonzon di una persona che non ci sta tanto simpatica e che abbiamo una brutta opinione di lei?? Ho paura che sia una cosa un pò ipocrita !!l luisa

    RispondiElimina
  61. Ciao a tutti, la notte si pratica? E perche i grandi maestri praticavano dalle 02 alle 04 di notte? Grazie anticipatamente

    RispondiElimina
  62. salve a tutti sono Stefano 21 anni pratico da qualche mese, volevo chiedervi che tipo di meditazione praticate? mi spiego sgombrate la mente oppure focalizzate i pensieri su qualcosa? meditate prima o dopo aver recitato gongyo e daimoku? grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao stefano piacere mi chiamo elena. Non serve sgombrare la mente anche perche non sempre si riesce a farlo, dovresti concrentarti sul suono melodico della tua voce cioe' praticare con voce seria e decisa e soprattutto fallo con il cuore. Vedrai che tutto il resto ti viene naturale... Per il gonkio invece alle recitazioni di gruppo prima si fa il daimoku poi alla fine il gonkio da solo puoi fare prima gonkio e poi daimoku ma sempre con la determinazione del cuore. Buona fortuna ciao

      Elimina
  63. Salve, mi chiamo Antonio. Mi sto riavvicinando al Buddismo ed alla pratica da un pò di tempo a questa parte. Già una volta in passato ho avuto modo di frequentare anche un gruppo praticante e di leggere qualche libro. Mi sento in colpa per aver smesso di fare pratica anche se ho iniziato di nuovo frequentando anche un gruppo. Ho un peso nel cuore e so che pregando scomparirà come già avvenne in passato. Auguro a tutti voi poter sentire la leggerezza e la gioia nel cuore.

    RispondiElimina
  64. Salve a tutti, ho riniziato apraticare dopo 26 anni, non lo avrei mai detto!...oggi sono molto felice sopratutto del fatto che ho riniziato con mia figlia che attualmente ha la mia stessa età di quando ho incontrato il gohonzon la prima volta...
    Grazie!
    Alessandra da Firenze

    RispondiElimina
  65. Salve mi chiamo Maia e vorrei sapere se c'è alcun meeting a Torino vicino a zona San Paolo, vorrei praticare un di più ma per problema di lavoro, cerco alcun gruppo piu vicino a me...

    RispondiElimina
  66. Salve mi chiamo Maia e vorrei sapere se c'è alcun meeting a Torino vicino a zona San Paolo, vorrei praticare un di più ma per problema di lavoro, cerco alcun gruppo piu vicino a me...

    RispondiElimina
  67. E' tanto tempo che sono incuriosita dal buddismo, e finalmente adesso sto iniziando il mio cammino. Mi piace, e mi da sensazioni nuove che devo analizzare e capire. Sarà una strada lunga :-)

    RispondiElimina
  68. Salve a tutti, dopo molti anni di allontanamento mi sto riavvicinando , avrei bisogno gentilmente di sapere se c'è un gruppo a Chivasso, (provincia di Torino). Ho telefonato alla SG di Torino, ma non ho avuto una risposta soddisfacente.Vi ringrazio anticipatamente.

    RispondiElimina
  69. Utilizzate la bacheca e non un post a caso per le richieste. >> La Bacheca

    RispondiElimina
  70. Ciao, è vietato recitare il gongyo vecchio? quello "lungo"? oppure posso alternare la mia recitazione del gongyo attuale con quello vecchio, quando ho un po' più di tempo da dedicarvi?

    RispondiElimina

Posta un commento