Il Sutra del Loto #98

Il Mutuo Possesso dei Dieci Mondi e Ichinen Sanzen

Spiegando i dieci fattori e la vera entità di tutti i fenomeni, in un certo senso, Shakyamuni ha espresso il contenuto della saggezza del Budda. Più avanti nel capitolo Sul mezzo spiega l’unico insegnamento del Budda (l’unico veicolo) che “apre la porta”, “mostra”, “risveglia gli esseri viventi” e “li induce ad imboccare” il sentiero della saggezza del Budda. E chiarisce che i tre tipi di insegnamento (i tre veicoli) esposti prima del Sutra del Loto per il bene degli uomini di studio, dei pratyekabuddha e dei bodhisattva, sono degli espedienti. Questo è “sostituire i tre veicoli con l’unico veicolo”, e il brano che spiega la vera entità dei dieci fattori ne è il cuore.
Il Gran Maestro cinese T’ien-t’ai fondò la sua dottrina essenziale di ichinen sanzen (tremila mondi in un solo istante di vita) su questo brano e sul concetto di mutuo possesso dei dieci mondi.
L’insegnamento del Sutra del Loto, che schiude ad ognuno di noi la saggezza del Budda, è la rivelazione che tutti gli esseri dei nove mondi possiedono la Buddità. Basandosi su questo mistico principio, T’ien-t’ai espresse l’imperscrutabile vera entità attraverso i concetti del mutuo possesso dei dieci mondi (che ognuno dei dieci mondi è dotato di tutti i dieci mondi) e dei cento mondi e dei mille fattori (che ognuno dei cento mondi è dotato dei dieci fattori). Viene poi spiegato il regno dell’ ambiente nel brano del capitolo Juryo (Durata della vita), che dice che questo mondo di saha è la terra dove il Budda dimora in eterno, e su questa base T’ien-t’ai completa la dottrina di ichinen sanzen, spiegando che i mille fattori contengono i tre regni.
A tale proposito, Nichiren Daishonin afferma: «La dottrina di ichinen sanzen deriva dai dieci fattori contenuti nel primo volume (degli otto ) del Sutra del Loto » (Gosho Zenshu, pag.412).
A questo punto la vera entità dei dieci fattori si fa cruciale, poiché suggerisce che tutti gli esseri dei dieci mondi possono diventare dei Budda.
Dire che gli esseri dei dieci mondi possiedono tutti i dieci fattori non è altro che la conferma che, per l’occhio del Budda, non esiste differenza fra la sua vita e quella delle altre persone. L’ Illuminazione diviene allora una certezza per tutte le persone.
Il Daishonin esalta l’importanza di questo brano dicendo: «Il vero motivo dell’avvento del Budda in questo mondo è il Sutra del Loto, l’insegnamento fondamentale che permette a tutti gli esseri viventi di entrare nella via del Budda. Questa dottrina, tutta- via, deve essere cercata solo nella fra- se di quattro caratteri della vera entità di tutti i fenomeni. Questa singola fra- se contiene un significato immenso» (Gosho Zenshu, pag. 1139).

Commenti

Posta un commento