Post

Visualizzazione dei post da Ottobre, 2012

Io ha detto...

Immagine
Felice giornata a te che mi leggi. La nostra vità è come il cielo: le nuvole sono il nostro umore un pò grigio, la pioggia le nostre lacrime dovute ad eventi sofferenti e il sole la nostra gioia. Non dimentichiamoci mai però che un buon vento è sempre pronto a spazzare le nuvole per ricordarci che sotto di esse un meraviglioso sole è pronto ad illuminarci. NAM MYOHO RENGE KYO.

Frase dal Gosho - 31 ottobre 2012

"I ruscelli si riuniscono per formare il grande mare e i granelli di polvere si accumulano per formare il monte Sumeru. Quando all'inizio io, Nichiren, presi fede nel Sutra del Loto, ero come un'unica goccia d'acqua o un singolo granello di polvere in tutto il Giappone. Ma poi, quando due, tre, dieci, cento, mille, diecimila, un milione di persone reciteranno il Sutra del Loto e lo insegneranno ad altri, formeranno un monte Sumeru di perfetta illuminazione, un grande mare di grande nirvana! Non cercare nessun'altra via per conseguire la Buddita`!"
Dal Gosho n. 66 "La scelta del tempo" (Raccolta degli scritti di Nichiren Daishonin, volume I, pag. 520, 521)

Non sono più “sempre il solito”

Immagine
«Quando tutto culminò nell’agognata iniezione il mio malessere invece di svanire aumentò, mi veniva da vomitare: era terribile. La sera, recitando Daimoku, chiesi scusa alla mia vita».
Ho cominciato a fumare droghe leggere quando avevo quattordici anni. I miei genitori non volevano che uscissi la sera e chiudevano la porta a chiave; così mi toccava uscire dalla finestra sapendo che quando tornavo le avrei prese. Ma l’anno dopo mio padre morì e così la mia libertà non ebbe più freni. Mia madre era molto buona e dolce e dialogava con me nella speranza di riuscire a farmi capire quale fosse la strada giusta. Qualche anno dopo iniziai ad assumere LSD con assiduità e a diciotto anni facevo uso di droghe pesanti di tutti i tipi: quella che preferivo era l’eroina.

Frase dal Gosho - 30 ottobre 2012

"Dovete sempre parlare gli uni con gli altri per liberarvi dalle sofferenze di nascita e morte e raggiungere la pura terra del Picco dell'Aquila, dove vi scambierete un cenno di assenso e parlerete con una sola mente"
Da "I fiori e i semi" (gli scritti di Nichiren Daishonin, vol. 4, pag. 34)

Il Sutra del Loto #99

Immagine
Confutazione della mancanza di pratica nella scuola Tendai
C’ è un significato rivoluzionario nel fatto che, dal punto di vista dell’ insegnamento del Daishonin, la vera entità di tutti i fenomeni è il Gohonzon. Lo scopo del Buddismo di T’ien-t’ai era cogliere la vera entità di tutti i fenomeni nel proprio cuore seguendo la pratica di osservare la propria mente (kanjin) e percependovi la Legge che è inscindibile da tutti i fenomeni. Tuttavia, questo spirito fu poi distorto dagli studiosi della scuola Tendai al punto che al tempo del Daishonin essa era talmente in declino, da negare valore alla pratica buddista. In poche parole, l’ idea era che, dal momento che la vera entità è una cosa sola con tutti i fenomeni, tanto valeva lasciare le cose come stavano: si era un Budda anche senza svolgere alcuna pratica. Tutto degenerò, perché era stato distrutto lo spirito di T’ien-t’ai. Limitarsi a dire che una realtà fatta di inquinamento e sofferenza è di per sé la vera entità non può condurre …

Frase dal Gosho - 29 ottobre 2012

"Un fuoco brucia piu` alto quando si aggiungono dei ceppi e un forte vento fa gonfiare il kalakula. Il pino vive diecimila anni, percio` i suoi rami si piegano e si contorcono. Il devoto del Sutra del Loto e` come il fuoco e il kalakula, mentre le sue persecuzioni sono come i ceppi e il vento. Il devoto del Sutra del Loto e` il Tathagata la cui durata della vita e` incommensurabile; non c'e` da stupirsi che la sua pratica sia ostacolata, proprio come i rami del pino sono piegati o spezzati. D'ora in avanti, ricorda sempre le parole: "Questo sutra e` difficile da sostenere"."
Dal Gosho n. 56 "La difficolta` di mantenere la fede" (Raccolta degli scritti di Nichiren Daishonin, volume I, pag. 417, 418)

Frase dal Gosho - 28 ottobre 2012

"Il Sutra del Loto e` il bastone che sostiene tutti i Budda delle tre esistenze sul sentiero dell'Illuminazione. Dovresti tuttavia affidarti a Nichiren e farne il tuo bastone. Se usiamo un bastone non cadremo lungo gli scoscesi sentieri di montagna o sulle strade ripide e soprattutto, se siamo presi per mano, non inciamperemo. Nam-myoho-renge-kyo sara` il tuo bastone per superare le montagne della morte."
Da "Le spade del bene e del male" (gli scritti di Nichiren Daishonin, vol. 4, pag. 198)

Frase dal Gosho - 27 ottobre 2012

"Nel quinto periodo di cinquecento anni dopo la mia morte, realizzate kosen-rufu nel mondo e non permettete che il suo flusso cessi. E non permettete mai che il demone, la gente del demone, le divinita`, i draghi, gli yaksha, i kumbhanda ed esseri simili prendano il sopravvento".
Da "Ripagare i debiti di gratitudine" (gli scritti di Nichiren Daishonin, vol. 2, pag. 217)

Il significato del Juzu

Immagine
Il juzu è uno degli accessori della pratica buddista. In origine veniva utilizzato nel brahmanesimo e solo successivamente fu adottato dal Buddismo. All’inizio veniva usato dai monaci per contare i giorni oppure per contare quante volte si pregava per il Budda. Il significato letterale dei due ideogrammi giapponesi è “numero di grani”. In pratica questo oggetto veniva usato per contare il numero dei Daimoku recitati. La parte con tre estremità viene messa intorno al dito medio della mano destra e quella con due estremità intorno al dito medio della mano sinistra. La parte centrale del juzu viene girata una volta. Le tre estremità simboleggiano la testa e le braccia, la parte centrale sovrapposta simboleggia l’ombelico, mentre le altre due estremità simboleggiano le gambe. Il juzu, in tal senso, rappresenta il corpo umano. I grani piccoli sono 108 e rappresentano simbolicamente i desideri terreni. Ci sono altri quattro grani ancora più piccoli che rappresentano i quattro Bodhisattva c…

Frase dal Gosho - 26 ottobre 2012

"il sutra afferma: "Dopo la mia morte, dovete abbracciare questo sutra. Quelli che lo faranno percorreranno la diretta via verso la Buddita`". Non dubitare mai minimamente, ma mantieni la tua fede, poiche' questa e` la pratica per raggiungere la Buddita` in questa esistenza."
Da "Il raggiungimento della Buddita` in questa esistenza" (gli scritti di Nichiren Daishonin, vol. 4, pag. 3)

Tra-sform-azione #2/4

Immagine
Le risorse creative della meditazione
“Brevissima, invece e piena di angosce è la vita di chi dimentica il passato, trascura il presente e ha paura del futuro” Seneca, Lettera a Lucilio.
Ma come trovare la forza e la determinazione per vincere la paura, per scrollarsi di dosso inerzia e apatia? Il Buddismo di Nichiren Daishonin dice che per trasformare gli aspetti negativi del proprio carattere e le situazioni che fanno soffrire non serve un astratto “devo, devo”, né uno stizzoso ostinarsi nel ripetere le stesse soluzioni che la razionalità da sempre ci propone. Per realizzare il nostro pieno potenzialeo – detto altrimenti – per far emergere il nostro vero io sviluppando a poco a poco gli aspetti migliori del carattere, occorre affidarsi a un livello più profondo della nostra vita, attingendo a risorse di energia, di intuizione e di creatività che si trovano in quella che il Buddismo chiama nona coscienza, la coscienza amala, libera dai condizionamenti del karma. Allora lo scatto in av…

Frase dal Gosho - 25 ottobre 2012

"Quando in passato il bodhisattva Fukyo ("Che Non Disprezza Mai") diffuse la Legge, monaci monache che avevano fama di saggi e che osservavano tutte le duecentocinquanta regole monastiche, si riunirono in una grande assemblea e istigarono astutamente uomini e donne laici a offendere e attaccare il bodhisattva Fukyo. Ma questi non penso` mai di smettere e continuo` a diffondere il Sutra del Loto fin quando raggiunse la Buddita`."
Da "Risposta a Myoho Bikuni" (gli scritti di Nichiren Daishonin, vol. 1, pag. 65)

Tatjana ha detto...

Immagine
Seguo questo blog con l'immenso piacere da qualche tempo. Appartenere alla Soka Gakai ha portato nella mia vita la bellezza dell’essere consapevole del valore di ogni istante che passa. In tutte le sue sfaccettature. Ho incontrato delle persone meravigliose, e il mio quotidiano guardarmi allo specchio davanti al Gohonzon è sorprendente scoperta, nel dire sì, sì alla vita, sì al pensiero positivo, sì alla bontà d’animo, con il costante desiderio di spogliarmi di ogni giudizio. Per poter dividere con gli altri, e donare gli altri, passando attraverso la propria rivoluzione umana.
Un abbraccio a tutti i viandanti di questo spazio virtuale, e anche a chi sa incasellare le parole per farci sentire questo luogo come se fosse il nostro. O forse lo è, perché nulla e per caso. 
Grazie Tatjana

Frase dal Gosho - 24 ottobre 2012

"Il Sutra del Loto ci insegna: "Vita dopo vita essi rinacquero sempre con i propri maestri nelle terre del Budda di tutto l'universo" e "Se qualcuno avvicina un maestro della Legge, otterra` presto la condizione di bodhisattva. Se segue questo maestro e studia sotto la sua guida, sara` in grado di vedere tanti Budda quanti sono i granelli di sabbia del fiume Gange"
Da "Ammonimenti contro la calunnia" (gli scritti di Nichiren Daishonin, vol. 4, pag. 100)

Il valore delle cose

Immagine
"Malgrado mi dicessero, e lo sapevo anch’io, che dovevo comunque essere grata per avere sconfitto la malattia, questo disagio estetico mi provocava una grande sofferenza ... Cercavo, come spesso succede, di trovare una soluzione razionale e il buio era totale."
Vorrei sfatare la cattiva nomea del 17 che per me si è rivelato un numero fortunato. Era il 17 gennaio quando ho iniziato a praticare il Buddismo a Lucca, la città dove ho vissuto per dieci anni. I primi benefici sono stati interiori. Ero infatti una persona estremamente pessimista e angosciata, qualsiasi cosa intraprendessi pensavo già in partenza che sarebbe andata male e vivevo lunghi periodi di depressione durante i quali mi capitava anche di pensare al suicidio. Spesso ricorrevo a tranquillanti e ansiolitici che finivano col deprimermi ancora di più. Non avevo problemi gravi, ma vivevo una crisi esistenziale e perciò era più difficile trovare rimedi.

Frase dal Gosho - 23 ottobre 2012

"Kangyo-soku e` uno dei sei stadi della pratica del perfetto insegnamento e sta a indicare che una persona agisce come parla e parla come agisce. Coloro che sono nello stadio di ri-soku e myoji-soku credono nel perfetto insegnamento, ma solo a parole, non con le azioni. Per esempio, molte persone studiano i libri dei tre grandi sovrani e dei cinque imperatori, ma non vi e` neanche un caso su dieci milioni in cui un paese sia stato governato come insegnavano quegli antichi saggi cinesi. E` molto difficile costruire una societa` pacifica. Si puo` recitare perfettamente il Sutra nel Loto, ma e` ben piu` difficile metterne in pratica gli insegnamenti."
Da "Alleggerimento della retribuzione karmica" (gli scritti di Nichiren Daishonin, vol. 4, pag. 93)

Il Sutra del Loto #98

Immagine
Il Mutuo Possesso dei Dieci Mondi e Ichinen Sanzen
Spiegando i dieci fattori e la vera entità di tutti i fenomeni, in un certo senso, Shakyamuni ha espresso il contenuto della saggezza del Budda. Più avanti nel capitolo Sul mezzo spiega l’unico insegnamento del Budda (l’unico veicolo) che “apre la porta”, “mostra”, “risveglia gli esseri viventi” e “li induce ad imboccare” il sentiero della saggezza del Budda. E chiarisce che i tre tipi di insegnamento (i tre veicoli) esposti prima del Sutra del Loto per il bene degli uomini di studio, dei pratyekabuddha e dei bodhisattva, sono degli espedienti. Questo è “sostituire i tre veicoli con l’unico veicolo”, e il brano che spiega la vera entità dei dieci fattori ne è il cuore. Il Gran Maestro cinese T’ien-t’ai fondò la sua dottrina essenziale di ichinen sanzen (tremila mondi in un solo istante di vita) su questo brano e sul concetto di mutuo possesso dei dieci mondi. L’insegnamento del Sutra del Loto, che schiude ad ognuno di noi la saggezza …

Frase dal Gosho - 22 ottobre 2012

"Un albero che e` stato trapiantato non vacillera`, anche in presenza di forti venti, se vi e` un solido palo che lo sostiene. Ma anche un albero cresciuto nella sua sede naturale puo` crollare se le sue radici sono deboli. Anche una persona debole non cadra` se coloro che la sostengono sono forti, ma una persona di notevole forza, se si trova sola, potrebbe perdere l'equilibrio lungo un sentiero accidentato."
Da "I tre maestri del tripitaka pregano per la pioggia" (gli scritti di Nichiren Daishonin, vol. 8, pag. 201)

Frase dal Gosho - 21 ottobre 2012

"Dato che il Sutra del Loto definisce il nostro corpo come il corpo del Dharma di un Tathagata, la nostra mente come il corpo di ricompensa di un Tathagata e le nostre azioni come il corpo manifesto di un Tathagata, tutti quelli che abbracciano e credono anche in una singola frase o verso di questo sutra saranno dotati dei benefici di questi tre corpi. Nam-myohorenge- kyo e` solo una frase o un verso, ma non e` una frase come tutte le altre perche' e` l'essenza dell'intero sutra."
Dal Gosho n. 121 "L'unica frase essenziale" (Raccolta degli scritti di Nichiren Daishonin, volume I, pag. 820)

Frase dal Gosho - 20 ottobre 2012

"Le radici della fortuna non dipendono dal fatto che le offerte siano grandi o piccole. I meriti acquisiti differiranno in vari modi a seconda del paese, della persona e del tempo. Per esempio, se qualcuno essicca del letame, lo sbriciola, lo setaccia e lo modella a forma di albero di sandalo, di donna, di dea celeste o di Budda, quando lo brucera` non emanera` altra fragranza che la puzza del letame. Allo stesso modo, se una persona uccide o ruba per impadronirsi delle primizie del raccolto altrui e le offre per acquisire merito e fortuna, vedra` quell'offerta trasformarsi in una cattiva azione."
Dal Gosho n. 163 "Le radici della fortuna" (Raccolta degli scritti di Nichiren Daishonin, volume I, pag. 978)

Pregare perché appaiano giovani coraggiosi e pieni di vigore

Immagine
“Esercitarsi” significa impegnarsi con coraggio e vigore. Senza coraggio ed energia non c’è vero impegno. Anche il primo presidente della Soka Gakkai, Tsunesaburo Makiguchi, condusse una vita di ricerca continua, coraggiosa ed energica. Una volta disse ai giovani: «Applicatevi con coraggio e vigore! Il Buddismo è azione; significa darsi da fare costantemente. È quello che faccio io, persino alla mia età». Anche il presidente Toda disse ai giovani: «I giovani che desiderano la felicità dell’umanità dovrebbero per primi ricercare l’essenza di questa nobile filosofia della rivoluzione umana e impegnarsi con coraggio e vigore per combattere e vincere su ogni manifestazione dei tre potenti nemici, dei tre ostacoli e dei quattro demoni». Io la penso allo stesso modo e prego ardentemente che in tutto il mondo appaiano giovani discepoli coraggiosi e pieni di vigore. Ogni giorno prego per questo, con tutto il cuore. Impegnarsi con coraggio e vigore è veramente il segno distintivo dello spirit…

Frase dal Gosho - 19 ottobre 2012

"Viveva una volta in India una donna gelosa che, per odio verso il marito, distrusse tutto cio` che c'era in casa. La rabbia furibonda le altero` i tratti del volto: i suoi occhi ardevano come il sole e la luna e la sua bocca pareva vomitare fiamme. Somigliava a un demone rosso o a un demone blu. Essa afferro` il quinto volume del Sutra del Loto che il marito recitava da alcuni anni, e lo calpesto` furiosamente con entrambi i piedi. Quando poi mori`, cadde nell'inferno, ma i suoi piedi non vi entrarono. Per quanto i guardiani dell'inferno li colpissero con mazze di ferro, i piedi rimasero fuori, come beneficio della relazione inversa formata calpestando il Sutra del Loto."
Dal Gosho n. 131 "Persecuzione con spade e bastoni" (Raccolta degli scritti di Nichiren Daishonin, volume I, pag. 854)

Tra-sform-azione #1/4

Immagine
L’impermanenza di tutti i fenomeni è la profonda verità rivelata dal Budda. Riuscire a comprendere e ad accettare questo principio è necessario per vivere felici.
Un giovane chiamato Sessen Doji viveva, molto tempo fa, sulle montagne nevose, raccogliendo frutti e coprendosi con pelle di cervo: cercava la Via dell’Illuminazione per liberarsi dalle illusioni. Osservando attentamente il mondo aveva visto la transitorietà di tutte le cose e la condizione di incertezza e di impermanenza che domina gli esseri viventi, ma non era ancora riuscito a sapere nulla sul Grande veicolo. Un giorno, però, udì una fievole voce che diceva: «Tutto è mutevole, niente è costante. Questa è la legge di nascita e morte». Sorpreso, si guardò intorno ma non vide nessuno eccetto un Demone dall’aspetto terrificante: i capelli erano come fiamme, i denti erano spade sporgenti e gli occhi lo fissavano ferocemente. Vedendolo, racconta Nichiren Daishonin nello scritto Le quattordici offese, il giovane non si spaventò;…

Frase dal Gosho - 18 ottobre 2012

"Sviluppa sempre piu` la tua fede fino all'ultimo momento della tua vita, altrimenti avrai dei rimpianti. Per esempio, il viaggio da Kamakura a Kyoto dura dodici giorni: se viaggi per undici giorni e ti fermi quando ne manca uno solo, come puoi ammirare la luna sopra la capitale?"
Dal Gosho n. 145 "Lettera da Niiike" (Raccolta degli scritti di Nichiren Daishonin, volume I, pag. 911)

Pablita ha detto...

Immagine
Grazie per tutti i vostri incoraggiamenti. Baci

Frase dal Gosho - 17 ottobre 2012

"Quelli che credono nel Sutra del Loto sono come l'inverno, che si trasforma sempre in primavera. Non ho mai visto ne' udito di un inverno che si sia trasformato in autunno, ne' ho mai sentito di alcun credente del Sutra del Loto che sia rimasto un comune mortale."
Da "L'inverno si trasforma sempre in primavera" (gli scritti di Nichiren Daishonin, vol. 4, pag. 209)

Alla scoperta di quello che conta

Immagine
Le realizzazioni personali sono importanti, ma ben più importante è quel cambiamento profondo che permette alla vita di sbocciare in tutti i suoi aspetti, senza dover rinunciare a niente.
Sono felice! Ho appena terminato una splendida riunione con un’ospite preziosa che viene da un’altra città e che ha incoraggiato tutti; fra tre giorni mia madre, la più importante fra le persone che ho introdotto al Buddismo, prenderà il Gohonzon. Come se non bastasse, mi telefonano dalla redazione del Nuovo Rinascimento per sapere se voglio scrivere la mia esperienza per il giornale. Sono entusiasta, quante volte ho tratto gioia e spinta vitale dalle esperienze del giornale, finalmente posso raccontare anch’io la mia storia esprimendo in questo modo tutta la mia gratitudine. Pratico il Buddismo da molti anni, dopo che per due mesi avevo perso tempo a sfottere mia moglie che aveva cominciato a praticare prima di me e me ne aveva parlato. Ho iniziato quasi per sfida: ero ufficiale medico in Marina, i…

Frase dal Gosho - 16 ottobre 2012

"Sii fermamente convinto che Shakyamuni, Taho e tutti i Budda delle dieci direzioni si aduneranno nel tuo corpo per aiutarti."
Da "Lettera a Yasaburo" (gli scritti di Nichiren Daishonin, vol. 8, pag. 169)

Il Sutra del Loto #97

Immagine
Il Gohonzon e la vera entità di tutti i fenomeni
Nel Gosho La vera entità della vita Nichiren Daishonin spiega il significato fondamentale della vera entità dei dieci fattori in risposta alla domanda posta riguardo a questo brano tratto dal capitolo Sul mezzo dal suo discepolo Sairen-bo, che si ritiene fosse stato un erudito della setta Tendai, e un instancabile studioso del Buddismo. All’inizio di questo Gosho il Daishonin spiega che il brano «significa che le entità degli esseri viventi e dei loro ambienti in ciascuno dei dieci mondi, dall’ Inferno il più basso alla Buddità il più elevato, sono tutte, senza eccezioni, manifestazioni di Myoho-renge-kyo» (Gli scritti di Nichiren Daishonin, vol. 4, pag. 229). In altre parole, la vita (tutti i fenomeni) che subisce continui e costanti cambiamenti, è la manifestazione di Nam-myoho-renge-kyo (vera entità). L’intero universo è di per sé la Legge mistica. Tutte le cose nella natura sono come il canto, la danza, il dramma, la poesia, la nasc…

Frase dal Gosho - 15 ottobre 2012

"Un commentario dice: "Sia l'essere vivente sia il suo ambiente manifestano sempre Myoho-renge-kyo". Un altro afferma: "Il vero aspetto si manifesta invariabilmente in tutti i fenomeni e tutti i fenomeni si manifestano invariabilmente nei dieci fattori. I dieci fattori si manifestano invariabilmente nei Dieci mondi e i Dieci mondi si manifestano invariabilmente in "corpo e terra"" e: "Sia gli esseri sia l'ambiente dell'inferno Avichi esistono interamente nella vita del supremo santo [il Budda] e, ancor piu` importante, corpo e terra del [Budda] Vairochana non trascendono la vita degli esseri comuni"."
Dal Gosho n. 40 "Il vero aspetto di tutti i fenomeni" (Raccolta degli scritti di Nichiren Daishonin, volume I, pag. 339)

Frase dal Gosho - 14 ottobre 2012

"Persino una sola parola o frase dell'insegnamento corretto, se e` adatta al tempo e alle capacita` delle persone, permettera` di raggiungere la via mentre, anche studiando mille sutra o diecimila trattati, non si conseguira` la Buddita` se questi insegnamenti non si accordano con il tempo e le capacita` delle persone."
Da "Lettera da Sado" (Raccolta degli scritti di Nichiren Daishonin, volume I, pag. 267)

Frase dal Gosho - 13 ottobre 2012

"I nostri contemporanei considerano i cinque ideogrammi di Myoho-renge-kyo solo come un titolo, ma sbagliano: quei cinque ideogrammi sono l'entita`, cioe` il cuore del Sutra del Loto. Chang-an dichiara: "Senza dubbio la prefazione chiarisce il significato segreto dell'intero sutra e il significato segreto racchiude lo spirito del testo". Secondo questa interpretazione, Myoho-renge-kyo non e` ne' il testo, ne' il suo significato, ma e` il cuore dell'intero sutra."
Da "Cosi` ho udito" (gli scritti di Nichiren Daishonin, vol. 5, pag. 100)

Nam myoho renge kyo è una pratica diligente

Immagine
Il Daishonin si sforzò di condividere la suprema condizione interiore del conseguimento della Buddità in questa esistenza con tutti i suoi seguaci, e di fatto con tutto il genere umano. La vera grandezza della recitazione di Nam myoho renge kyo è che essa permette a ogni persona di manifestare la stessa condizione vitale del Budda e condurre un’esistenza di suprema profondità e significato, come indica il famoso passo della Raccolta degli insegnamenti orali: «Se in un singolo istante di vita esauriamo le sofferenze e gli sforzi di milioni di kalpa, allora istante dopo istante sorgeranno in noi i tre corpi del Budda di cui siamo eternamente dotati. Nam myoho renge kyo è proprio una tale pratica diligente». Sin dal momento in cui mi fu spiegata dal secondo presidente della Soka Gakkai, Josei Toda, questa frase è diventata il motto in base al quale sono vissuto. In tutte le mie battaglie ho sempre tenuto a mente queste parole. Il capitolo quindicesimo del Sutra del Loto, Emergere dalla t…

Frase dal Gosho - 12 ottobre 2012

"Il piu` grande di tutti i mali produce conseguenze che non colpiscono solo chi l'ha commesso, ma si estendono ai suoi figli, nipoti e cosi` via fino alla settima generazione. E lo stesso vale per il piu` grande di tutti i beni. Poiche` il Venerabile Maudgalyayana ripose fede nel Sutra del Loto che e` il massimo bene che esista, non solo lui, ma anche suo padre e sua madre ottennero la Buddita`. E come se non bastasse, anche tutti i padri e le madri delle sette generazioni precedenti e delle sette generazioni successive, e in verita` di innumerevoli vite precedenti e successive, furono in grado di ottenere la Buddita`, per quanto incredibile possa sembrare."
Da "Sull'Urabon" (gli scritti di Nichiren Daishonin, vol. 9, pag. 233)

Soku, il principio di trasformazione

Da un punto di vista teorico qual è il principio che spiega la trasformazione dal momento che non esistono formule magiche, miracolose pillole di Cunegonda, né esseri divini che si calino per noi lungo i cornicioni dell’eternità? Negli scritti di Nichiren Daishonin si incontra spesso il termine soku a legare concetti apparentemente lontanissimi, se non addirittura opposti come desideri terreni e illuminazione, sofferenza di nascita e morte e nirvana. In frasi come bonno soku bodai (i desideri terreni sono Illuminazione) soku viene tradotto con l’indicativo presente del verbo essere anche se l’espressione giapponese è più ricca di significati: contiene una connotazione di tempo che indica rapidità, mentre l’espressione nel suo insieme afferma che i desideri terreni possono essere Illuminazione, ma non lo sono di per sé. Desideri e Illuminazione, si è detto spesso, sono due cose opposte agli occhi di un comune mortale (come spiega il terzo significato attribuito a soku dalla dottrina d…

Frase dal Gosho - 11 ottobre 2012

"Ahime'! E` un peccato che la gente volga le spalle agli illuminati comandamenti del Budda! [...] Se vogliamo ristabilire ordine e tranquillita` nel mondo senza ulteriore ritardo, dobbiamo a qualunque costo porre fine alle offese alla Legge in tutto il paese"
nic

Io ha detto...

Immagine
Un immenso abbraccio alla vita. Non diamo mai nulla per scontato: ogni persona, ogni attimo, ogni avvenimento hanno molto da insegnarci. I nostri occhi, il nostro cuore deve guardare oltre l'apparenza. NAM MYOHO RENGE KYO.

Frase dal Gosho - 10 ottobre 2012

"Ogni volta che senti la mia mancanza, guarda il sole che sorge [al mattino] e la luna che sorge la sera. In qualsiasi momento io saro` riflesso nel sole e nella luna. Nella prossima vita incontriamoci nella pura terra del Picco dell'Aquila."
Da "Lettera alla monaca laica di Ko" (Raccolta degli scritti di Nichiren Daishonin, volume I, pag. 530)

Dove sta la libertà?

Immagine
«Avrei voluto lasciare Paolo e fuggire in qualche paese lontano. Ma, se lui era il mio specchio, come insegna il Buddismo, dovevo solo ricominciare da me e tornare davanti al Gohonzon per superare i miei limiti, che non mi permettevano di vedere la realtà"
Mi sono sempre considerata uno spirito libero, sostenendo che l’amore eterno non esiste e che gli uomini sono tutti uguali! Forse per l’esempio di mio padre, che pur essendo un buon genitore, non è stato un marito esemplare, avevo sviluppato una visione distorta del maschio, scegliendo il partner con caratteristiche simili alle sue: un gran cuore, ma anche egoista, infedele, collerico. Giovanissima ho provato a sposarmi, ma solo perché esisteva il divorzio! Le mie storie d’amore si sono sempre bruciate in fretta, tanto ho sempre detto che a me una relazione duratura non interessava. Mi ero creata l’immagine della donna forte e indipendente, che non aveva bisogno di nessuno, ma probabilmente non ammettevo nemmeno a me stessa che…

Frase dal Gosho - 9 ottobre 2012

"Fra i miei discepoli, quelli che credono di conoscere bene il Buddismo sono quelli che sbagliano. Nam-myoho-renge-kyo e` il cuore del Sutra del Loto, e` come l'anima di una persona."
Da "L'insegnamento per l'Ultimo giorno della Legge" (Raccolta degli scritti di Nichiren Daishonin, volume I, pag. 802)

Il Sutra del Loto #96

Immagine
La vera entità di tutti i fenomeni
Yui butsu yo butsu. Nai no kujin. Shoho jisso. Sho-i shoho. Nyo ze so. Nyo ze sho. Nyo ze tai. Nyo ze riki. Nyo ze sa. Nyo ze in. Nyo ze en. Nyo ze ka. Nyo ze ho. Nyo ze hon-mak kukyo to.
La vera entità di tutti fenomeni può essere compresa e condivisa solo fra Budda. Questa realtà consiste di aspetto, natura, entità, potere, influenza, causa interna, relazione, effetto latente, effetto manifesto e la loro coerenza dall’inizio alla fine.
Veniamo ora al punto più importante del capitolo Sul mezzo, che tratta della vera entità di tutti i fenomeni e dei dieci fattori. In sostanza cos’è esattamente la saggezza del Budda che Shakyamuni ha lodato fin dall’inizio del capitolo come “infinitamente profonda” e “difficile da comprendere”? Qui egli cerca di spiegarcelo. La vera entità di tutti i fenomeni è la saggezza che può essere compresa e condivisa solo tra Budda, e consiste di dieci fattori: aspetto, natura, entità, potere, influenza, causa interna, causa es…

Frase dal Gosho - 8 ottobre 2012

"Le tre categorie di illusioni - le illusioni del pensiero e del desiderio, le illusioni innumerevoli come granelli di polvere e sabbia e le illusioni sulla vera natura dell'esistenza - e il karma creato dalle dieci azioni malvagie e dai cinque peccati capitali sono come una notte oscura nella mente di tutti gli esseri umani. In questa notte oscura il Sutra della Ghirlanda di fiori e gli altri sutra sono come stelle, mentre il Sutra del Loto e` come la luna. Per coloro che hanno fede nel Sutra del Loto, ma non una fede profonda, e` come se la notte oscura fosse illuminata da mezza luna, ma per coloro che hanno una fede profonda e` come se la notte fosse illuminata dalla luna piena"
Da "L'essenza del capitolo "Re della Medicina"" (Raccolta degli scritti di Nichiren Daishonin, volume I, pag. 81)

Frase dal Gosho - 7 ottobre 2012

"Il fatto che sia perseguitato dalle autorita` dimostra chiaramente la mia fede nel Sutra del Loto. Non c'e` dubbio che la luna cali e cresca e che la marea fluisca e rifluisca; anche nel mio caso, poiche' c'e` gia` stata la punizione, sicuramente ci sara` il beneficio. Cosa c'e` da lamentarsi?"
Da "Lettera da Echi" (Raccolta degli scritti di Nichiren Daishonin, volume I, pag. 169)

Frase dal Gosho - 6 ottobre 2012

"Sii fermamente convinta che i benefici derivanti da questa offerta si estenderanno ai tuoi genitori, ai tuoi nonni e a un infinito numero di esseri viventi, per non parlare di tuo marito che tanto ami."
Da "L'offerta di una veste sfoderata" (Raccolta degli scritti di Nichiren Daishonin, volume I, pag. 474

La strada per lucidare la propria vita: secondo, continuare

Immagine
Inoltre è indispensabile continuare. Continuare è assolutamente indispensabile per conseguire la Buddità in questa esistenza. Il Daishonin afferma: «Accettare è facile, continuare è difficile. Ma la Buddità si trova nel mantenere la fede». Nel Conseguimento della Buddità in questa esistenza possiamo dedurre quanto sia importante la perseveranza dall’enfasi che il Daishonin pone ripetutamente sul bisogno di praticare “notte e giorno” e “con cura”. Continuare a recitare costantemente daimoku è un requisito essenziale per conseguire la Buddità. Scrive il Daishonin: «Quando c’è da soffrire, soffri; quando c’è da gioire, gioisci. Considera allo stesso modo sofferenza e gioia, e continua a recitare Nam myoho renge kyo. Come potrebbe non essere questa la gioia senza limiti della Legge?». Dobbiamo continuare a recitare daimoku sia nei momenti dolorosi sia in quelli felici. Qui l’accento è sulla parola “continuare” e la chiave risiede nel continuare a farlo nella sofferenza e nella gioia. Quan…

Frase dal Gosho - 5 ottobre 2012

"Il sole e` radioso e la luna e` luminosa. Anche le parole del Sutra del Loto sono radiose e luminose, come l'immagine del viso in uno specchio limpido o l'immagine della luna sull'acqua pura. Percio`, come puo` la dichiarazione del Tathagata "nell'esistenza presente saranno ricompensati con la fortuna" e "nell'esistenza presente otterra` una ricompensa visibile per queste azioni" essere vera per tutti tranne che per te, Nanjo Shichiro Jiro? Il Budda dichiaro` che le sue parole non si sarebbero mai rivelate false, neanche in un'era in cui il sole sorga ad ovest o in un tempo in cui la luna spunti dal suolo. Non puo` quindi esserci il minimo dubbio che lo spirito del tuo defunto padre sia ora in presenza del Budda Shakyamuni, il signore degli insegnamenti, e che tu stesso riceverai grandi benefici in questa vita. Com'e` meraviglioso, come e` splendido!"
Da "Fortuna in questa vita" (Raccolta degli scritti di Nichiren Da…

Studio dal vero

Immagine
In viaggio attraverso il Giappone alla ricerca delle tracce di Nichiren Daishonin. Ecco come un membro della SGI britannica, Mahendra Patel, è riuscito a trasformare una semplice vacanza in un’occasione per riscoprire il legame con il proprio maestro.
tratto da UK Express, a cura di Serenella Mete
Nell’ aprile del 1996 mia moglie ed io siamo andati in Giappone, con altre due coppie, per visitare i luoghi più significativi della vita di Nichiren Daishonin. L’ idea di questo viaggio mi venne per la prima volta nel 1995, mentre ero in India a visitare luoghi legati alla vita di Shakyamuni. Fui cosi sorpreso dal fatto che i resti si fossero conservati per migliaia di anni, che nacque spontaneo in me il desiderio di seguire le tracce di Nichiren Daishonin. In fondo, dalla sua morte erano passati solo 713 anni! Con quel viaggio avrei anche avuto l’occasione di celebrare il mio ventesimo anno di pratica buddista. Appena tornato dall’India, ho cominciato a studiare la vita di Nichiren Daishon…

Frase dal Gosho - 4 ottobre 2012

"Come ho gia` affermato varie volte, si dice che dove c'e` una virtu` invisibile ci sara` una ricompensa visibile. I tuoi colleghi samurai hanno parlato male di te al tuo signore ed egli ha anche dubitato che dicessero il vero, ma, poiche' per molti anni hai nutrito il forte e sincero desiderio di salvare il tuo signore nella prossima vita, hai ottenuto questo beneficio. E questo non e` che l'inizio: sii sicuro che la ricompensa grande deve ancora venire."
Da "Virtu` invisibile e ricompensa visibile" (Raccolta degli scritti di Nichiren Daishonin, volume I, pag. 806)

Daniele ha detto...

Immagine
Da quando pratico il buddismo mi sento molto più profondo e riesco a leggere negli occhi delle persone in maniera più semplice. Davvero una cosa sorprendente che non credevo fosse vera quando la prima volta mi è stato detto. Rinnovo l'invito a chiunque pratichi il buddismo di Nichiren Daishonin a scrivermi per scambiare opinioni e perchè no, magari nasce qualche amicizia. Un saluto a tutti Daniele. danielemosconi75@gmail.com

Frase dal Gosho - 3 ottobre 2012

"Alcuni hanno moglie, figli, servi, possedimenti, oro, argento o altri tesori, a seconda della loro condizione. Altri non hanno proprio niente. In ogni caso, che uno possieda delle ricchezze o meno, la vita stessa e` sempre il piu` prezioso dei tesori. Questo e` il motivo per cui i santi e i saggi del passato offrirono la loro vita al Budda, e diventarono loro stessi dei Budda. Sessen Doji offri` il suo corpo a un demone per ricevere in cambio un insegnamento composto da otto caratteri [...] Tali pratiche austere sono per santi e saggi, ma non per la gente comune. Anche i comuni mortali, ad ogni modo, possono raggiungere la Buddita` se nutrono nel proprio cuore un'unica cosa: una fede sincera. Piu` profondamente, una fede sincera e` la volonta` di vivere lo spirito, non le parole, del Sutra."
Da "L'offerta del riso" (gli scritti di Nichiren Daishonin, vol. 4, pag. 285)