Il conseguimento della Buddità in questa esistenza #4/5

Un umanesimo autentico.

Ora vorrei affrontare tre aspetti per i quali la dottrina del Daishonin sul conseguimento della Buddità in questa esistenza è significativa.
Prima di tutto vorrei far notare che, aprendo la strada dell’ottenimento dell’illuminazione in questa vita a tutte le persone attraverso la recitazione del daimoku, il Daishonin istituì per la prima volta una dottrina di autentico umanesimo.
Permettere a tutte le persone di ottenere l’illuminazione è il primo requisito di una religione veramente umanistica. È questo, a mio avviso, il significato religioso e filosofico del principio di conseguire la Buddità in questa esistenza.
Nichiren Daishonin aveva una profonda comprensione del potenziale degli esser i umani: vedeva chiaramente che, grazie a un profondo cambiamento interiore, essi avrebbero potuto liberarsi dal ciclo negativo di trasmigrazioni e crearne uno positivo. Espose così un modo pratico per farlo; perciò nessun altro insegnamento potrebbe maggiormente meritare l’aggettivo “umanistico” del Buddismo del Daishonin.
Nel Vero aspetto di tutti i fenomeni il Daishonin scrive: «In tal caso, sebbene si pensi che Shakyamuni sia dotato delle tre virtù di sovrano, maestro e genitore per il bene di noi tutti, esseri viventi, in realtà non è così. Al contrario sono le persone comuni che lo dotano delle tre virtù». Questo passo mette in evidenza il passaggio da una “religione autoritaria” a una “religione umanistica, centrata sulle persone”. E il Buddismo di Nichiren Daishonin, che stabilisce il mezzo concreto per ottenere l’illuminazione in questa esistenza, rende possibile tale cambiamento di prospettiva.
Quando il primo presidente della Soka Gakkai, Tsunesaburo Makiguchi, formulò la sua teoria del valore, non incluse il concetto di “santità” o “sacralità”, considerato un valore religioso da vari altri filosofi prima di lui. Makiguchi riteneva che il più alto valore che una religione doveva sforzarsi di realizzare fosse il “grande bene”. “Grande bene” significa il massimo valore che gli esseri umani e la società possono creare.
Nella teoria del valore di Makiguchi una vera religione deve servire al benessere degli esseri umani. Aprire la via per il conseguimento della Buddità in questa esistenza, come ha fatto il Daishonin, significa fondare una religione che contribuisce alla felicità degli esseri umani nella maniera più ampia possibile.
Il significato di conseguire la Buddità in questa esistenza dal punto di vista individuale
In secondo luogo, esponendo la via del conseguimento della Buddità in questa esistenza, il Daishonin ci ha dato la possibilità di condur re una vita basata sull’infinito potere della Legge mistica, una vita solida e sicura che infonde coraggio e fiducia in se stessi. Questo è il significato del principio del conseguimento della Buddità in questa esistenza nei termini della nostra vita individuale.
Nel Buddismo del Daishonin ottenere l’illuminazione non significa imbarcarsi in un viaggio interminabile per diventare un Budda splendente come una divinità, bensì effettuare una trasformazione nelle profondità del nostro essere. Questa concezione rivoluzionaria dell’ottenimento dell’illuminazione cambia radicalmente l’intero significato della pratica buddista per come era sempre stata tradizionalmente intesa.
Non si tratta dunque di praticare per raggiungere le massime vette dell’illuminazione a un certo momento in un lontano futuro, ma piuttosto di una costante lotta interiore, attimo dopo attimo, fra le due alternative di rivelare la nostra innata natura del Dharma oppure di farci dominare dall’oscurità fondamentale e dall’illusione. Questo sforzo incessante di perfezionare la nostra vita è il nucleo e l’essenza della pratica buddista.
Solo vincendo sulla nostra oscurità e negatività interna possiamo essere vincitori nella vita e rivelare pienamente il nostro potenziale. Lo stesso vale se desideriamo davvero godere di una piena realizzazione nella nostra vita. In tal senso vorrei sottolineare che la pratica esposta nel Buddismo di Nichiren Daishonin per conseguire la Buddità in questa esistenza è il solo mezzo per vincere l’oscurità e l’illusione, che sono l’origine fondamentale di tutto ciò che di male esiste nella vita degli esseri umani, e coltivare una vera indipendenza, costruire un io solido e raggiungere uno stato vitale di illimitata felicità e pace della mente. Conseguire la Buddità in questa esistenza diventa così lo scopo fondamentale della vita di un individuo.
Il significato di conseguire la Buddità in questa esistenza dal punto di vista collettivo Il Sutra del Loto è il re dei sutra, la diretta via all’illuminazione, poiché spiega che l’entità della nostra vita in ogni singolo istante, dalla quale sorgono sia il bene che il male, è in realtà l’entità della Legge mistica.
Se hai una profonda fede in questa verità e reciti Myoho renge kyo, sicuramente conseguirai la Buddità in questa esistenza. Questo è il motivo per cui il sutra afferma: «Dopo la mia estinzione, dovrebbe abbracciare e sostenere questo sutra. Tale persona sicuramente, senza alcun dubbio, conseguirà la Via del Budda». Non dubitare mai minimamente.
Il terzo motivo per cui ritengo così significativo il principio del conseguimento della Buddità in questa esistenza è perché costituisce una fonte di speranza per tutta l’umanità che renderà possibile trasformarne il destino. Questo è il suo significato dal punto di vista collettivo e universale.
Molti eminenti pensatori e intellettuali condividono la percezione che la civiltà moderna abbia perso di vista l’essere umano e si trovi in un vicolo cieco su molti fronti. Non si può negare che il mondo spirituale interiore sia stato trascurato e che troppe persone siano ossessionate dalla ricerca di comodità, agio e piacere in qualcosa di esterno a loro.
Se non superiamo le fondamentali illusioni umane indotte dall’avidità, dalla collera e dalla stupidità non potremo risolvere i numerosi problemi che il mondo attuale ha di fronte, fra cui la preoccupazione per la crescita economica, una politica priva di umanesimo, i conflitti internazionali, la guerra, la crescente disparità fra ricchi e poveri e la discriminazione che dilaga. La conclusione che ho tratto dai miei dialoghi con grandi pensatori è che l’unica soluzione reale per gli esseri umani è cambiare, che l’unica chiave risiede nella “rivoluzione umana”.
Inoltre se non si adotta una visione corretta della vita e della morte è impossibile vincere radicalmente sull’oscurità e sulle illusioni inter ior i. Senza la visione della vita e della morte della Via di mezzo – una visione che rifugge i punti di vista estremi della dottrina dell’annichilazione e della dottrina dell’eternità – è impossibile ottenere un’autentica e duratura felicità.
Per gli esseri umani l’unico modo di cambiare è vincere l’oscurità interiore e riscoprire la sacralità e la dignità eternamente presenti nella vita.
Coltivare la nobile spiritualità di cui tutte le persone sono originariamente dotate condurrà direttamente a un cambiamento nel destino dell’umanità. Con questa convinzione noi della Soka Gakkai ci siamo adoperati per costruire una rete di bene che abbracci tutto il mondo.
In queste lezioni avrò ulteriori occasioni di parlare di quanto sia apprezzata questa impresa senza precedenti che stiamo cercando di realizzare e delle grandi aspettative che suscitiamo.
Alla fine del Gosho il Daishonin dice: «Non dubitarne mai minimamente». Sta dicendo di avere completa fiducia nel fatto che raggiungeremo la Buddità in questa esistenza. Le sue parole contengono anche il monito a mantenere una forte fede, altrimenti sarà facile perdere di vista l’obiettivo fondamentale dell’illuminazione e cadere negli abissi dell’oscurità e dell’illusione.
Tutti nel profondo del cuore anelano a ottenere l’illuminazione, ma nessun insegnamento è tanto difficile da credere e da comprendere quanto quello che ci assicura il conseguimento della Buddità nell’esistenza presente. Noi della Soka Gakkai abbiamo accettato la sfida di praticare questo profondo insegnamento e condividerlo con le altre persone, in Giappone e in tutto il mondo.
Come coraggiosi Bodhisattva della terra stiamo dando prova, nel mondo di oggi, del potenziale che ha ogni essere umano di trasformare il proprio destino. Fieri della nostra nobile missione continuiamo a diffondere con gioia il Buddismo del Daishonin – con la sua dottrina del conseguimento della Buddità in questa esistenza che permette a tutte le persone di realizzare la suprema felicità – e a condurre un’esistenza volta a creare il massimo valore.

Commenti