Adottare l’insegnamento corretto per la pace nel paese #7/7

La Centralità dell'essere umano

Per il Buddismo di Nichiren Daishonin le persone sono il punto fondamentale per la trasformazione della società e lo scopo di kosen rufu è la “sicurezza umana”. Concentrarsi sulle persone: questo è anche il cuore delle attività della Soka Gakkai, che consistono fondamentalmente nel condividere gli insegnamenti del Daishonin con una persona dopo l’altra, per la loro felicità e per creare le condizioni di una società prospera e pacifica.
La centralità dell’essere umano contenuta nel Rissho ankoku ron e resa attuale dalla Soka Gakkai, è molto vicina all’idea che si sta evolvendo nella nostra società, secondo la quale la vita della persone è più importante degli interessi politici o economici nei quali le persone sono considerate un mezzo e non un fine, e la protezione dell’ambiente naturale è fondamentale per la sicurezza degli esseri viventi. La vita e l’ambiente, come spiega il principio di “non dualità di vita e ambiente”, sono strettamente connessi.
Dalla forza vitale collettiva degli esseri umani e della società deriva anche la portata e l’intensità dei disastri: dove prevalgono l’odio e i conflitti anche la minima perturbazione naturale può causare una calamità per molte persone, dove invece prevalgono la solidarietà e il rispetto anche un evento naturale distruttivo può essere contenuto e la sicurezza umana protetta e ripristinata.
Daisaku Ikeda riassume questi concetti così: «Adottare l’insegnamento corretto per la pace nel paese è la filosofia di base per correggere le impurità fondamentali della vita e realizzare la sicurezza dell’intera società umana. È impossibile che il Daishonin volesse tutto questo solo per il Giappone. Realizzare la pace mondiale e recare felicità a tutta l’umanità è lo scopo del nostro movimento buddista. L’umanità si trova attualmente a un importante bivio: vogliamo sprofondare in un mondo dominato dalla violenza e dalla paura o costruire un mondo di pace e sicurezza? Dobbiamo eliminare la guerra, l’interminabile malattia karmica dell’umanità, e concretizzare su scala globale il principio di “adottare l’insegnamento corretto per la pace nel paese”; ciò potrà essere realizzato soltanto se ogni singolo individuo attuerà un cambiamento radicale nella profondità della sua vita. Una grande rivoluzione umana in un’unica persona può contribuire alla trasformazione del destino di tutta l’umanità e noi siamo la prima linea di questa splendida rivoluzione».
stampa la pagina

Commenti