Buddismo: niente per caso #8/9

La vita degli esseri umani" scrive il Daishonin "è incatenata dal karma negativo, dai desideri e dalle illusioni e dalla sofferenza innata di vita e morte. Ma, date le tre potenzialità della natura di Budda: la Buddità innata, la saggezza per percepirla e l'azione per manifestarla, non c'è dubbio che le nostre vita possano arrivare e rivelare le tre proprietà del Budda".
Man mano che la nostra Buddità si rafforza, possiamo addirittura incominciare a usare il nostro karma negativo per creare "fortuna" per noi e per gli altri. Problemi e desideri infatti, ci spingono a recitare piuttosto che limitarci a soffrire, atto che subito rivela la nostra Buddità e allo stesso tempo la fortifica, accumulando nella nostra ottava coscienza una fortuna che nel futuro dovrà manifestarsi. Il nostro karma è infatti conservato nell'ottava coscienza e ha un profondo effetto sulle altre prime sette. Se abbiamo, per esempio, una forte tendenza alla collera, questa dominerà i nostri pensieri nella settima coscienza e anche il modo in cui costruiamo la nostra visione del mondo esterno, nella sesta coscienza, attraverso i dati forniti dai nostri sensi.
Per quanto incredibile possa sembrare, recitando Nam myoho renge kyo "perforiamo" il nostro intimo fino ad arrivare ad attingere alla nona coscienza, la sorgente della forza vitale cosmica. Questa poderosa forza attraversa allora le altre otto coscienze, purificando tutta la nostra vita e riversandosi nel nostro ambiente.
Nonostante la nostra natura di Budda si manifesti non appena recitiamo Nam myoho renge kyo, occorre molto tempo perché essa domini ogni aspetto della nostra vita: dieci, venti o persino trenta anni di pratica assidua. Naturalmente, pochi sarebbero capaci di praticare così a lungo senza ricevere ogni tanto una ricompensa per il loro sforzi. Come esseri umani abbiamo bisogno di prove dell'effetto della nostra pratica, sotto forma di benefici visibili.
La gioia che ne ricaviamo approfondisce la nostra fede e ci spinge ad andare avanti, tanto da poter apprezzare il crescente accumulo di importantissimi benefici invisibili.
Nichiren Daishonin spiega che la fortuna e i benefici che derivano dalla recitazione di Nam myoho renge kyo si manifestano in quattro modi diversi. "Preghiera visibile che produce un beneficio visibile": recitando sinceramente riusciamo a realizzare rapidamente il nostro desiderio, un beneficio che le persone ottengono spesso appena iniziano a praticare e che sembra quasi un miracolo. (continua) (Richard Causton)

stampa la pagina

Commenti