La Storia della Soka Gakkai #3/5

La Soka Gakkai Internazionale

A partire dal primo anno della sua presidenza Daisaku Ikeda iniziò a recarsi all’estero: visitò l’America del Nord e del Sud, il Sud-est Asiatico, l’India, l’Europa. Nell’arco di quindici anni il Buddismo di Nichiren Daishonin si diffuse in tutti e cinque i continenti.
Il 26 gennaio del 1975 sull’isola di Guam nell’oceano Pacifico, di fronte ai rappresentanti di cinquantuno paesi, Italia compresa, nacque la Soka Gakkai Internazionale (SGI). Da allora, in molte nazioni si è andata costituendo un’organizzazione autonoma che aderisce alla SGI, con sede a Tokyo, con diversa struttura a seconda delle esigenze e delle culture.
Dall’inizio degli anni Ottanta la SGI è stata riconosciuta presso le Nazioni Unite come Organizzazione non governativa (ONG) e ha cominciato a impegnarsi in diverse agenzie internazionali, quali l’UNESCO e l’ACNUR.
Ogni anno, dal 1983, il presidente Ikeda invia alle Nazioni Unite una Proposta di pace, che contiene riflessioni sulla pace, i diritti umani, l’educazione, la politica e l’economia ispirate all’umanesimo buddista.
stampa la pagina

Commenti