Proposta di pace 2009 - 1/13


Verso la competizione umanitaria: una nuova corrente nella storia.

Anche quest'anno, in occasione dell'anniversario della fondazione della Soka Gakkai Internazionale, il 26 gennaio Daisaku Ikeda ha presentato all'assemblea generale delle Nazioni Unite una Proposta di pace che offre una lettura profonda e lungimirante della situazione globale attuale, fornendo la chiave di interpretazione e i metodi concreti per affrontare e risolverne i mali principali.
Innanzitutto viene analizzata la crisi finanziaria in corso, che affonda le radici nel patologico culto per il denaro, per la valuta astratta che ha perso ogni legame con l'econimia reale.

E proprio lo "spirito di astrazione", il meccanismo distruttivo che porta a considerare persone e fenomeni senza tenere conto della realtà concreta, è visto come causa della guerra e della mal riposta fiducia assoluta, da parte della società contemporanea, nella libera competizione e nel mercato.
Ikeda propone un nuovo paradigma in grado di unire le energie competitive e gli interessi comuni: la "competizione umanitaria", che privilegia l'influenza morale sulla forza militare e politica.
Per risolvere i suoi problemi l'umanità deve agire in base a una visione condivisa sulle questioni principali - ambiente, sviluppo, disarmo nucleare - che utilizzi la competizione umanitaria come strumento per creare una comunità gobale capace di coesistere pacificamente.
Solo dal dialogo, che non segue mai schemi prestabiliti e va oltre le definizioni arbitrarie e superficiali, può nascere il nuovo.
stampa la pagina

Commenti